Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2389 del 02/02/2010

Cassazione civile sez. lav., 02/02/2010, (ud. 18/12/2009, dep. 02/02/2010), n.2389

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. D’AGOSTINO Giancarlo – rel. Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

DHL AVIATION ITALY SRL, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI RIPETTA 22, presso

lo studio dell’avvocato VESCI GERARDO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato CAGGESE MARGHERITA, giusta mandato a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

S.F., elettivamente domiciliato in ROMA,

CIRCONVALLAZIONE CLODIA 82, presso lo studio dell’avvocato DAVIDE

TEDESCO, rappresentato e difeso dall’avvocato LOSITO TITO, giusta

mandato speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 380/2008 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA del

25/09/08, depositata l’08/11/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

18/12/2009 dal Consigliere Relatore Dott. D’AGOSTINO Giancarlo;

udito per il ricorrente l’Avvocato Marchio Francesco, (delega

Avvocato Gerardo Vesci), difensore della ricorrente che si riporta

agli scritti;

e’ presente il P.G. in persona del Dott. FEDELI Massimo che nulla

osserva rispetto alla relazione scritta.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte di Appello di Brescia, con sentenza depositata il 29.11.2008, in riforma della sentenza del Tribunale di Bergamo, ha dichiarato l’avvenuto svolgimento da parte di S.F. di mansioni superiori di 2 livello ex CCNL dall’1.2.2001 al 1.2.2002 ed ha condannato la s.r.l. DHL Aviation Italy al pagamento in favore del dipendente delle differenze retributive e del risarcimento del danno conseguente all’accertato demansionamento, oltre accessori.

La s.r.l. DHL ha chiesto la cassazione di tale sentenza con ricorso sostenuto da tre motivi con i quali ha denunciato omessa ed insufficiente motivazione ed errata interpretazione delle norme del contratto collettivo applicabile al rapporto di lavoro.

S.F. ha resistito con controricorso.

Il ricorso e’ improcedibile.

L’art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4, come modificato dal D.Lgs. n. 40 del 2006, art. 7 applicabile ai ricorsi proposti avverso sentenze depositate dopo il 3 aprile 2006, dispone che “insieme al ricorso debbono essere depositati, sempre a pena di improcedibilita’…i contratti o accordi collettivi sui quali il ricorso si fonda”.

Nella specie non risulta che la ricorrente abbia depositato unitamente al ricorso per Cassazione anche il contratto collettivo di cui lamenta l’errata interpretazione da parte del giudice di appello.

Tale onere non puo’ ritenersi soddisfatto dalla produzione del fascicolo di parte dei giudizi di merito nei quali il contratto collettivo e’ stato a suo tempo inserito, ne’ dalla trascrizione in ricorso delle parti del contratto che a giudizio della ricorrente interessano la sua vicenda processuale (vedi Cass. S.U. n. 28547/2008, Cass. n. 15495/2009, Cass. n. 21558/2009).

Il ricorso, di conseguenza, deve essere dichiarato improcedibile con conseguente condanna della ricorrente al pagamento, in favore della parte resistente, delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in dispositivo.

P.Q.M.

LA CORTE Dichiara improcedibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in Euro 30,00 per esborsi ed in Euro duemila/00 per onorari, oltre spese generali, IVA e CPA. Cosi’ deciso in Roma, il 18 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 2 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA