Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2377 del 29/01/2019

Cassazione civile sez. VI, 29/01/2019, (ud. 08/11/2018, dep. 29/01/2019), n.2377

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 22873-2017 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, presso la quale è domiciliata in Roma, alla via dei

Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

contro

B. s.r.l. unipersonale, in persona del legale rappresentante

pro tempore, B.C., rappresentata e difesa, per procura

speciale a margine del controricorso, dall’avv. Vincenzo OPERAMOLLA

presso il cui studio legale, sito in Trani, alla via Tassegalrdo, n.

7, è elettivamente domiciliato;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 648/3/2017 della Commissione tributaria

regionale della PUGLIA, depositata il 28/02/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del giorno 08/11/2018 dal Consigliere LUCIOTTI Lucio.

Fatto

RILEVATO

– che l’Agenzia delle entrate ricorre con un unico motivo nei confronti della B. s.r.l. unipersonale, che replica con controricorso, per la cassazione della sentenza in epigrafe indicata con la quale la CIR, in controversia relativa ad impugnazione di tre avvisi di accertamento ai fini IVA, IRAP ed IRES per gli anni d’imposta 2007, 2008 e 2009, rigettava l’appello dell’Agenzia delle entrate avverso la sfavorevole sentenza di primo grado, che aveva annullato i predetti atti impositivi, sostenendo che “L’appello dell’Agenzia non apporta censure significative idonee a scalfire l’analisi effettuata dalla CTP in ordine alle risultanze di cui al pvc posto a base degli avvisi di accertamento ed alla documentazione depositata agli atti di causa. In particolare non risulta che la srl B. fosse a conoscenza della frode”;

– che sulla proposta avanzata dal relatore ai sensi del novellato art. 380 bis c.p.c., risulta regolarmente costituito il contraddittorio, all’esito del quale la controricorrente ha depositato memoria;

Diritto

CONSIDERATO

che:

– va preliminarmente dichiarata l’inammissibilità della memoria del controricorrente che non è stata depositata direttamente nella cancelleria di questa Corte ma dapprima trasmessa a mezzo fax (in data 31/10/2018) e quindi spedita a mezzo posta e pervenuta anche tardivamente, in data 7/11/2018 (cfr., sulla trasmissione a mezzo fax, Cass., Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 22201 del 20/10/2014, Rv. 633161, e sulla spedizione per posta, Cass., Sez. 2, Sentenza n. 7704 del 19/04/2016, Rv. 639477, e più recentemente Cass., Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 8835 del 10/04/2018, Rv. 648717);

– con l’unico motivo di ricorso la difesa erariale deduce la nullità della sentenza per difetto assoluto di motivazione, in violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36 e art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4;

– inoltre, con riferimento alle ipotesi di rinvio per relationem alla sentenza di primo grado, questa Corte (cfr. Cass. n. 22022 del 2017) “ha ripetutamente statuito che la motivazione per relationem è valida a condizione che i contenuti mutuati siano fatti oggetto di autonoma valutazione critica e le ragioni della decisione risultino in modo chiaro, univoco ed esaustivo (Cass., S.U. 14814/08 e 642/15), specificando che il giudice d’appello è tenuto ad esplicitare le ragioni della conferma della pronuncia di primo grado con riguardo ai motivi di impugnazione proposti (Cass. sez. V, nn. 4780/16, 6326/16; Cass. S.U. n. 8053/14; conf. ex multis, Cass. sez. V, nn. 16612/15, 15664/14, 12664/12, 7477/11, 979/09, 13937/02), sicchè deve considerarsi nulla – in quanto meramente apparente – una motivazione la cui laconicità non consenta di appurare che alla condivisione della decisione di prime cure il giudice d’appello sia pervenuto attraverso l’esame e la valutazione di infondatezza dei motivi di gravame, previa specifica ed adeguata considerazione delle allegazioni difensive, degli elementi di prova e dei motivi di appello proposti (ex multis Cass. sez. V, nn. 3320/16, 25623/15, 1573/07, 2268/06, 25138/05, 13990/03, 3547/02)”;

– nella fattispecie in esame la motivazione della sentenza impugnata si compendia nell’affermazione già in premessa riportata, ovvero che “L’appello dell’Agenzia non apporta censure significative idonee a scalfire l’analisi effettuata dalla CTP in ordine alle risultanze di cui al pvc posto a base degli avviso di accertamento ed alla documentazione depositata agli atti di causa. In particolare non risulta che la srl B. fosse a conoscenza della frode”; trattasi, all’evidenza, di affermazione che non esplicita il ragionamento fatto dalla CTR per giungere a tale convincimento, non essendo dato sapere quali siano le “risultanze” emergenti sia dal p.v.c. della G.d.F. che dalla documentazione acquisita agli atti di causa, che rendevano fondata e convincente ” l’analisi effettuata dalla CTP”, mancando peraltro ogni riferimento utile a tale statuizione e, quindi, neppure correttamente assolto l’obbligo di motivazione per relationem con la pronuncia di primo grado, non essendo stata minimamente illustrata la critica svolta dall’Agenzia delle entrate con l’appello proposto avverso la sentenza di primo grado, nè riportato il contenuto dell’impugnata pronuncia che il giudice di appello ha ritenuto di dover condividere; inoltre la CTR non spiega in alcun modo da cosa risultasse che la società contribuente, che l’amministrazione finanziaria sosteneva essere coinvolta nelle cosiddette “frodi carosello”, fosse in buona fede;

– che, conclusivamente, il ricorso va accolto e la sentenza va cassata con rinvio alla competente CTR, in diversa composizione, che rivaluterà l’intera vicenda processuale, fornendo adeguata e congrua motivazione, e che provvederà anche alla regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimità;

PQM

accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione tributaria regionale della Puglia, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 8 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 29 gennaio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA