Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23843 del 11/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 11/10/2017, (ud. 22/03/2017, dep.11/10/2017),  n. 23843

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. MANNA Antonio – Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 2158-2012 proposto da:

C.M., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA GREGORIO VII 490, presso lo Studio dell’avvocato VALENTINA

BATTIATO, rappresentato e difeso dall’avvocato MASSIMILIANO COPPA

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

EDILMONETTI S.R.L., c.f. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DI PIETRALATA 320/D, presso lo studio dell’avvocato GIGLIOLA MAZZA

RICCI, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

GIANCARLO ARZENO, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 552/2011 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 06/06/2011 R.G.N. 770/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/03/2017 dal Consigliere Dott. NICOLA DE MARINIS;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato ANGELO DE CRESCENZO per delega verbale Avvocato

MASSIMILIANO COPPA;

udito l’Avvocato GIANCARLO ARZENO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza del 6 giugno 2011, la Corte d’Appello di Milano, confermava la decisione resa dal Tribunale di Milano e rigettava la domanda proposta da C.M. nei confronti della Edilmonetti S.r.l., avente ad oggetto la condanna della Società al risarcimento del danno, nelle sue componenti biologica, morale ed esistenziale, per l’infortunio occorso al C. mentre, nella sua qualità di operaio specializzato dipendente della predetta Società, era impiegato nell’esecuzione di lavori di ristrutturazione nell’ambito del cantiere aziendale aperto presso l’ospedale “(OMISSIS)”.

La decisione della Corte territoriale discende dall’aver questa ritenuto le deduzioni di cui al ricorso del tutto inidonee a dimostrare la stessa dinamica dell’infortunio e dunque non assolto l’onere della prova circa il fatto fondativo della prospettata responsabilità della Società datrice.

Per la cassazione di tale decisione ricorre il C., affidando l’impugnazione a due motivi, cui resiste, con controricorso la Società.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, il ricorrente, nel denunciare il vizio di omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione, lamenta a carico della Corte territoriale l’incongruità logica dell’iter argomentativo in base al quale la Corte stessa perviene ad escludere l’ammissibilità dei mezzi istruttori richiesti.

La medesima statuizione della Corte territoriale è censurata nel secondo motivo sotto il profilo della violazione e falsa applicazione degli artt. 115 e 244 c.p.c..

I due motivi, che, in quanto strettamente connessi, possono essere qui trattati congiuntamente, si rivelano del tutto infondati atteso che, tenuto conto del principio di diritto cui correttamente si è rifatta la Corte territoriale per il quale il lavoratore che agisca nei confronti del datore di lavoro per il risarcimento del danno patito a seguito dell’infortunio sul lavoro ha l’onere di provare il fatto costituente l’inadempimento ed il nesso di causalità materiale tra l’inadempimento e il danno, le censure mosse dal ricorrente non inficiano la decisione di non ammissione delle istanze istruttorie per essere questa basata su una valutazione del carattere esplorativo della prova, da ritenersi corretta e logicamente fondata alla luce dell’inidoneità dei proposti capitoli a dar conto della specifica violazione di norme di sicurezza attribuita alla Società datrice (non risultando neppure qui contestate le normali modalità di scarico dei detriti descritte dalla Società medesima) e della tendenziale valenza negatoria della pretesa responsabilità da attribuirsi alla documentazione prodotta (referto medico e consulenza di parte) in cui si fa riferimento all’accidentalità dell’evento.

Il ricorso va dunque rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 4.000,00 per compensi, oltre spese generali al 15% ed altri accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 22 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 11 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA