Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23717 del 24/09/2019

Cassazione civile sez. trib., 24/09/2019, (ud. 27/06/2019, dep. 24/09/2019), n.23717

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. CONDELLO Pasqualina Anna Piera – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Paolo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore, legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, ex lege,

dall’Avvocatura Generale dello Stato, ed elettivamente domiciliata

presso i suoi uffici, alla via dei Portoghesi n. 12 in Roma;

– ricorrente –

contro

S.M.R., rappresentata e difesa, giusta procura speciale

stesa in calce al ricorso, dall’Avv. Angelina Tartaglia, la quale ha

indicato recapito PEC, ed elettivamente domiciliata presso lo studio

dell’Avv. V. Aulino, alla via G. Palumbo n. 3 in Roma;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 64, pronunciata dalla Commissione Tributaria

Regionale di Campobasso il 15.05.2012 e pubblicata il 19.03.2014;

ascoltata, in camera di consiglio, la relazione svolta dal

Consigliere Dott. Di Marzio Paolo.

la Corte osserva.

Fatto

FATTI DI CAUSA

S.M.R. proponeva istanza di rimborso, in relazione a ritenute alla fonte che affermava essere indebite, operate ai fini Irpef. Formatosi il silenzio-rifiuto dell’Amministrazione finanziaria, con ricorso del 22.11.2006 la contribuente proponeva impugnazione innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso. La S. fondava la propria pretesa sulla sentenza n. 269 del 2004, pronunciata dal TAR del Molise, che le aveva riconosciuto il diritto sia alla corresponsione dell’indennità di rischio radiologico (L.. 200,000 al mese, L. n. 460 del 1988, ex art. 1, comma 2), sia il diritto a godere del congedo ordinario aggiuntivo non fruito, nella misura di quindici giorni l’anno. Assicurava quindi alla contribuente il ristoro sostitutivo del congedo non fruito nella misura dell’importo di una mensilità di stipendio per ciascun anno, per compensare “la maggiore esposizione a rischio radiologico”, trattandosi pertanto, nella prospettazione della parte, di un risarcimento del danno, escluso dalla tassazione Irpef ai sensi del (TUIR) D.P.R. n. 917 del 1986, art. 6, comma 2. Le somme erogate erano state però tassate come se si fosse trattato di una componente della retribuzione, contestava la contribuente, conseguendone una trattenuta indebita pari ad Euro 8.624,52 calcolata sull’aliquota media (tassazione separata). La CTP accoglieva il ricorso ed accordava all di ontribuente il rimborso richiesto.

L’Agenzia delle Entrate proponeva impugnativa innanzi alla Commissione Tributaria Regionale del Molise, che confermava la decisione di primo grado.

Avverso la decisione assunta dalla CTR ha proposto impugnazione per cassazione l’Amministrazione finanziaria, affidandosi ad un unico, articolato, motivo di ricorso. Resiste mediante controricorso S.M.R..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1.1. – L’Agenzia delle Entrate contesta, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione o falsa applicazione del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 6, comma 2, e art. 51 (già art. 48), in cui è incorsa la Commissione Tributaria Regionale impugnata avendo ritenuto che il ristoro compensativo riconosciuto alla contribuente dal TAR Molise abbia natura risarcitoria e non retributiva, conseguendone l’errore nell’individuazione del regime fiscale applicabile.

2.1. – Con il suo motivo di ricorso l’Amministrazione finanziaria contesta che “l’indennità sostituiva per ferie non godute non può avere, in realtà, che la stessa natura dei redditi a cui è collegata (nel nostro caso redditi di lavoro dipendente soggetti a ritenuta alla fonte da parte del datore di lavoro), per cui va assoggettata a tassazione ai sensi del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 6, comma 2” (ric., p. 5), come già ritenuto dalla Suprema Corte.

La contribuente replica, nel suo controricorso, affermando che l’indennità sostitutiva del periodo di congedo non goduto rappresenta un “ristoro della maggiore esposizione a rischio radiologico”, che la S. ha dovuto sopportare anche quando non le sarebbe spettato subirla, e deve essere pertanto “inteso come periodo di riposo biologico, e pertanto non vada assimilato all’istituto delle ferie… data quindi la funzione di recupero biologico è evidente che la sua mancata fruizione provoca un danno alla salute del lavoratore il cui indennizzo non può essere soggetto a tassazione perchè non rientra nella previsione di cui al D.P.R. n. 917 del 1986, art. 6, comma 2” (controric., p. 7 s.).

Occorre preliminarmente osservare come le parti concordino sul fatto che il giudizio ha ad oggetto soltanto l’idennità corrisposta in funzione compensativa del mancato godimento del periodo di riposo, rimanendone estraneo il diverso profilo del riconoscimento alla ricorrente dell’indennità per essere rimasta esposta al rischio radiologico (L. 200.000 mensili).

Tanto premesso, questa Suprema Corte ha già condivisibilmente osservato che “in tema d’imposte sui redditi di lavoro dipendente, dalla lettura coordinata del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 6, comma 2, e art. 46 si ricava che, al fine di poter negare l’assoggettabilità ad IRPEF di una erogazione economica effettuata a favore del prestatore di lavoro da parte del datore di lavoro, è necessario accertare che la stessa non trovi la sua causa nel rapporto di lavoro o che tale erogazione, in base all’interpretazione della concreta volontà manifestata dalle parti, non trovi la fonte della sua obbligatorietà nè in redditi sostituiti, nè nel risarcimento di danni consistenti nella perdita di redditi futuri, cioè successivi alla cessazione od all’interruzione del rapporto di lavoro. (In applicazione del principio, la S.C., in riforma della sentenza impugnata, ha ritenuto che, trovando causa nel rapporto di lavoro, confluisce nella base imponibile l’indennità erogata dal datore di lavoro al lavoratore a titolo di ristoro per la permanente esposizione sul luogo di lavoro al rischio scaturente dalla gestione di attrezzature radiologiche concorre alla formazione della base imponibile)”, Cass. sez. VI-V, 10.12.2015, n. 24988.

Non appare dubbio, nel caso di specie, che l’indennità di cui si discute trovi la sua causa nel rapporto di lavoro, non essendovi ragione per supporre che essa sia stata attribuita in sostituzione di altro genere di reddito, tanto meno prospettabile come reddito futuro a seguito della interruzione del rapporto di lavoro; deve pertanto affermarsi che detta indennità non può che concorrere alla formazione della base imponibile della lavoratrice. La Corte di legittimità, del resto, ha anche avuto occasione di precisare che “in tema di imposte dirette, la indennità sostitutiva del riposo settimanale non goduto costituisce reddito imponibile da lavoro dipendente, trattandosi di compenso percepito in dipendenza del rapporto di lavoro e commisurato ad una certa quantità di lavoro svolto, anche se non in via regolare e continuativa ed in violazione di un diritto indisponibile, poichè costituisce sicuro indice di capacità contributiva anche la retribuzione corrisposta per il lavoro prestato in violazione di norme – anche imperative a garanzia costituzionale di diritti indisponibili – poste a tutela del prestatore di lavoro, e la legge tributaria non contempla tale ipotesi come causa di esclusione della somma erogata dall’oggetto dell’imposizione”, Cass. sez. V, 18.8.2004, n. 16101. Pronunciando proprio relativamente a fattispecie analoga, in materia di indennità corrisposta in relazione ad un congedo aggiuntivo per rischio radiologico non goduto, in conseguenza di decisione assunta del TAR-Molise che aveva riconosciuto il diritto all’attribuzione, questa Corte ha avuto anche occasione di chiarire che “la indennità sostitutiva di un congedo non goduto (indipendentemente dalle finalità che sottostanno a quest’ultimo), trattandosi anche in questo caso di compenso percepito (sub specie di corresponsione indennitaria) in dipendenza del rapporto di lavoro e commisurato ad una certa quantità o ad una maggiore quantità di lavoro svolto (in,yece di una pausa di sospensione non effettuata), sebbene svolto in violazione di un diritto concesso a presidio di interessi primari” risulta assoggettabile a tassazione (Cass. sez. VI-V, 19.2.2016, n. 33139, nello stesso senso, Cass. VI-V, 4.2.2016, n. 2229).

In definitiva deve ritenersi che l’indennità di cui trattasi trova causa nel rapporto di lavoro, e la Commissione Tributaria Regionale ha perciò errato nell’attribuirle, ai fini fiscali, natura risarcitoria, escludendola perciò dal conteggio della base imponibile della controricorrente.

Chiarezza suggerisce di proporre, in proposito, il seguente principio di diritto: “l’indennità sostitutiva dei giorni di congedo supplementari non goduti, da parte del personale esposto a rischio radiologico, trova causa nel rapporto di lavoro, e non ha pertanto natura risarcitoria ai fini fiscali, ne discende che l’importo di detta indennità concorre a comporre la base imponibile del lavoratore cui sia stata attribuita”.

In conseguenza, il ricorso deve essere accolto. Rilevato che non appaiono necessari ulteriori accertamenti di fatto, e ricordato il disposto di cui all’art. 384 c.p.c., comma 2, la causa può essere decisa nel merito, conseguendone il rigetto della richiestali rimborso proposta dalla contribuente.

Tenuto conto del mancato rinvenimento di precedenti giurisprudenziali di legittimità specifici all’epoca di proposizione del ricorso, e della peculiarità delle questioni sollevate, appare equo disporre la compensazione delle spese di lite tra le parti, in relazione all’intero giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate, cassa l’impugnata sentenza e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo proposto dalla contribuente, compensando fra le parti le spese di lite dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, il 27 giugno 2019.

Depositato in cancelleria il 24 settembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA