Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2360 del 29/01/2019

Cassazione civile sez. VI, 29/01/2019, (ud. 07/11/2018, dep. 29/01/2019), n.2360

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ESPOSITO Lucia – Presidente –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23402-2017 proposto da:

S.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato MAURO DALLA CHIESA;

– ricorrente –

contro

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso la

sede dell’AVVOCATURA dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso

dagli avvocati LUCIANA. R.E.F.;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 514/2017 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 22/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 07/11/2018 dal Consigliere Dott. GIULIO FERNANDES.

Fatto

RILEVATO

Che:

con sentenza del 22 marzo 2017, la Corte d’Appello di Milano, in parziale riforma della decisione del Tribunale di Busto Arsizio, rigettava la domanda proposta da S.A. nei confronti dell’INAIL ed intesa al riconoscimento di una rendita da malattia professionale nella misura di 31 punti percentuali;

che, ad avviso della Corte territoriale: la domanda introduttiva del giudizio doveva essere interpretata nel senso di essere limitata alla richiesta di costituzione di una rendita da malattia professionale in relazione alle malattie elencate in ricorso e di cui alla domanda amministrativa del 19 ottobre 2007 (cinque, in particolare, tendinite alla spalla sinistra, spondilodiscoartrosi, ipoacusia, neuroma di Morton bilaterale, sindrome del tunnel carpale) e non poteva ritenersi comprensiva anche della domanda di unificazione con altre precedenti patologie già riconosciute in via giudiziale; detta domanda così interpretata era da rigettare avendo il consulente tecnico d’ufficio nominato dal Tribunale riconosciuto la natura professionale solo della tendinopatia alla spalla sinistra con una percentuale di invalidità permanente nella misura del 5%;

che per la cassazione di tale decisione propone ricorso il S. affidato ad un unico motivo cui resiste l’INAIL con controricorso; che è stata depositata proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

con l’unico motivo si deduce violazione e falsa applicazione del T.U. 30 giugno 1965 n. 1124, art. 80, del D.Lgs. 23 febbraio 2000 n. 38, art. 13 e art. 112 c.p.c. (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n.3) per non avere la Corte territoriale proceduto d’ufficio alla unificazione della malattia professionale (valutata come inabilitante nella misura del 5%) con i postumi dell’infortunio considerati invalidanti nella misura del 10% giusta sentenza n.178/2010 del Tribunale di Busto Arsizio, ignorando la disciplina stabilita in materia di infortuni sul lavoro e malattie professionali dal D.P.R. 30 giugno 1965 n. 1124, art. 80, in base al quale un grado di inabilità inferiore alla soglia di indennizzabilità deve essere comunque contemplato ai fini di una “riunione” con altri gradi di inabilità prodotti da altri eventi patologici indennizzabili dall’INAIL;

che il motivo è infondato alla luce del principio affermato dalle sezioni unite di questa Corte a composizione di un contrasto sorto nell’ambito della sezione lavoro tra un orientamento secondo cui l’applicazione del criterio della valutazione della riduzione complessiva dell’attitudine lavorativa stabilito dal D.P.R. n. 1124 del 1965 cit., art. 80, per le lesioni multiple policrone poteva essere invocata per la prima volta anche in appello da parte del lavoratore che avesse agito per ottenere la valutazione dell’inabilità conseguente all’ultimo infortunio occorsogli, senza che ciò implicasse modificazione dell’originario petitum e comportasse la proposizione di una domanda per la quale fosse necessario il preventivo espletamento della procedura amministrativa ed un diverso indirizzo per il quale quando fosse stata proposta in giudizio nei confronti dell’istituto assicuratore domanda di riconoscimento di una rendita in relazione alle conseguenze permanenti di un infortunio sul lavoro, la trasformazione, nel prosieguo del giudizio, della domanda in quella di attribuzione di una rendita complessiva ai sensi del D.P.R. n. 1124 del 1965, art. 80, dava luogo ad una radicale trasformazione della causa petendi, poichè il fatto costitutivo viene modificato nei suoi elementi materiali e non interviene semplicemente una diversa prospettazione giuridica del medesimo petitum ovvero una diversa qualificazione della originaria pretesa con la conseguenza della inammissibilità della formulazione solo in sede di appello della domanda in siffatti diversi termini, comportanti l’alterazione dell’oggetto sostanziale dell’azione e richiedenti accertamenti e valutazioni estranei a quelli prima necessari e violazione della ratio del divieto dello ius novorum in appello. Le sezioni unite, hanno ritenuto preferibile tale secondo indirizzo affermato il principio secondo cui “In rapporto all’originaria domanda di riconoscimento di una rendita per infortunio sul lavoro, per la quale sia stata accertata un’inabilità permanente inferiore alla misura indennizzabile, è inammissibile la richiesta in appello, formulata dal D.P.R. n. 1124 del 1965, ex art. 80, di cumulo con altra rendita relativa a diverso infortunio sul lavoro non riferibile a modificazioni delle condizioni fisiche dell’assicurato successive alla proposizione della predetta domanda, comportando tale richiesta la valutazione dei fatti costitutivi della nuova fattispecie dedotta, in violazione dei limiti posti dall’art. 437 c.p.c., e non potendo trovare applicazione, d’altra parte, il disposto dell’art. 149 disp. att. c.p.c., invocabile solo ove il diverso infortunio sia intervenuto in corso di giudizio.” (Cass. Sez. U, Sentenza n. 11198 del 29/07/2002 – confermata da pronunce successive tra cui, più di recente Cass. n. 27691 del 20/12/2011);

che, pertanto, in adesione alla proposta del relatore, il ricorso va rigettato;

che le spese del presente giudizio seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo;

che sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, previsto dal D.P.R. 30 maggio, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1,comma 17, (legge di stabilità 2013) trovando tale disposizione applicazione ai procedimenti iniziati in data successiva al 30 gennaio 2013, quale quello in esame (Cass. n. 22035 del 17/10/2014; Cass. n. 10306 del 13 maggio 2014 e numerose successive conformi).

PQM

La Corte, rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alle spese del presente giudizio liquidate in Euro 200,00 per esborsi, Euro 2.500,00 per compensi professionali, oltre rimborso spese forfetario nella misura del 15%.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 7 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 29 gennaio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA