Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23541 del 18/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 18/11/2016, (ud. 15/09/2016, dep. 18/11/2016), n.23541

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – rel. Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18672/2015 proposto da:

D.C.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G. G. BELLI

60, presso lo studio dell’avvocato DARIO BOLOGNESI, che la

rappresenta e difende giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI TRAPANI, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DARDANELLI 13, presso lo studio

dell’avvocato MILENA LIUZZI, rappresentato e difeso dall’avvocato

GIULIO VULPITTA, giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 720/2014 del TRIBUNALE di TRAPANI, depositata

il 04/07/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15/09/2016 dal Consigliere Relatore Dott. LINA RUBINO;

udito l’Avvocato Giulio Vulpitta difensore del controricorrente che

si riporta agli scritti.

Fatto

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

E’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

” D.C.S. propone ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado n. 720/2014 depositata dal Tribunale di Trapani in data 4.7.2014 e comunicata il 7.4.2014, che la vede soccombente nei confronti del Comune di Trapani nella domanda di risarcimento danni per responsabilità extracontrattuale ex art. 2051 c.c., avendo proposto appello avverso la predetta sentenza avanti alla Corte d’Appello di Palermo, appello dichiarato inammissibile dalla corte d’appello con ordinanza ex art. 348 bis c.p.c., pubblicata il 18.5.2015, non notificata.

Il ricorso è stato notificato alla controparte in data 10.7.2015.

Il Comune di Trapani si è costituito con controricorso.

Il ricorso può essere trattato in Camera di consiglio, in applicazione degli artt. 376, 380 bis e 375 c.p.c., apparendo destinato ad essere dichiarato inammissibile.

Gli artt. 348 bis e ter c.p.c., consentono infatti, qualora l’appello sia dichiarato inammissibile con ordinanza a fronte di una prognosi negativa sulla sua accoglibilità da parte del giudice di appello, di proporre direttamente ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado, della quale possono in questa sede essere denunciate eventuali violazioni di legge o vizi di motivazione nei limiti in cui esso attualmente rileva. Non è invece certamente consentito pretendere di svolgere dinanzi al giudice di legittimità il giudizio di appello al quale sia stato negato l’accesso.

E’ questo che tende a fare la ricorrente, la quale solo apparentemente e con assoluta indeterminatezza denuncia ipotesi di violazione di legge (violazione e falsa applicazione dell’art. 2051 c.c., con il primo motivo, con il secondo neppure si denuncia una violazione specifica ma si afferma la sussistenza dei presupposti di cui all’art. 2051 c.c., alla luce dei quali il giudice avrebbe dovuto accogliere la domanda).

All’interno della trattazione dei motivi, poi, non si sottopone ad una critica diretta – neppure in fatto – la sentenza impugnata (che ha negato in radice la credibilità della ricostruzione fattuale dell’accaduto offerta dall’attrice), quanto si ripercorrono le risultanze processuali sostenendo che, viceversa, l’attrice aveva fornito le prove del verificarsi di un sinistro (caduta sulla strada a causa di una buca piena d’acqua) riconducibile alla responsabilità per custodia del Comune.

Si propone pertanto la declaratoria di inammissibilità del ricorso”.

A seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella Camera di consiglio, il Collegio, tenuto conto anche delle osservazioni contenute nella memoria della ricorrente, ha ritenuto di condividere pienamente le conclusioni in fatto e in diritto cui è prevenuta la relazione.

Il ricorso proposto va pertanto rigettato.

Le spese seguono la soccombenza, e si liquidano come al dispositivo.

Infine, il ricorso risulta notificato successivamente al termine previsto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 18, pertanto deve darsi atto della sussistenza dei presupposti di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla citata L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Liquida le spese legali in Euro 1.400,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori e contributo spese generali.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 15 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 18 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA