Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2366 del 02/02/2010

Cassazione civile sez. III, 02/02/2010, (ud. 16/12/2009, dep. 02/02/2010), n.2366

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – Presidente –

Dott. FINOCCHIARO Mario – Consigliere –

Dott. MASSERA Maurizio – rel. Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

M.A., B.G. (coniugi), elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA DI PIETRALATA 320/D, presso lo studio

dell’avvocato MAZZA RICCI GIGLIOLA, che li rappresenta e difende

unitamente all’avvocato PRIGIONIERI FRANCESCO, giusta mandato in

calce al ricorso per correzione di ordinanza;

– ricorrenti –

contro

MO.AN.;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 21882/2008 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE,

del 15/5/08, depositata il 29/08/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

16/12/2009 dal Consigliere Relatore Dott. MASSERA Maurizio;

e’ presente il P.G. in persona del Dott. SCARDACCIONE EDUARDO

VITTORIO.

La Corte, letti gli atti depositati:

Fatto

OSSERVA

E’ stata depositata la seguente relazione:

1 – Con ordinanza in data 15 maggio – 29 agosto 2008 questa Corte dichiarava inammissibile il ricorso per cassazione proposto da Mo.An. nei confronti della sentenza n. 611/2006 depositata in data 28 giugno 2006 dalla Corte d’Appello di Bari.

2 – Con ricorso notificato il 16 febbraio 2009 B.G. e M.A. hanno chiesto la correzione dell’errore materiale contenuto nella suddetta ordinanza, consistente nell’indicazione nell’epigrafe della medesima del nominativo ” B.A.” in luogo di quello effettivo ” B.G.”.

3. – Effettivamente dagli atti di causa e dal testo della stessa ordinanza di cui viene chiesta la correzione risulta che il nominativo corretto e’ ” B.G.” per cui, trattandosi di evidente errore materiale, occorre procedere alla rettifica nel senso predetto ai sensi dell’art. 391 bis c.p.c.;

4. – La relazione e’ stata comunicata al pubblico ministero e notificata ai difensori delle parti;

Non sono state presentate conclusioni scritte ne’ memorie ne’ alcuna delle parti ha chiesto d’essere ascoltata in Camera di consiglio;

5.- Ritenuto:

che, a seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella Camera di consiglio, il collegio ha condiviso i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione;

che il ricorso deve percio’ essere accolto; nulla spese;

visti gli artt. 380 bis, 385 e 391 bis c.p.c..

P.Q.M.

Dispone che l’epigrafe dell’ordinanza n. 21882/08 di questa Corte venga corretta nel senso che laddove leggesi ” B.A.” debba invece intendersi ” B.G.”. Nulla spese.

Così deciso in Roma, il 16 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 2 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA