Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23578 del 23/09/2019

Cassazione civile sez. lav., 23/09/2019, (ud. 15/05/2019, dep. 23/09/2019), n.23578

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – rel. Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. PICCONE Valeria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3019/2018 proposto da:

CE.S.A.R.D. CENTRO STUDI ASSISTENZA E RECUPERO DISABILI, in persona

del legale rappresentante pro tempore domiciliata ope legis presso

la Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentata e difesa

dall’Avvocato SALVATORE LA ROSA;

– ricorrente –

contro

P.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FLAMINIA 109,

presso lo studio dell’avvocato BIAGIO BERTOLONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato SALVATORE BIANCAROSA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1191/2017 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 06/11/2017 R.G.N. 1104/2016.

Fatto

PREMESSO

che:

1. con sentenza 6 novembre 2017, la Corte d’appello di Catania rigettava il reclamo proposto dal Centro Studi Assistenza e Recupero Disabili (C.E.S.A.R.D.) avverso la sentenza di primo grado di rigetto della sua opposizione avverso l’ordinanza dello stesso Tribunale, di illegittimità del licenziamento che aveva intimato con raccomandata 8 maggio 2012 al proprio dipendente P.M., con qualifica di assistente sanitario, a seguito della contestazione disciplinare del 27 aprile 2012, riguardante il contenuto parzialmente falso e gravemente lesivo della reputazione del Centro delle giustificazioni del lavoratore alla precedente contestazione disciplinare del 13 aprile 2012 (di inadeguatezza della manovra di bloccaggio compiuta il 3 aprile 2012 su un assistito, senza esposizione esaustiva dell’accaduto ed omettendo di specificare la condotta violenta di un collega), sanzionata con la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione per cinque giorni con lo stesso provvedimento di recesso datoriale;

2. avverso tale sentenza il Centro datore ricorreva per cassazione con unico motivo, cui il lavoratore resisteva con controricorso;

3. che prima dell’odierna adunanza il ricorrente ha depositato atto di rinuncia personalmente sottoscritto ed accettato dal controricorrente, con la compensazione integrale delle spese tra le parti;

4. che sussistono pertanto i requisiti prescritti dall’art. 390 c.p.c., per la pronuncia di estinzione del processo, senza alcun provvedimento sulle spese, in applicazione dell’art. 391 c.p.c., u.c.;

5. che non ricorrono i presupposti per il raddoppio del contributo unificato, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

La Corte

Visti gli artt. 390 e 391 c.p.c..

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 15 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 23 settembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA