Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23763 del 22/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 22/11/2016, (ud. 10/06/2016, dep. 22/11/2016), n.23763

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – rel. Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21100/2013 proposto da:

B.F., B.M., in proprio e nella qualità di

procuratore di B.E.A., F.C., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA TOMMASO SAININI 2/A, presso lo studio

dell’avvocato LUIGI PEDRETTI, rappresentati e difesi dagli avvocati

GIUSEPPE SIMEONE, ALESSANDRO CIACCIA giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrenti –

contro

B.G.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

GERMANICO 109, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNA SEBASTIO, che

lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato ATTILIO SEBASTIO

giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso il provvedimento della CORTE D’APPELLO di LECCE, depositata

il 06/08/2013;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

10/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ANDREA SCALDAFERRI.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

1. E’ stata depositata in Cancelleria la seguente relazione: “Il consigliere relatore, letti gli atti depositati, rilevato che B.F., B.M. (anche in qualità di procuratore di B.E.A.) e F.C. hanno proposto ricorso per cassazione dell’ordinanza, depositata il 6 agosto 2013, con la quale la Corte d’appello di Lecce, in accoglimento del reclamo proposto ex art. 669 terdecies c.p.c., da B.G.A., ha autorizzato quest’ultimo a procedere a sequestro giudiziario di complessive quote sociali pari a Euro 240.400,00 della Campania s.r.l. in danno di B.F. e M., designando il reclamante quale custode di tali quote;

che B.G.A. resiste con controricorso, rilevando l’inammissibilità, o in subordine l’infondatezza, del ricorso;

considerato che, premesse le ragioni di ammissibilità del ricorso a norma dell’art. 111 Cost., comma 7, i ricorrenti denunciano la violazione e/o falsa applicazione di norme di diritto, in particolare quelle regolanti la competenza funzionale del Registro delle imprese, la individuazione delle sentenze di mero accertamento, la nomina del custode di quote sociali, la tutela dei proprietari avverso atti arbitrari ed abnormi di privazione del loro diritto;

ritenuto preliminarmente che, secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di questa Corte di cassazione, posto che la richiamata norma costituzionale, nel definire “sentenza” il provvedimento avverso il quale è sempre ammesso il ricorso in Cassazione, va interpretata nel senso sostanziale di prevedere l’esperibilità del ricorso avverso ogni provvedimento giurisdizionale anche se emesso in forma di decreto o di ordinanza- che abbia però i caratteri della decisorietà e della definitività, che cioè pronunci irrevocabilmente e senza possibilità di impugnazioni su diritti soggettivi, i provvedimenti resi in sede di reclamo cautelare ex art. 669 terdecies c.p.c., sono – al pari dei provvedimenti cautelati oggetto di reclamo – privi di detti caratteri, in quanto destinati a perdere efficacia e vigore a seguito della decisione di merito ed inidonei a produrre effetti di diritto sostanziale e processuale con autorità di giudicato (cfr. ex multis: Cass. S.U. n. 824/95; S.U. n. 3380/98; Sez. 2 n. 2942/99; Sez. 1 n. 1518/12; Id. n. 7429/12; Id. n. 28673/13); che dunque, alla stregua di tale orientamento che non appare meritevole di modifiche, il provvedimento qui impugnato costituisce misura cautelare e provvisoria che, pur coinvolgendo diritti soggettivi, non statuisce su di essi a definizione di una controversia, nè ha attitudine ad acquistare autorità di giudicato sostanziale: la inimpugnabilità con ricorso per cassazione ex art. 111 Cost., pare derivarne di necessità;

ritiene pertanto questo consigliere relatore che, qualora il collegio condivida i rilievi che precedono, il ricorso può essere trattato in camera di consiglio a norma dell’art. 380 bis, per ivi essere dichiarato inammissibile”.

2. All’esito della odierna adunanza camerale, il Collegio, esaminate le difese delle parti, condivide le considerazioni esposte nella relazione, sì che si impone la declaratoria di inammissibilità del ricorso.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso in favore del resistente delle spese di questo giudizio di cassazione, in Euro 5.100,00 (di cui Euro 100,00 per esborsi) oltre spese generali e accessori di legge.

Dà inoltre atto, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 novembre

2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA