Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23808 del 23/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 23/11/2016, (ud. 15/07/2016, dep. 23/11/2016), n.23808

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camila – Presidente –

Dott. VIRGILIO Biagio – rel. Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

GZ 2538 s.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via XX Settembre n. 98/g, presso

l’avv. Fabio Scatamacchia, che la rappresenta e difende unitamente

all’avv. Maurizio Vecchio, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– resistente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del

Piemonte n. 17/14/08, depositata il 30 maggio 2008.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 15

luglio 2016 dal Relatore Cons. Virgilio Biagio;

uditi l’avv. Fabio Scatamacchia per la ricorrente e l’avvocato dello

Stato Pasquale Pucciariello per la resistente;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

Zeno Immacolata, il quale ha concluso per l’inammissibilità del

ricorso per sopravvenuta carenza di interesse.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che:

– la GZ 2538 s.r.l. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del P. indicata in epigrafe, con la quale è stato parzialmente accolto l’appello dell’Ufficio in controversia concernente cartella di pagamento emessa nei confronti della contribuente per IRPEG dell’anno 2000;

– l’Agenzia delle entrate ha depositato atto di costituzione;

– la ricorrente, nel gennaio 2015, ha depositato documentazione attestante l’avvenuta estinzione del debito d’imposta ai sensi della L. 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, commi da 618 a 624, chiedendo la declaratoria di cessazione della materia del contendere;

– a seguito di rinvio a nuovo ruolo disposto all’udienza del 15 gennaio 2015, l’Agenzia delle entrate ha depositato, nell’aprile 2016, attestazione dell’avvenuto adempimento dell’obbligo derivante dalla cartella impugnata, ai sensi della richiamata normativa;

– va, pertanto, dichiarata l’inammissibilità del ricorso per cessazione della materia del contendere, con compensazione delle spese del presente giudizio.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso per cessazione della materia del contendere e compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 15 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 23 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA