Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 24006 del 30/10/2020

Cassazione civile sez. III, 30/10/2020, (ud. 23/07/2020, dep. 30/10/2020), n.24006

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – rel. Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 28405/2019 proposto da:

A.I.M.A., nato in (OMISSIS), rappresentato e difeso

dall’avv.to Giorgio Lazar, con studio in Milano, via Bolzano 31,

giusta procura speciale allegata al ricorso, e domiciliato in Roma

piazza Cavour presso la cancelleria civile della Corte di

cassazione;

– ricorrente –

contro

Ministero Dell’Interno, in persona del Ministro pro tempore;

– intimato –

avverso il decreto del giudice di pace di Cremona n. 1942/2019

depositato il 19.9.2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

23.7.2020 dal Cons. Dott. Antonella Di Florio.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. A.I.M.A., proveniente dall'(OMISSIS), ricorre affidandosi ad un unico motivo per la cassazione del decreto del giudice di pace di Cremona che aveva convalidato il provvedimento di accompagnamento alla frontiera emesso nei suoi confronti dal Questore a seguito, fra le altre cose, del rigetto della concessione del permesso di soggiorno.

2. La parte intimata non si è difesa.

3. Il Procuratore Generale ha depositato le proprie conclusioni, chiedendo l’accoglimento del ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

1. Con unico motivo, il ricorrente deduce “la violazione di legge e di un principio costituzionale”.

1.1. Assume che il provvedimento di convalida era stato emesso in violazione dell’art. 24 Cost., in quanto l’allontanamento dal territorio nazionale pregiudicava il suo diritto di difesa in relazione a tre procedimenti penali pendenti nei suoi confronti, rispettivamente presso il Tribunale di Pavia, il Tribunale di Bologna e la Procura della Repubblica di Bergamo.

1.2. Ha aggiunto che, inoltre, il decreto non teneva conto che egli era in procinto di “convolare a nozze” con una cittadina marocchina residente in Italia e che ciò gli avrebbe comunque conferito il titolo per richiedere un permesso di soggiorno per “coesione familiare”.

2. In via preliminare, deve essere esaminata la questione relativa all’ammissibilità del ricorso, rilevabile d’ufficio.

2.1. Si osserva, infatti, che non è stata prodotta la prova della notifica di esso alla controparte che è rimasta soltanto intimata.

2.2. A ciò consegue che, ex artt. 325 e 327 c.p.c., non risultano validamente interrotti i termini previsti per la proposizione del giudizio di cassazione (cfr. ex multis Cass. 13639/2010; Cass. 16496/2018) e che il ricorso, pertanto, deve essere dichiarato inammissibile, in quanto il provvedimento impugnato, in ragione di ciò, risulta definitivo.

3. La mancata difesa della parte intimata esime la Corte dalla decisione sulle spese del giudizio di legittimità, dovendosi altresì precisare che trattasi di materia esente dal pagamento del contributo unificato.

P.Q.M.

La Corte:

rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte di Cassazione, il 23 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 30 ottobre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA