Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23721 del 11/11/2011

Cassazione civile sez. II, 11/11/2011, (ud. 13/10/2011, dep. 11/11/2011), n.23721

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente –

Dott. PICCIALLI Luigi – rel. Consigliere –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 9711-2005 proposto da:

C.V., elettivamente domiciliato in ROMA, CORSO TRIESTE

123, presso lo studio dell’avvocato ANTONELLI ROBERTO, rappresentato

e difeso dall’avvocato MELONI ELIO MARIA;

– ricorrente –

contro

CA.BA., CA.MA., CA.AN.,

CA.GI., CA.PI., c.b.,

CA.LI., CA.FA., ER., CA.SA.

COLLETTIVAMENTE IMPERSONALMENTE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 270/2004 della CORTE D’APPELLO di CAGLIARI,

depositata il 16/07/2004;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

13/10/2011 dal Consigliere Dott. LUIGI PICCIALLI;

Sentito il P.M. in persona del Sost. Proc. Gen. Dott. GOLIA Aurelio

che si riporta alle conclusioni del Proc. Gen. Dott. Ceniccola

Raffaele il quale chiede l’improcedibilità del ricorso, con le

statuizioni di legge.

Fatto

LA CORTE

preliminarmente pronunziando ex art. 375 c.p.c. sul ricorso (come in epigrafe proposto da C.V., avverso la sentenza in data 28/30.9.1999 della Corte d’Appello di Cagliari; rilevato che con ordinanza interlocutoria emessa nella pubblica udienza del 10.11.2010 fu disposto il rinnovo della notificazione dell’atto d’impugnazione, già in precedenza invalidamente eseguita collettivamente ed impersonalmente, nei confronti di ciascuno degli eredi di Ca.

S., che era stato parte nel giudizio di merito e deceduto durante lo stesso, assegnando il termine di gg. 90, ma che la parte ricorrente, come da attestazione della cancelleria, non ha fornito prova di aver ottemperato al suddetto perentorio adempimento;

ritenuto pertanto di dover accogliere la richiesta in atti del P.G., di dichiarare l’inammissibilità del ricorso ex art. 331 c.p.c., in cospetto di una mancata integrazione del necessario contraddittorio;

considerato, infine, che in mancanza di controparti resistenti non vi è luogo a pronunzia sulle spese.

P.Q.M.

Dichiara il suddetto ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, il 13 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 11 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA