Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23772 del 11/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 11/10/2017, (ud. 19/07/2017, dep.11/10/2017),  n. 23772

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

Po.Or., rappresentato e difeso, per procura speciale a margine

del ricorso, dall’avv. Ilaria Castellani

(ilaria.castellani.studiogiovannelli.it; fax n. (OMISSIS)),

elettivamente domiciliato in Roma corso Vittorio Emanuele II n. 18,

presso lo studio Grez e Associati (st.grez.pec.it, fax 06/96031545);

– ricorrente –

nei confronti di:

D.I., P.O., Po.Ol., P.G.,

rappresentati e difesi, per delega in calce al ricorso ex artt. 404

e 405 c.p.c., dagli avvocati Iacopo Tozzi e Marco Antonio Vallini

(p.e.c. iacopotozzi.pec.ordineavvocatifirenze.it);

– resistenti –

r nei confronti di:

P.I.F., A.M., C., P. e P.M.;

– intimati –

avverso il decreto di apertura dell’amministrazione di sostegno

emesso dal Giudice tutelare di Firenze in data 17 ottobre 2016 nel

procedimento n. 3216/2016 R.G.;

letta la richiesta di rigetto del regolamento formulata in data 10

maggio 2017 dal sostituto Procuratore Generale cons. SORRENTINO

Federico;

lette le memorie difensive delle parti;

sentita la relazione del cons. BISOGNI Giacinto.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

1. PO.Or. impugna con regolamento di competenza il decreto in data 17 ottobre 2016 del Giudice tutelare del Tribunale di Firenze che (dopo aver rigettato la sua eccezione di incompetenza a favore del Tribunale di Grosseto ha dichiarato (Ndr: testo originale non comprensibile) l’apertura della procedura per la nomina di un amministratore di sostegno. Deduce il ricorrente la irrilevanza delle circostanze addotte dal Giudice tutelare ai fini della determinazione della competenza territoriale ovvero l’errata lettura della documentazione prodotta dalle parti.

2. Si oppongono al ricorso D.I., P.O., Po.Ol., P.G..

3. Non svolgono difese le altre parti intimate.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che:

4. Il ricorso è infondato. Al momento della proposizione del ricorso Po.Or. era non solo residente anagraficamente in Firenze ma anche ivi dimorante stabilmente presso la sua abitazione di via (OMISSIS). Se è vero che la competenza, in tema di amministrazione di sostegno, si radica con riferimento alla dimora abituale del beneficiario e non alla sua residenza, in considerazione della necessità che egli interloquisca con il giudice tutelare, il quale deve tener conto, nella maniera più efficace e diretta, dei suoi bisogni e delle sue richieste, anche successivamente alla nomina dell’amministratore e se è vero che non opera il principio della perpetuatio iurisdictionis, trattandosi di giurisdizione volontaria non contenziosa (cfr. Cass. civ. sez. 6-01 ordinanza n. 9389 del 17 aprile 2013), tuttavia la constatazione della dimora abituale del sig. Po.Or. consente di confermare la correttezza del provvedimento del 17 ottobre che ha carattere decisorio avendo il giudice tutelare dichiarato l’apertura della procedura unitamente al rigetto dell’eccezione

di incompetenza più ribadita dall’odierno ricorrente. A sostegno della decisione, il Giudice tutelare non ha solamente addotto la mancanza di prove contrarie alla presunzione di effettiva dimora nel luogo di residenza al momento della proposizione del ricorso diretto a ottenere l’apertura dell’amministrazione di sostegno,ma ha anche dato rilievo a una serie di circostanze che smentiscono una effettiva modifica della dimora abituale come la permanenza del centro degli interessi (Ndr: testo originale non comprensibile) economici in Firenze e la posizione assunta in diverse controversie pendenti presso il Tribunale di Firenze nelle quali egli risulta tuttora domiciliato in Firenze. A proposito di quest’ultima circostanza i resistenti hanno effettuato delle ulteriori precisazioni circa la permanenza del domicilio in Firenze risultante dagli atti processuali di tali procedimenti e, per altro verso, hanno documentato fotograficamente lo stato di abbandono dell’immobile in località (OMISSIS) dove il ricorrente risulta allo stato residente anagraficamente. Il ricorrente non ha replicato a tali deduzioni.

5. Il ricorso va pertanto respinto, con conseguente dichiarazione della competenza del Tribunale di Firenze. Sussistono i presupposti per compensare integralmente le spese del procedimento in considerazione della sua peculiarità e del desiderio manifestato dal ricorrente, la cui età va sicuramente presa in considerazione, di trasferire a (OMISSIS) la sua dimora, sebbene attualmente di tale intenzione non risulti ancora provata la realizzazione.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso e dichiara la competenza del Tribunale di Firenze. Compensa le spese del procedimento.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 19 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 11 ottobre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA