Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24024 del 24/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 24/11/2016, (ud. 21/09/2016, dep. 24/11/2016), n.24024

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MACIOCE Luigi – Presidente –

Dott. TORRICE Amelia – Consigliere –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. BLASUTTO Daniela – rel. Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 26242/2013 proposto da:

M.L.E. MALPENSA LOGISTICA EUROPA S.P.A. P.I. (OMISSIS), in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DELLE TRE MADONNE 8, presso lo studio dell’avvocato MARCO

MARAZZA, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

MAURIZIO MARAZZA, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

R.R., RI.AL., T.T., TE.IV.;

– intimati –

Nonchè da:

R.R. C.F. (OMISSIS), RI.AL. C.F. (OMISSIS),

T.T. C.F. (OMISSIS), TE.IV. C.F. (OMISSIS), elettivamente

domiciliati in ROMA, VIALE CARSO 23, presso lo studio dell’avvocato

MARIA ROSARIA DAMIZIA, rappresentati e difesi dall’avvocato GUIDO

VITTORIO TRIONI, giusta delega in atti;

– controricorrenti e ricorrenti incidentali –

contro

M.L.E. MALPENSA LOGISTICA EUROPA S.P.A. P.I. (OMISSIS), in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DELLE TRE MADONNE 8, presso lo studio dell’avvocato MARCO

MARAZZA, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

MAURIZIO MARAZZA, giusta delega in atti;

– controricorrente al ricorso incidentale –

avverso la sentenza n. 64/2013 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 22/05/2013 R.G.N. 2546/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

21/09/2016 dal Consigliere Dott. DANIELA BLASUTTO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per l’estinzione del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Gli attuali controricorrenti, ricorrenti incidentali, già dipendenti della Malpensa Logistica Europa, con varie mansioni, adivano il Tribunale di Busto Arsizio esponendo che in data 2.12.2010 la società, adducendo la perdita di parte del traffico aereo in conseguenza del passaggio delle attività prima gestite per conto del vettore Cathay Pacific Cargo all’operatore Alha Airport, aveva attivato la c.d. clausola sociale di cui all’art. H37 del CCNL del trasporto aereo, conclusasi con accordo del 28.12.2010 con cui le società interessate avevano individuato i nove lavoratori che dovevano transitare alle dipendenze di Alha Airport s.p.a., tra i quali i medesimi ricorrenti; che la società subentrante li aveva assunti ex novo con conseguente perdita di scatti di anzianità e cassa di previdenza SEA. I lavoratori sostenevano che, al di là del nomen iuris adottato, la Malpensa Logistica Europa aveva adottato un vero e proprio licenziamento, del quale assumevano l’illegittimità, con diritto alla tutela reale.

2. Il Giudice adito accoglieva la domanda subordinata, intesa al riconoscimento dell’indennità sostitutiva del preavviso, rigettando ogni altra pretesa. Le opposte impugnazioni venivano respinte dalla Corte di appello di Milano, che confermava la sentenza di primo grado con parziale diversa motivazione, ravvisando nella fattispecie un licenziamento e non una risoluzione consensuale del rapporto, come invece ritenuto dal Giudice di primo grado. Riteneva la legittimità del licenziamento, essendo comprovato il giustificato motivo oggettivo ed essendo stati rispettati i criteri concordati per la selezione dei lavoratori destinati a passare alle dipendenze dell’operatore subentrante. Sussisteva comunque il diritto dei lavoratori a percepire un’indennità sostitutiva pari all’ultima retribuzione omnicomprensiva per tutta la durata del preavviso.

3. Tale sentenza è stata impugnata in via principale della soc. Malpensa Logistica Europa sulla base di un motivo di impugnazione. I signori Tr., R., T. e Te. hanno resistito con controricorso ed hanno, a loro volta, proposto ricorso incidentale sulla base di cinque motivi, cui ha resistito la soc. Malpensa Logistica Europa con controricorso.

4. In prossimità dell’udienza le parti hanno depositato atti di rinuncia ai rispettivi ricorsi, principale ed incidentale, avendo nelle more del giudizio raggiunto un accordo transattivo con cui hanno definito ogni questione controversa.

5. Sussistendone i relativi presupposti, deve essere dichiarata l’estinzione del giudizio ex art. 390 c.p.c.. Nulla va disposto quanto alle spese, in applicazione dell’art. 391 c.p.c., u.c..

6. Infine, non è dovuto il raddoppio del contributo unificato. Questa Corte ha difatti affermato che, in materia di impugnazioni, la declaratoria di estinzione del giudizio esclude l’applicabilità del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, relativo all’obbligo della parte impugnante non vittoriosa di versare una somma pari al contributo unificato già versato all’atto della proposizione dell’impugnazione (Cass. 19560 del 2015).

PQM

La Corte dichiara estinto il giudizio. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 21 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 24 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA