Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23773 del 14/11/2011

Cassazione civile sez. I, 14/11/2011, (ud. 21/09/2011, dep. 14/11/2011), n.23773

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – rel. Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 12771-2009 proposto da:

C.E. (c.f. (OMISSIS)), domiciliato in ROMA,

PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA CIVILE DELLA CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato MASSA GIUNIO, giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA;

– intimato –

nonchè da:

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

C.E.;

– intimato –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di GENOVA, depositato il

21/01/2009, n. 52305 VG;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

21/09/2011 dal Consigliere Dott. ROSA MARIA DI VIRGILIO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO Immacolata che ha concluso per l’accoglimento per quanto di

ragione dei motivi primo e secondo del ricorso principale con

l’assorbimento del ricorso incidentale.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con il decreto impugnato, depositato il 21 gennaio 2009, la Corte d’appello di Genova ha condannato il Ministero della Giustizia al pagamento a favore di C.E. della somma di Euro 6000,00, oltre interessi legali dalla domanda, respingendo ogni ulteriore domanda.

Il ricorrente era stato ammesso al passivo del Fallimento della Società Capital Italia s.r.l., a seguito di istanza depositata il 10/6/92, per la somma di L. 47.808.271, ma la procedura fallimentare, durata oltre sedici anni, non era stata ancora definita, per cui lo stesso aveva agito per ottenere l’equa riparazione per i danni non patrimoniali subiti, e con successivo ricorso, anche per il danno patrimoniale, per perdita di chance da investimento della somma ammessa al passivo,da quantificarsi nella misura degli interessi legali maturati, con riferimento alla durata irragionevole.

La Corte, ritenuta la proponibilità della domanda, la particolare complessità della procedura che aveva coinvolto un gruppo di società e dato adito a numerose causa civili e fiscali non tutte definite, ritenuta la durata ragionevole del procedimento di fallimento in tre anni, aggiunti i sette anni necessari per la definizione del contenzioso conseguente alla procedura (quattro anni per il primo grado e tre per il secondo), ha concluso per la durata irragionevole di sei anni, riconoscendo l’importo di Euro 1000,00 per anno, in via equitativa,ed avuto riguardo a casi analoghi valutati dalla Corte Europea; ha escluso il danno non patrimoniale, risultando dalla relazione del Curatore che nessuna distribuzione era avvenuta nè era prospettabile per i chirografari.

Ricorre il C. sulla base di cinque motivi.

Il Ministero ha depositato controricorso, con ricorso incidentale affidato a due motivi.

Il C. ha depositato memoria ex art. 378 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.1.- Con il primo motivo, il ricorrente denuncia la violazione e falsa applicazione dell’art. 6 CEDU, della L. n. 89 del 1991 e dei parametri della CEDU, per avere la Corte del merito valutato la durata ragionevole del procedimento tributario innestatosi nel procedimento fallimentare in anni quattro per il 1^ grado e tre per il 2^.

1.2.- Con il secondo, il C. denuncia violazione dell’art. 6 CEDU, della L. n. 89 del 1991, degli orientamenti della Corte EDU, per avere determinato la Corte d’appello la durata ragionevole di anni dieci per la procedura fallimentare.

1.3.- Con il terzo, il ricorrente principale denuncia vizio di insufficiente motivazione, per avere la Corte del merito aggiunto alla procedura fallimentare i tempi di definizione del contenzioso dallo stesso conseguente.

1.4.- Con il quarto motivo, il C. denuncia vizio di violazione di legge in punto spese, per violazione delle tariffe professionali di cui al D.M. n. 127 del 2004.

1.5.- Con il quinto motivo, la parte si duole della omessa motivazione in punto riduzione della parcella.

2.1.- Con il primo motivo del ricorso incidentale, il Ministero denuncia violazione e falsa applicazione della L. n. 89 del 1991, art. 2 per avere ritenuto la Corte del merito la durata ragionevole di anni tre della procedura fallimentare, che invece per la sua complessità coinvolge in media un periodo di almeno anni sei.

2.2.- Con il secondo motivo, il Ministero denuncia violazione e/o falsa applicazione della L. n. 89 del 1991, art. 3 e ss., laddove la Corte ha censurato la durata ragionevole del processo tributario connesso.

3.1.- I due ricorsi vanno riuniti, ex art. 335 c.p.c..

4.1.- Per ragioni di ordine logico, vanno esaminati congiuntamente i primi tre motivi del ricorso principale ed i due motivi dell’incidentale.

I motivi primo, secondo e terzo del ricorso principale vanno accolti, nei sensi di cui in motivazione, va accolto nei sensi di cui in appresso il primo motivo del ricorso incidentale, mentre va respinto il secondo motivo.

Va resa applicazione della più recente giurisprudenza di questa Corte in ordine alla durata delle procedure fallimentari che, secondo lo standard ricavabile dalle pronunce della Corte Europea, non dovrebbe superare la durata complessiva di anni sette (vedi, tra le tante, Cass. 22408 e 8047 del 2010, 18689/2011), atteso che tenendo conto della peculiarità della procedura fallimentare, il termine di tre anni, che può ritenersi normale in una procedura di media complessità, è stato ritenuto elevabile sino a sette anni allorquando,come nella specie, si presenti particolarmente complesso il procedimento (vedi sentenza 20549/09), ipotesi questa che è ravvisabile in presenza di un numero particolarmente elevato di creditori, di una particolare natura o situazione giuridica dei beni da liquidare, della proliferazione di giudizi connessi alla procedura ma autonomi, e quindi a loro volta di durata vincolata alla complessità del caso, della pluralità di procedure concorsuali indipendenti; nè in tal modo, come ritiene il Ministero, si verrebbe a valutare la durata del connesso giudizio fiscale, atteso che lo stesso rileva solo come parametro della valutazione della durata ragionevole del complessivo procedimento fallimentare, e non già in via diretta, come tale idonea a costituire giudicato (sul principio, vedi le pronunce 22521/2010 e 3434/2011). Da quanto sopra esposto consegue che il decreto impugnato, che, in violazione dei principi dedotti, ha determinato una durata ragionevole di anni dieci, deve essere annullato, con ciò rimanendo assorbite le doglianze di cui ai motivi quarto e quinto del ricorso principale.

Non essendo necessari altri accertamenti di fatto, la causa può essere decisa nel merito, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 2, e, rilevato che, alla data della domanda, il processo fallimentare presupposto aveva avuto durata di anni sedici, detratta la durata ragionevole di anni sette, si deve concludere per la durata irragionevole di anni nove, per la quale, sulla base dei criteri adottati da questa Corte in materia, va equitativamente determinato il danno non patrimoniale in complessivi Euro 8250,00, oltre interessi legali dalla domanda di equa riparazione e sino al saldo.

Le spese processuali vanno riliquidate sulla base delle tabelle A, paragrafo 4^, e B, paragrafo 1^, allegata al D.M. 8 aprile 2004, n. 127, relative ai procedimenti contenziosi, e, avuto riguardo agli importi richiesti dalla parte, rilevato che la stessa non ha documentato le maggiori spese richieste, non ha indicato le specifiche voci dei diritti e le attività svolte al fine del riconoscimento degli onorari in misura più elevata, vanno riconosciuti, per il primo grado, Euro 50,00 per esborsi, Euro 600,00 per diritti ed Euro 550,00 per onorari (tale è il minore importo chiesto dalla parte), e per il presente giudizio, in Euro 1000,00 complessivamente, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi; accoglie il ricorso principale ed il primo motivo del ricorso incidentale nei termini di cui in motivazione, cassa il decreto impugnato e, decidendo nel merito, condanna l’Amministrazione a corrispondere alla parte ricorrente la somma di Euro 8250,00 per indennizzo, gli interessi legali su detta somma dalla domanda e le spese del giudizio, che determina per il giudizio di merito, nella somma di Euro 50,00 per esborsi, Euro 600,00 per diritti ed Euro 550,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge, e per il giudizio di legittimità, in Euro 1000,00 complessivamente, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge; rigetta il secondo motivo del ricorso incidentale.

Così deciso in Roma, il 21 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 14 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA