Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23888 del 22/10/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 23888 Anno 2013
Presidente: DI PALMA SALVATORE
Relatore: BISOGNI GIACINTO

ORDINANZA

Rep . CI

sul ricorso per regolamento di competenza proposto da:
Ud. 07/05/13
Comune di Montecreto, elettivamente domiciliato in Roma
via G. Antonelli 50, presso lo studio dell’avv.ta
Francesca Marziale, rappresentato e difeso, per procura
speciale in calce al ricorso, dall’avvocato Giorgio
Fregni;

– ricorrente nei confronti di
Veneto Banca s.c.p.a., Modena Capitale Energia s.p.a.,
Cimoncino s.r.1.;
– Intimate avverso la ordinanza del Tribunale di Treviso emessa il
Goil

3 settembre 2012 e depositata il 5 settembre 2012, nel

2013

giudizio n. R.G. 4267/2011;
sentito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore

Data pubblicazione: 22/10/2013

••■■•

Generale Dott. Ignazio Patrone;

Rilevato che:
1. Il Comune di Montecreto (Modena) ha ottenuto
decreto ingiuntivo nei confronti di Veneto Banca
s.c.p.a. garante del corretto adempimento del

società Cimoncino s.r.l. e Modena Capitale Europa
s.p.a. per l’installazione e la gestione di un
impianto eolico.
2. Ha proposto opposizione la Banca ingiunta
eccependo

la

estinzione

dell’obbligazione

principale per il mancato ottenimento del parere
positivo sulla valutazione di impatto ambientale
e contestando la misura del credito vantato dal
Comune. Ha chiamato in garanzia le società
Cimoncino s.r.l. e Modena Capitale Europa s.p.a.
le quali costituendosi hanno aderito alle
eccezioni sollevate dal Comune e hanno chiesto la
sospensione del giudizio in attesa della
definizione di altro giudizio proposto davanti al
Tribunale di Pavullo in cui la Cimoncino s.r.l.
aveva chiesto la risoluzione del contratto per
mancato avveramento della

condiclo iuris

costituita dal rilascio delle autorizzazioni
amministrative necessarie alla realizzazione del
parco eolico.
3. Con ordinanza del 3/5 settembre 2012 il giudice
della causa di opposizione al decreto ingiuntivo

2

contratto di uso stipulato dal Comune con le

pendente davanti al Tribunale di Treviso ha
disposto la sospensione del giudizio sino alla
definizione del giudizio instaurato presso il
Tribunale di Pavullo (R.G. n. 257/2011) dalla
s.r.l. Cimoncino nei confronti del Comune di
Montecreto ritenendo sussistente una connessione

le due cause.
4.

Ricorre con regolamento di competenza il Comune
di Montecreto ritenendo violato il disposto
dell’art. 295 c.p.c. e inesistente un rapporto di
pregiudizialità logica e giuridica fra le due
cause in considerazione della natura del
contratto intercorso fra il Comune e la Veneto
Banca s.c.p.a. che ha definito come contratto
autonomo di garanzia.

5. Non svolgono difese le società intimate.
Ritenuto che
6. La qualificazione della domanda proposta in
giudizio dal Comune di Montecreto con il ricorso
per decreto ingiuntivo è quella della escussione
di un contratto autonomo di garanzia contenente
clausola di pagamento a prima richiesta.
7. Come ha rilevato il Procuratore Generale, con la
nota illustrativa della richiesta di accoglimento
del

ricorso,

sottoscritta

dal

sostituto

Procuratore Generale Sergio Del Core, il
contratto autonomo di garanzia consente in ogni
caso e immediatamente di ottenere la prestazione

3

per garanzia o, quanto meno, per accessorietà fra

del garante semplicemente affermando che è
mancato l’adempimento da parte del debitore
principale ancorché il titolo costitutivo del
debito principale sia nullo, annullabile,
rescindibile ovvero inesistente, salva restando
la possibilità per il garante di proporre (cosa

Tribunale di Treviso)
presentis

exceptlo doli generalls seu

nel caso in cui la richiesta di

pagamento appaia

prima facie

frutto di un

comportamento abusivo e fraudolento del creditore
beneficiario della garanzia.
8. Il contratto autonomo di garanzia si distingue
per

l’assenza

di

accessorietà

rispetto

all’obbligazione principale a carico del soggetto
garantito (Case. civ. sezione prima n. 20746 del
10 ottobre 2011). Conseguentemente deve ritenersi
fondato il ricorso proposto dal Comune in quanto
la rilevata connessione per garanzia o per
accessorietà fra i due giudizi è inesistente
proprio in forza della natura del contratto in
base al quale è stata proposta la domanda di
pagamento da parte del Comune.
9.

Va pertanto accolto il ricorso, cassato il
provvedimento impugnato e rimesse le parti
davanti al Tribunale di Treviso che regolerà
anche le spese del presente giudizio.

4

che non è avvenuta nel giudizio davanti al

P.Q.M.
La Corte accoglie il ricorso,

cassa il

provvedimento impugnato e rimette le parti davanti al
Tribunale di Treviso anche per le spese del presente
giudizio.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del

7 maggio 2013.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA