Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23646 del 27/10/2020

Cassazione civile sez. III, 27/10/2020, (ud. 10/07/2020, dep. 27/10/2020), n.23646

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 29100/2018 R.G. proposto da:

M.M., rappresentato e difeso dall’Avv. Walter Galeotti;

– ricorrente –

contro

Lapalina Società Agricola a r.l., rappresentata e difesa dall’Avv.

Giovanni B. Ghini, con domicilio eletto in Roma, Viale di Villa

Massimo, n. 36, presso lo studio dell’Avv. Renato Della Bella;

– ricorrente incidentale –

e contro

Avv. Z.C., rappresentato e difeso da sè stesso e dagli Avv.ti

Cesare Menotto Zauli e Fabrizio Gizzi, con domicilio eletto presso

lo studio di quest’ultimo in Roma, Via Oslavia, n. 30;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Bologna, n. 2175/2018

depositata il 21 agosto 2018;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 10 luglio

2020 dal Consigliere IANNELLO Emilio.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

l’Avv. Z.C. convenne in giudizio avanti il Tribunale di Forlì la Lapalina Società Agricola a r.l. chiedendone la condanna al pagamento di Euro 9.475,57 per compensi professionali;

costituendosi in giudizio la società Lapalina resistette alla domanda e chiese ed ottenne di chiamare in garanzia M.M., per essere dallo stesso manlevato in caso di accoglimento della domanda;

il Tribunale rigettò la domanda, condannò lo Z. a rifondere le spese di lite in favore della società convenuta e quest’ultima a rifonderle al chiamato in garanzia;

interpose appello lo Z., al quale resistette la società, riproponendo, in comparsa, la domanda di garanzia nei confronti del M. e impugnando, altresì, con appello incidentale, la sua condanna alle spese in favore di quest’ultimo;

il M. rimase contumace;

la Corte d’appello in accoglimento del gravame principale, ha condannato la Lapalina a pagare, in favore dell’appellante, la somma da questo pretesa e, in accoglimento della domanda di manleva, ha altresì condannato il M. a tenere indenne la società di quanto dalla stessa dovuto all’appellante, oltre che alle spese di ambo i gradi del giudizio di merito, dichiarando conseguentemente assorbito l’appello incidentale della società;

avverso tale decisione M.M. propone ricorso per cassazione affidato a due motivi, cui resiste, con controricorso, la Lapalina Società Agricola a r.l., proponendo a sua volta ricorso incidentale con tre mezzi, al quale resiste lo Z., depositando controricorso;

tutte le parti hanno depositato memorie, ex art. 380-bis c.p.c., comma 1.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Che:

con il primo motivo il ricorrente principale denuncia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, nullità della sentenza per omessa notifica dell’appello incidentale ed altresì per essere stato omesso “ordine di notifica e/o di integrazione del contraddittorio nei confronti del litisconsorte processuale M.M. (error in procedendo; violazione dell’art. 102 c.p.c., in relazione all’art. 333 c.p.c.)”;

rileva di non essere stato messo a conoscenza nè della riproposizione della domanda di manleva nei suoi confronti, nè dell’appello incidentale svolto dalla Lapalina in ordine alle spese; ciò avendo anche inciso sulla sua decisione di non costituirsi in appello;

ritenuto che, avuto riguardo alla rilevanza nomofilattica della questione che con tale motivo viene sottoposta all’esame di questa Corte, si rende opportuna la trattazione della causa in pubblica udienza (art. 375 c.p.c., comma 2).

P.Q.M.

dispone trattarsi la presente causa in pubblica udienza e la rinvia a tal fine a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 10 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 27 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA