Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23641 del 21/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. I, 21/11/2016, (ud. 18/10/2016, dep. 21/11/2016), n.23641

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPPI Aniello – rel. Presidente –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3928/2011 proposto da:

P.I., (c.f. (OMISSIS)), nella qualità di ultimo presidente

amministratore della società cooperativa PROGETTO CASA EDILIZIA

SOCIALE A R.L., elettivamente domiciliata in ROMA, CORSO TRIESTE 10,

presso l’avvocato MAURIZIO VISCA, rappresentata e difesa

dall’avvocato FILIPPO DE RIENZO, giusta procura in calce alla

memoria di costituzione di nuovo difensore;

– ricorrente –

contro

PROGETTO CASA EDILIZIA SOCIALE – SOCIETA’ COOPERATIVA A R.L. IN

LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA (P.I. (OMISSIS)), in persona del

Commissario Liquidatore pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, PIAZZALE CLODIO 14, presso l’avvocato BRUNO MANTOVANI, che la

rappresenta e difende, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1371/2010 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 21/12/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/10/2016 dal Consigliere Dott. ANIELLO NAPPI;

udito, per la ricorrente, l’Avvocato MAURIZIO VISCA, con delega, che

ha chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito, per la controricorrente, l’Avvocato BRUNO MANTOVANI che ha

chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SALVATO Luigi, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1.- Con la sentenza impugnata la Corte di appello di Bologna ha rigettato il reclamo proposto da P.I., già presidente del consiglio di amministrazione di “Progetto Casa Edilizia Sociale”, soc. coop. il liquidazione coatta amministrativa, contro la sentenza del Tribunale di Modena che aveva dichiarato lo stato di insolvenza della società medesima.

Nel disattendere i motivi di reclamo, concernenti la sussistenza dello stato di insolvenza, la Corte di merito ha osservato che dallo stato passivo depositato dal Commissario liquidatore presso la Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Modena in data 13 novembre 2009, emergeva che era stata accertata l’esistenza di debiti della Cooperativa per più Euro 8.600.000,00 (con oltre Euro 2.100.000,00 di crediti non ammessi), a fronte di un patrimonio sociale costituito dal solo terreno destinato all’edificazione, non più possibile per il recesso dei soci prenotatari, i quali – come ammesso dalla stessa reclamante – avevano chiesto la restituzione degli acconti, rendendo impossibile la richiesta di erogazione di altro mutuo necessario per l’inizio dei lavori. Nel ricorso del Commissario si rilevava, inoltre, che la procedura non aveva crediti da recuperare e che il terreno era stato acquistato per un prezzo “esorbitante”.

1.1.- Contro la sentenza di appello P.I. ha proposto ricorso per cassazione affidato a quattro motivi. Resiste con controricorso il Commissario Liquidatore della procedura.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

2.1.- Con il primo motivo la ricorrente denuncia violazione o falsa applicazione della L. Fall., art. 202, comma 5 e art. 2697 c.c., lamentando che lo stato di insolvenza sia stato dichiarato senza che il Commissario Liquidatore avesse fornito alcun elemento di prova, avendo allegato il solo decreto di liquidazione e che la Corte di merito abbia valorizzato lo stato passivo depositato presso il tribunale allorquando il documento è stato acquisito d’ufficio, senza metterne a conoscenza le parti e senza valutare anche il documento relativo alla situazione patrimoniale.

2.2.- Con il secondo motivo la ricorrente denuncia violazione dell’art. 2697 c.c., L. Fall., art. 202, art. 103 c.p.c. e art. 24 Cost., lamentando la violazione del principio del contraddittorio in relazione all’acquisizione d’ufficio delle risultanze dello stato passivo e omettendo di acquisire il documento relativo allo stato patrimoniale.

2.3.- Con il terzo motivo la ricorrente denuncia vizio di motivazione. Deduce che, ove vi fosse stato un solo ed univoco criterio nell’accertamento dello stato, di insolvenza, si sarebbe pervenuti ad accertare un divario fra attivo e passivo di gran lunga inferiore rispetto alla somma assunta in sentenza, ammontando l’attivo a circa Euro 8.500.000,00.

I motivi, che per la loro connessione possono essere esaminati congiuntamente, sono infondati per ciò che attiene alla deduzione della violazione di legge sulle modalità di acquisizione della documentazione e sul criterio valutativo utilizzato per pervenire all’accertamento dell’insolvenza.

Sotto il profilo formale delle modalità di acquisizione della documentazione va infatti data continuità a quanto già affermato da questa corte, secondo cui nel giudizio nel giudizio di reclamo avverso la sentenza dichiarativa dell’insolvenza il fascicolo della procedura è acquisito d’ufficio, diversamente da quanto accade nei procedimenti incidentali di verifica dello stato passivo (Cass., sez. 1, 19 novembre 2009, n. 24415, m. 610753); e l’accertamento dello stato di insolvenza va compiuto con riferimento alla data della suddetta dichiarazione, ma può fondarsi anche su fatti diversi da quelli in base ai quali il fallimento è stato dichiarato, purchè si tratti di fatti anteriori alla pronuncia, anche se conosciuti successivamente in sede di gravame e desunti da circostanze non contestate dello stato passivo (Sez. 1, Sentenza n. 10952 del 27/05/2015).

Nel merito, va rilevato che, salvo che in casi particolari (società di assicurazioni, per le quali – come rilevato dalla dottrina – operano criteri anche più restrittivi e per le quali può rilevare anche “il pericolo di insolvenza”) l’insolvenza di cui alla L. Fall., artt. 195 e 202, coincide con la medesima nozione contenuta nella L. fall., art. 5.

E’ allora applicabile anche il principio per il quale quando la società è in liquidazione, la valutazione del giudice, ai fini dell’applicazione della L. Fall., art. 5, deve essere diretta unicamente ad accertare se gli elementi attivi del patrimonio sociale consentano di assicurare l’eguale ed integrale soddisfacimento dei creditori sociali, e ciò in quanto non proponendosi l’impresa in liquidazione di restare sul mercato, ma avendo come esclusivo obiettivo quello di provvedere al soddisfacimento dei creditori sociali, previa realizzazione delle attività sociali, ed alla distribuzione dell’eventuale residuo tra i soci – non è più richiesto che essa disponga, come invece la società in piena attività, di credito e di risorse, e quindi di liquidità, necessari per soddisfare le obbligazioni contratte (Sez. 1, Sentenza n. 21834 del 14/10/2009; Sez. 6 – 1, Ordinanza n. 15442 del 13/07/2011).

Ciò posto, nella concreta fattispecie è emerso che al momento della disposta liquidazione esisteva uno sbilancio patrimoniale quanto meno di Euro 100.000 (v. ricorso pag. 14), non essendo indicato un passivo diverso da quello posto a base della decisione, con il chè appare evidente che nessuna delle censure mosse alla sentenza impugnata è idonea a inficiare l’accertamento della Corte di merito.

Nè, in contrario, rileva la norma di cui alla L. Fall., art. 202, nella parte in cui dispone che se l’impresa al tempo in cui è stata ordinata la liquidazione, si trovava in stato d’insolvenza e questa non è stata preventivamente dichiarata a norma dell’art. 195, il tribunale del luogo dove l’impresa ha la sede principale, su ricorso del commissario liquidatore o su istanza del pubblico ministero, accerta tale stato con sentenza in camera di consiglio, anche se la liquidazione è stata disposta per insufficienza di attivo. Il senso di tale ultimo enunciato, infatti, è stato convincentemente spiegato dalla migliore dottrina evidenziando che il richiamo all’insufficienza di attivo ha lo scopo di confermare che anche quando la procedura sia stata aperta (come nelle società di assicurazioni) per “insufficienza di attivo”, la produzione degli effetti di cui alla L. Fall., art. 203, consegue soltanto all’accertamento giudiziale dello stato di insolvenza.

I motivi appaiono poi inammissibili laddove denunciano il vizio di motivazione, in quanto sono sostanzialmente diretti a fra compiere a questa Corte un nuovo e diverso accertamento di fatto, precluso in questa sede.

2.4.- Con il quarto motivo la ricorrente denuncia la violazione dell’art. 92 c.p.c., in relazione alla condanna al pagamento delle spese, comunque priva di motivazione.

La doglianza è infondata, atteso che la condanna alle spese è stata fatta discendere dalla soccombenza complessiva.

P.Q.M.

la Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, determinate in Euro 7.200 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 18 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 21 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA