Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23863 del 29/10/2020

Cassazione civile sez. trib., 29/10/2020, (ud. 07/11/2019, dep. 29/10/2020), n.23863

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. ZOSO Liliana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2745-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

T.D.P.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

RONCIGLIONE N. 3, presso lo studio dell’avvocato CRISTIANA LIGUORI,

rappresentata e difesa dall’avvocato GIUSEPPE RINALDI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5281/2014 della COMM. TRIB. REG. di NAPOLI,

depositata il 03/06/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/11/2019 dal Consigliere Dott. ALDO CRISCUOLO.

 

Fatto

RITENUTO

che:

L’AGENZIA DELLE ENTRATE, ricorre per la cassazione della sentenza 5281/47/2014 depositata in data 3.6.2014 con la quale la CTR della Campania aveva accolto l’appello proposto da T.d.P.M. avverso la decisione della CTP di Napoli reiettiva del suo ricorso riguardante la impugnazione dell’avviso di liquidazione dell’imposta di registro dovuta per la registrazione della sentenza n. 4943/2008 emessa dal Tribunale di Napoli in esito al un giudizio di divisione.

Il ricorso è affidato all’unico motivo, indicato nella violazione e falsa applicazione della L. 22 aprile 1982, n. 168, art. 1, e del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 1, con riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, secondo cui l’applicazione dei benefici fiscali per l’acquisto della prima casa è subordinato ad espressa richiesta formulata nell’atto di acquisto dal compratore, tenuto contestualmente a dichiarare l’esistenza dei presupposti cui è condizionala l’agevolazione. Nel caso in esame era mancata ogni richiesta da parte della T. che, peraltro, aveva già assolto al pagamento dell’imposta nella misura agevolata;

La contribuente è costituita con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

L’unico motivo di ricorso è fondato e va accolto.

L’atto sottoposto a registrazione è una sentenza di divisione giudiziale ex art. 713 e segg. c.c., di un compendio immobiliare in comunione ereditaria con conseguente obbligo di richiedere la registrazione a carico del Cancelliere.

La norma della L. n. 168 del 1982, art. 1, circoscrive la possibilità per il contribuente di effettuare dichiarazioni in ordine alle agevolazioni fiscali di cui intende avvalersi nel solo ambito dell’atto traslativo e nulla prevede per il diverso caso in cui l’atto di trasferimento avvenga per atto del giudice, come in sede di divisione giudiziale.

Secondo la CTR in tali casi il contribuente non ha alcuna possibilità di intervenire per rendere la dichiarazione sul regime fiscale cui ritiene di aver diritto atteso che scaturendo l’assegnazione dell’immobile da una sentenza conseguente a un giudizio di divisione, lo stesso non poteva sapere se quel determinato immobile gli sarebbe stato assegnato.

Non ritiene la Corte di poter condividere siffatta impostazione.

Ed infatti, dal fatto che il trasferimento dell’immobile derivi nei casi come quello in esame da un atto del giudice non può derivare una abrogazione della previsione che impone a carico del contribuente obbligatoriamente la predetta dichiarazione, ma solo uno spostamento temporale della stessa, dal momento dell’acquisto a quello della registrazione. Tale momento, infatti, viene a porsi come quello a partire dal quale la parte destinataria degli effetti del provvedimento può far valere il proprio diritto all’applicazione del beneficio potendo attivarsi per rendere la necessaria dichiarazione in ordine alle agevolazioni fiscali cui ritiene di avere diritto.

L’accoglimento del ricorso comporta la cassazione della sentenza impugnata e il rigetto dell’originario ricorso.

Le spese possono dichiararsi compensate in ragione della peculiarità della materia trattata.

P.Q.M.

La corte:

Accoglie il ricorso, contro la sentenza impugnata e rigetta l’originario della controricorrente.

Spese compensate.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 7 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 29 ottobre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA