Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23814 del 01/10/2018

Cassazione civile sez. VI, 01/10/2018, (ud. 12/04/2018, dep. 01/10/2018), n.23814

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – rel. Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11259/2017 proposto da:

D.P.R., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso da se

medesimo;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA SERVIZI DI RISCOSSIONE SPA, in persona del Responsabile del

Contenzioso Esattoriale, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI

LEGATORI 5, presso lo studio dell’avvocato CATERINA AURELIO,

rappresentata e difesa dall’avvocato PIERO POMPAMEO;

– controricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimata –

avverso la sentenza n. 3041/4/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE CALABRIA, depositata il 16/11/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 12/04/2018 dal Consigliere Dott. MARIA ENZA LA

TORRE.

Fatto

RITENUTO

che:

D.P.R. ricorre per la cassazione della sentenza della C.T.R. della Calabria, n. 3041/4/2016, dep. il 16.11.2016, che su impugnazione di cartella di pagamento per Irpef anno 2008 ha respinto l’appello del contribuente, ritenendo validamente notificata la cartella di pagamento, ancorchè priva di relata di notifica, ed esaustiva la motivazione della cartella.

Si costituisce con controricorso Società Equitalia servizi di Riscossione s.p.a..

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Con l’unico motivo del ricorso si deduce violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 26, come modificato dal D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 12 comma 1 e violazione L. n. 212 del 2000, art. 7.

2. Il ricorso è infondato in relazione alla dedotta violazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 26, in quanto in tema di notificazione a mezzo del servizio postale della cartella esattoriale emessa per la riscossione di imposte o sanzioni amministrative, la notificazione può essere eseguita anche mediante invio, da parte dell’esattore, di lettera raccomandata con avviso di ricevimento, nel qual caso si ha per avvenuta alla data indicata nell’avviso di ricevimento sottoscritto dal ricevente o dal consegnatario, senza necessità di redigere un’apposita relata di notifica, rispondendo tale soluzione al disposto di cui del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, art. 26, che prescrive l’onere per l’esattore di conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione di notifica o l’avviso di ricevimento, in ragione della forma di notificazione prescelta (Cass. n. 16949/2014, n. 17248/2017).

Ciò in quanto l’avvenuta effettuazione della notificazione, su istanza del soggetto legittimato, e la relazione tra la persona cui è stato consegnato l’atto ed il destinatario della medesima, costituiscono oggetto di una attestazione dell’agente postale assistita dall’efficacia probatoria di cui all’art. 2700 c.c. (Cass. n. 4275 del 21/02/2018).

3. E’ inammissibile la censura nella parte in cui si censura la sentenza impugnata per violazione della L. n. 212 del 2000, art. 7, per carenza di autosufficienza, poichè a fronte della motivazione della CTR che assume l’esaustività della motivazione della cartella “che fa riferimento ad una somma dovuta in relazione ad una mera liquidazione automatica”, il ricorrente deduce argomentazioni generiche, delle quali non richiama la proposizione nei gradi di merito.

4. Al rigetto del ricorso consegue la condanna al pagamento delle spese, liquidate come in dispositivo. Sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato D.P.R. n. 15 del 2002, ex art. 13, comma 1 bis.

PQM

Rigetta il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese, liquidate in Euro 1.000,00, oltre spese generali nella misura forfetaria del 15% e accessori di legge. Sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore i porto a titolo di contributo unificato D.P.R. n. 15 del 2002, ex art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 12 aprile 2018.

Depositato in Cancelleria il 1 ottobre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA