Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23745 del 10/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 10/10/2017, (ud. 19/04/2017, dep.10/10/2017),  n. 23745

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 16200/2016 proposto da:

CITTA SCAMBI SRL, in persona del legale rappresenta pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA LUDOVISI 16, presso lo studio

dell’avvocato ANDREA ZAPPALA’, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato ILARIA NAPOLITANO;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI BOLOGNA, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA MONTE ZEBIO 37, presso lo studio

dell’avvocato MARCELLO FURITANO, rappresentato e difeso

dall’avvocato MARCO ZANASI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2939/10/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di BOLOGNA, depositata il 22/12/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 19/04/2017 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il Collegio, letta l’istanza di sospensione del presente giudizio, del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, ex art. 11, comma 1, depositata in data 3.8.17 e la successiva nota di deposito del giorno 7.8.17, con la quale il ricorrente ha allegato alla predetta istanza: 1) la delibera – del Comune di Bologna – di approvazione del regolamento relativo alla definizione agevolata delle controversie tributarie, ai sensi del D.L. n. 50 del 2017, art. 11; 2) il relativo regolamento attuativo; 3) domanda di definizione agevolata redatta su modulo predisposto; 4) copia di ricevuta di pagamento della prima rata.

PQM

 

sospende il giudizio e rinvia a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 26 settembre 2017.

Depositato in Cancelleria il 10 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA