Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23732 del 22/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 22/11/2016, (ud. 25/05/2016, dep. 22/11/2016), n.23732

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI CERBO Vincenzo – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 14981/2015 proposto da:

O.P., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PAOLO EMILIO, 7, presso lo studio dell’avvocato EMANUELE SPATA, che

la rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

TEAM SERVICE SOCIETA’ CONSORTILE A R.L., C.F. (OMISSIS), in persona

del Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA UGO BARTOLOMEI 23, presso lo studio

dell’avvocato FRANCESCO SAVERIO IVELLA, che la rappresenta e difende

unitamente all’Avvocato ENRICO IVELLA, giusta delega in atti;

– controricorrente –

E SUL RICORSO SUCCESSIVO, senza numero di R.G. proposto da:

TEAM SERVICE SOCIETA’ CONSORTILE A R.L. C.F. (OMISSIS), in persona

del Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA UGO BARTOLOMEI 23, presso lo studio

dell’avvocato FRANCESCO SAVERIO IVELLA, che la rappresenta e difende

unitamente all’Avvocato ENRICO IVELLA, giusta delega in atti;

– ricorrente successivo –

contro

O.P. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PAOLO EMILIO, 7, presso lo studio dell’avvocato EMANUELE SPATA, che

la rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrente al ricorso successivo –

avverso la sentenza n. 178/2015 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 18/04/2015 R.G.N. 743/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

25/05/2016 dal Consigliere Dott. PAOLA GHINOY;

udito l’Avvocato SPATA EMANUELE;

udito l’Avvocato IVELLA ENRICO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso di

O. rigetto ricorso TEAM SERVICE.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte d’appello di Venezia con la sentenza n. 178 del 2015, in parziale accoglimento del reclamo proposto L. n. 92 del 2012, ex art. 1, comma 58, avverso la sentenza del Tribunale di Padova, dichiarava inefficace il licenziamento intimato il 14.6.2013 da Team Service, società consortile a r.l., a O.P., a seguito di cessazione dell’appalto di pulizia in atto. La Corte territoriale riteneva che nella fattispecie, nella quale si era realizzato un subentro nell’appalto conferito dal Comune di Padova, il D.L. n. 248 del 2007, art. 7, convertito con L. n. 31 del 2008, esonerasse dall’obbligo di adottare la procedura prevista per licenziamenti collettivi dalla L. n. 223 del 1991, artt. 4 e 5, nè potevano imputarsi al datore di lavoro le condizioni contrattuali contenute nei contratti stipulati dai lavoratori con l’impresa subentrata, che erano parzialmente diverse da quelle che avevano regolato il precedente rapporto di lavoro.

Nel caso, tuttavia, sussisteva ad avviso del giudice di secondo grado il vizio procedurale configurato dalla mancata comunicazione alla Direzione territoriale del lavoro ai fini dell’esperimento del tentativo di conciliazione ai sensi della L. n. 604 del 1966, art. 7. Applicava quindi la tutela risarcitoria prevista dalla L. n. 300 del 1970, art. 18, comma 6, nel testo vigente, riconoscendo l’indennità nella misura minima di sei mensilità.

Per la cassazione della sentenza O.P. ha proposto ricorso, affidato ad un motivo, cui ha resistito con controricorso Team Service società consortile a r.l.. La società ha depositato altresì ricorso autonomo, affidato ad un motivo, cui ha resistito con controricorso la lavoratrice.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente i due ricorsi sono stati riuniti ex art. 335 c.p.c., in quanto proposti avverso la medesima sentenza.

1. Il ricorso della lavoratrice attinge la sentenza della Corte territoriale laddove ha ritenuto inapplicabile alla fattispecie la disciplina dettata per i licenziamenti collettivi dalla L. n. 223 del 1991.

L’interesse all’accoglimento del motivo risiede nel fatto che ad avviso della ricorrente, laddove la Corte avesse correttamente ritenuto applicabile tale procedura, il vizio di omissione della stessa farebbe ricadere il licenziamento illegittimo nella sfera di applicazione della L. n. 300 del 1970, art. 18, comma 4, nella formulazione che risulta a seguito delle modifiche apportate dalla L. n. 92 del 2012, con la conseguente tutela reintegratoria, in luogo della tutela risarcitoria prevista dalla L. n. 300 del 1970, art. 18, comma 6, applicata dalla Corte territoriale.

1.2. La lavoratrice denuncia quindi violazione e/o falsa applicazione del D.L. n. 248 del 2007, art. 7, comma 4 bis, convertito con L. n. 31 del 2008; violazione e/o falsa applicazione della L. n. 223 del 1991, artt. 4 e 5; violazione e/o falsa applicazione del D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 29, comma 3; violazione e/o falsa applicazione dell’art. 4 del CCNL pulizie multiservizi.

Sostiene che ai fini dell’applicazione dell’art. 7, citato occorrerebbe l’invarianza delle condizioni dell’intero appalto, con la parità di condizioni economiche e normative applicate al lavoratore. Riferisce che l’art. 4 del CCNL Multiservizi distingue l’ipotesi in cui il subentro nell’appalto avvenga a parità di condizioni contrattuali, nel qual caso l’impresa subentrante è tenuta ad assumere coloro che siano stati addetti all’appalto per un periodo di almeno quattro mesi prima della sua cessazione, dall’ipotesi nella quale la successione nell’appalto avvenga con modificazioni di tali condizioni, evenienza nella quale non vi è un obbligo assoluto di assunzione, ma dev’essere esperita una procedura sindacale finalizzata ad armonizzare le mutate esigenze tecnico-organizzative dell’appalto con il mantenimento dei livelli occupazionali.

1.3. Il motivo è fondato.

Il D.L. 31 dicembre 2007, n. 248, art. 7, al comma 4 bis, introdotto dalla legge di conversione 28 febbraio 2008, n. 31, ha previsto che “Nelle more della completa attuazione della normativa in materia di tutela dei lavoratori impiegati in imprese che svolgono attività di servizi in appalto e al fine di favorire la piena occupazione e di garantire l’invarianza del trattamento economico complessivo dei lavoratori, l’acquisizione del personale già impiegato nel medesimo appalto, a seguito del subentro di un nuovo appaltatore, non comporta l’applicazione delle disposizioni di cui alla L. 23 luglio 1991, n. 223, art. 24, e successive modificazioni, in materia di licenziamenti collettivi, nei confronti dei lavoratori riassunti dall’azienda subentrante a parità di condizioni economiche e normative previste dai contratti collettivi nazionali di settore stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative o a seguito di accordi collettivi stipulati con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative”.

La disposizione ha quindi aggiunto un’ipotesi ulteriore alle eccezioni dall’applicazione della procedura prevista dalla L. n. 223 del 1991, già individuate dall’art. 24, comma 4, per i casi di scadenza dei rapporti di lavoro a termine, di fine lavoro nelle costruzioni edili e di attività stagionali o saltuarie, relativa al subentro nell’appalto di servizi. Allo scopo, ha però previsto un requisito: che i lavoratori impiegati siano riassunti dall’azienda subentrante a parità di condizioni economiche e normative previste dai contratti collettivi nazionali di settore stipulati dalle organizzpzioni sindacali comparativamente più rappresentative, oppure che siano riassunti a seguito di accordi collettivi stipulati con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative. (Solo) nella ricorrenza di tali presupposti, infatti, la situazione fattuale costituisce sufficiente garanzia per i lavoratori, risultandone la posizione adeguatamente tutelata, ed esonera dal rispetto dei requisiti procedurali richiamati dalla L. n. 223 del 1991, art. 24. Ciò risulta confermato anche dalle dichiarate finalità della disposizione, di “favorire la piena occupazione e di garantire l’invarianza del trattamento economico complessivo dei lavoratori”, che concorrono ad individuare l’ambito dell’esonero dal rispetto della procedura collettiva.

Nel caso in esame, la Corte territoriale non ha fatto corretta applicazione della norma richiamata, ritenendo che le condizioni contrattuali applicate in concreto dalla società subentrante alla lavoratrice (tra le quali, in particolare, il fatto che il contratto di lavoro fosse stato stipulato a tempo parziale anzichè a tempo pieno come il precedente) non dovessero essere allo scopo valutate, esorbitando dai limiti di gestione del rapporto in capo alla società reclamante, mentre esse dovevano rientrare nella valutazione della sussistenza dei presupposti per la legittimità della procedura di irrogazione del licenziamento.

Nè rileva il fatto, valorizzato dalla Corte territoriale, che l’art. 4 del CCNL Multiservizi per il caso di cessazione di appalto con “modificazione di termini modalità e prestazioni contrattuali” demandi ad una successiva trattativa con l’impresa subentrante l’individuazione delle iniziative finalizzate ad “armonizzare le mutate esigenze tecnico organizzative dell’appalto con il mantenimento dei livelli occupazionali”. La previsione infatti attiene all’individuazione in termini generali della possibile soluzione concordata sindacalmente delle modalità del subentro, e non incide di per sè sulle caratteristiche concrete con le quali si è realizzato il subentro nell’appalto in questione, alle quali occorre avere riguardo.

2. A fondamento del proprio ricorso, la società deduce omesso esame di un fatto decisivo del giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti. Valorizza il fatto che la lavoratrice il 14 giugno avesse ricevuto la lettera di licenziamento, il 20 giugno avesse firmato il contratto di lavoro con l’impresa subentrante nell’appalto, il 30 giugno fosse cessato il rapporto con Tim service e che dal 1 luglio senza alcuna riserva o contestazione avesse continuato a svolgere le stesse mansioni con la nuova datrice, così formalmente esprimendo la propria volontà di ritenere cessato dal 30 giugno il rapporto di lavoro con Team service.

2.1. Il ricorso della società non è fondato, dovendosi dare continuità al principio già affermato da questa Corte nella sentenza n. 12613 del 29/05/2007, secondo il quale la scelta effettuata dal lavoratore per la costituzione di un nuovo rapporto con la società subentrante nell’appalto di servizi non implica, di per sè, rinuncia all’impugnazione dell’atto di recesso, dovendosi escludere che si possa desumere la rinuncia del lavoratore ad impugnare il licenziamento o l’acquiescenza al medesimo dal reperimento di una nuova occupazione, temporanea o definitiva, non rivelandosi, in tale scelta, in maniera univoca, ancorchè implicita, la sicura intenzione del lavoratore di accettare l’atto risolutivo. Tale principio conserva validità nel caso in esame, neppure risultando circostanze fattuali ulteriori e significative nel senso voluto dalla società.

3. Segue l’accoglimento del ricorso di O.P., il rigetto del ricorso di Tim service s.c.a.r.l., nonchè la cassazione della sentenza impugnata in relazione al ricorso accolto, con rinvio per nuovo esame alla Corte d’appello di Venezia in diversa composizione, che dovrà valutare la fattispecie in applicazione dei principi sopra affermati e decidere sulle questioni conseguenti ed anche sulle spese del giudizio di cassazione.

4. Il rigetto integrale del ricorso di Team Service s.c.a r.l, determina la sussistenza dei presupposti previsti dal primo periodo del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, per il raddoppio del contributo unificato dovuto per il ricorso.

PQM

La Corte accoglie il ricorso di O.P., rigetta il ricorso di Team Service società consortile a r.l.. Cassa la sentenza impugnata in relazione al ricorso accolto e rinvia, anche per le spese, alla Corte d’appello di Venezia in diversa composizione.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente Team Service s.c.a r.l., dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 25 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA