Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23874 del 25/09/2019

Cassazione civile sez. trib., 25/09/2019, (ud. 11/04/2019, dep. 25/09/2019), n.23874

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello – Consigliere –

Dott. PANDOLFI Catello – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

Sul ricorso iscritto al n. 3533/16, la società

G.F., rappresentato e difeso dall’Avv. Paolo Izzo con domicilio

eletto in Roma piazza Cola di Rienzo n. 92 presso lo studio

dell’avv. Elisabetta Nardone;

– ricorrente –

Contro

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato con domicilio eletto in Roma in Roma via dei

Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

Avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Campania n. 5723/2015 depositata il 12/06/2015.

Udita la relazione del Consigliere Dott. Catello Pandolfi nella

Camera di consiglio del 11/04/2019.

Fatto

RILEVATO

Il sig G.F. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della CTR Campania n. 5723/2015 depositata il 12/06/2015. La vicenda scaturisce dalla notifica di un avviso di accertamento relativo all’anno d’imposta 2007 con cui l’ufficio contestava al contribuente maggiori imposte a titolo di IRPEF, IRAP e recupero IVA. Il G. opponeva l’avviso alla CTP di Avellino che rigettava il ricorso con decisione che la CTR, adita in appello, confermava.

Resisteva l’Agenzia delle Entrate con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

Nel corso del giudizio, con nota di deposito del 16.10.2018, l’Agenzia delle Entrate, tramite l’Avvocatura erariale, avanzava istanza di estinzione a seguito di definizione agevolata della controversia, allegando la nota della Direzione Provinciale di Avellino dell’Agenzia, attestante il perfezionamento della procedura. Il contribuente con memoria del 23.03.2019 instava anch’egli per l’estinzione del giudizio per l’intervenuta definizione agevolata.

Su tale premessa, esaminati gli atti, ritenuto che nulla osti.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio ai sensi del D.L. n. 98 del 2011, ex art. 39, comma 1 e della L. n. 289 del 2002, art. 16, comma 8. Spese compensate.

Così deciso in Roma, il 11 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 25 settembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA