Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23845 del 15/11/2011

Cassazione civile sez. lav., 15/11/2011, (ud. 13/10/2011, dep. 15/11/2011), n.23845

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. IANNIELLO Antonio – Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – rel. Consigliere –

Dott. MAISANO Giulio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

MINISTERO DELLA SALUTE, in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato, che lo rappresenta e difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

A.A., C.M.A., in proprio e nella loro

qualità di eredi di A.B., elettivamente domiciliate in

ROMA, VIA VIRGINIO ORSINI 21, presso lo studio dell’avvocato DEL RE

GIOVANNI, che li rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrente –

e contro

A.S.L. n. (OMISSIS) PROVINCIA DI MILANO;

– intimata –

avverso la sentenza n. 753/2006 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 19/10/2006 R.G.N. 384/05;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

13/10/2011 dal Consigliere Dott. GIANFRANCO BANDINI;

udito l’Avvocato RUSSO MARINA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAETA Pietro che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 26.9 – 19.10.2006 la Corte d’Appello di Milano, pronunciando sul gravame proposto dal Ministero della Salute nei confronti di A.A. e C.M.A., eredi di A.B., e della ASL della Provincia di Milano n. (OMISSIS), confermò la sentenza di prime cure che aveva condannato il Ministero alla corresponsione, a favore degli eredi di A.B., dell’assegno una tantum di cui alla L. n. 210 del 1992, art. 1, comma 3 sul presupposto della sussistenza del nesso causale tra le trasfusioni di sangue e l’epatite e tra questa malattia e la morte; a sostegno del decisum, per quanto ancora qui rileva, la Corte territoriale osservò che, nel giudizio di primo grado, il Ministero della Salute non aveva in alcun modo contestato l’esistenza del nesso causale tra le trasfusioni e la morte e che pertanto, in mancanza di una specifica contestazione sul punto, il Giudice di primo grado aveva correttamente considerato tale elemento riconosciuto e pacifico e, per conseguenza, ritenuto superflua qualsiasi attività istruttoria, considerato anche che nella propria memoria difensiva il Ministero non aveva articolato mezzi di prova, nè formulato richiesta di consulenza tecnica.

Avverso l’anzidetta sentenza della Corte territoriale, il Ministero della Salute ha proposto ricorso per cassazione fondato su tre motivi. Gli intimati A.A. e C.M.A. hanno resistito con controricorso.

L’intimata ASL della Provincia di Milano n. (OMISSIS) non ha svolto attività difensiva.

All’udienza di discussione il difensore dei Ministero ricorrente ha dichiarato di rinunciare al primo motivo di ricorso, con il quale aveva eccepito che, sulla base della normativa di riferimento, nei giudizi relativi ad istanze di indennizzo presentate in via amministrativa in data precedente il 1. 1.2001 ovvero il 21.2.2001 la legittimazione passiva deve essere riconosciuta alle Regioni.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. L’eccezione dei controricorrenti di inammissibilità del ricorso per essere stato loro notificato in un’unica copia è infondata, poichè, secondo la giurisprudenza, anche a Sezioni Unite, di questa Corte, la notificazione dell’atto d’impugnazione eseguita presso il procuratore costituito per più parti, mediante consegna di una sola copia (o di un numero inferiore), è valida ed efficace, in virtù della generate applicazione del principio costituzionale della ragionevole durata del processo, alla luce del quale deve ritenersi che non solo in ordine alle notificazioni endoprocessuali, regolate dall’art. 170 c.p.c., ma anche per quelle disciplinate dall’art. 330 c.p.c., comma 1, il procuratore costituito non è un mero consegnatario dell’atto di impugnazione, ma ne è il destinatario, analogamente a quanto si verifica in ordine alla notificazione della sentenza a fini della decorrenza del termine d’impugnazione ex art. 285 c.p.c., in quanto investito dell’inderogabile obbligo di fornire, anche in virtù dello sviluppo degli strumenti tecnici di riproduzione degli atti, ai propri rappresentati, tutte le informazioni relative allo svolgimento e all’esito del processo (cfr, ex plurimis, Cass., SU, n. 29290/2008; Cass., nn. 18034/2009;

6051/2010).

2. Con il secondo motivo di ricorso (il primo, come detto, essendo stato rinunciato) il Ministero ricorrente denuncia vizio di motivazione (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), negando l’avvenuta corretta applicazione del principio di non contestazione, stante la posizione processuale da esso ricorrente assunta con la memoria difensiva di primo grado e con il ricorso d’appello.

2.1 Secondo l’orientamento delle Sezioni Unite di questa Corte, a mente dell’art. 366 bis c.p.c. (applicabile ratione temporis alla presente controversia), la censura concernente l’omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5) deve contenere un momento di sintesi (omologo del quesito di diritto) che ne circoscriva puntualmente i limiti, in maniera da non ingenerare incertezze in sede di formulazione del ricorso e di valutazione della sua ammissibilità (cfr, ex plurimis, Cass., SU, n. 20603/2007). Nel caso che ne occupa con il motivo all’esame è stato denunciato vizio di motivazione, ma il motivo stesso è privo della formulazione de momento di sintesi diretto a circoscrivere i limiti delle censure inerenti ai lamentati vizi motivazionali; ne discende quindi l’inammissibilità del motivo.

3. Con il terzo motivo il Ministero ricorrente denuncia violazione dell’art. 2697 c.c., dolendosi che la Corte territoriale abbia erroneamente addebitato ad esso ricorrente l’onere probatorio di negare l’esistenza del nesso causale.

3.1 Il motivo è inconferente, poichè, come già esposto nello storico di lite, la Corte territoriale ha deciso facendo applicazione del principio di non contestazione e il rilievo aggiuntivo (“considerato anche”) secondo cui “nella propria memoria difensiva il Ministero non aveva articolato mezzi di prova, nè formulato richiesta di consulenza tecnica”, letto nel contesto complessivo della motivazione, sta solo a ribadire la rilevata mancanza di una specifica contestazione.

4. In definitiva il ricorso va rigettato.

Le spese a favore dei controricorrenti seguono la soccombenza. Non è luogo a provvedere al riguardo quanto alla ASL della Provincia di Milano n. (OMISSIS), che non ha svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alla rifusione delle spese in favore dei controricorrenti, che liquida complessivamente in Euro 50,00, oltre ad Euro 3.000,00 (tremila/00) per onorari, spese generali, Iva e Cpa come per legge; nulla per le spese quanto alla ASL della Provincia di Milano n. (OMISSIS).

Così deciso in Roma, il 13 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 15 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA