Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23509 del 09/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 09/10/2017, (ud. 03/05/2017, dep.09/10/2017),  n. 23509

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 22203-2012 proposto da:

D.C.P. C.F. (OMISSIS), + ALTRI OMESSI

– ricorrenti –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE C.F. (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli Avvocati LUIGI

CALIULO, ANTONELLA PATTERI, SERGIO PREDEN, LIDIA CARCAVALLO, giusta

delega in atti;

– controricorrente –

e contro

B.C., + ALTRI OMESSI

– intimati –

Nonchè da:

BE.NE. C.F. (OMISSIS), + ALTRI OMESSI

– controricorrenti e ricorrenti incidentali –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE C.F. (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli Avvocati LUIGI

CALIULO, ANTONELLA PATTERI, SERGIO PREDEN, LIDIA CARCAVALLO, giusta

delega in atti;

– controricorrente al ricorso incidentale –

e contro

D.C.P. (OMISSIS), + ALTRI OMESSI

– intimati –

avverso la sentenza n. 496/2011 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 05/10/2011 R.G.N. 431/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

03/05/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MASTROBERARDINO PAOLA che ha concluso per l’inammissibilità del

ricorso principale assorbimento ricorso incidentale;

udito l’Avvocato GRAZIANI ALESSANDRO;

udito l’Avvocato PREDEN SERGIO;

udito l’Avvocato BOER ALBERTO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza depositata il 5.10.2011, la Corte d’appello di Venezia, in parziale riforma della sentenza di primo grado, rigettava la domanda di rivalutazione contributiva L. n. 257 del 1992 e succ. mod. e integraz., ex art. 13, comma 8, proposta da vari assicurati per i periodi di esposizione all’amianto presso il (OMISSIS) di (OMISSIS).

La Corte, riprendendo gli accertamenti in fatto contenuti in altra propria precedente sentenza (pronunciata in riferimento ad analoghe domande svolte da altri dipendenti della medesima azienda) e valutandoli unitamente alle emergenze della CTU disposta nel corso del nuovo giudizio, riteneva raggiunta la prova che la produzione di filtri di amianto fosse cessata nel 1973, così come dedotto dall’INPS, non potendo assumere in contrario rilievo decisivo l’avvenuta lavorazione nel 1975 di un feltro di rientro composto in amianto, in quanto le testimonianze, sul punto, erano state generiche e in ogni caso non sussistevano sicuri riscontri circa l’esatta composizione del materiale oggetto della lavorazione, che peraltro sembrava essere stata l’unica effettuata oltre detta data e come tale inidonea a far presumere il superamento della soglia di legge per il periodo successivo al 1973.

Contro tali statuizioni ricorrono gli assicurati D.C.P. e altri sei consorti, con due motivi. L’INPS ha resistito con controricorso, mentre Be.Ne. e altri tre assicurati hanno proposto ricorso incidentale, parimenti fondato su due motivi, cui l’INPS ha resistito con altro controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo del ricorso principale, si deduce violazione di legge e illegittima acquisizione di prove rivenienti da altro procedimento senza previa instaurazione del contraddittorio al riguardo, per avere la Corte territoriale posto a base del proprio accertamento le risultanze di fatto di cui alla propria precedente sentenza n. 677/2010.

Il motivo è infondato. E’ sufficiente, sul punto, rilevare che – come ammettono gli stessi ricorrenti – la sentenza ult. cit., essendo stata richiamata dall’INPS nell’atto di costituzione in appello e depositata congiuntamente ad esso, era stata ritualmente acquisita al contraddittorio delle parti costituite, nè risulta che i ricorrenti abbiano richiesto l’acquisizione al presente giudizio dei verbali di causa e degli accertamenti peritali compiuti nell’altro giudizio. E poichè, in assenza di divieti di legge, il giudice può formare il proprio convincimento anche in base a prove raccolte in un altro giudizio tra le stesse o tra altre parti, delle quali la sentenza ivi pronunciata costituisca documentazione (cfr. in tal senso Cass. n. 840 del 2015), senza che all’uopo necessiti la previa acquisizione degli atti, nessuna censura merita al riguardo la sentenza impugnata.

Con il secondo motivo del ricorso principale, si lamenta erronea motivazione circa un punto (rectius: fatto) decisivo della controversia per non avere la Corte di merito considerato che la perizia disposta nel corso del procedimento attestava la fondata possibilità che l’esposizione a fibre aerodisperse si fosse protratta fino al 1975 per la lavorazione dei c.d. feltri di ritorno.

Trattandosi di una critica all’accertamento di fatto compiuto dal giudice di merito, il motivo può essere trattato congiuntamente ai motivi del ricorso incidentale, con cui si lamenta, da un lato, la mancata applicazione dell’art. 115 c.p.c. per avere la Corte territoriale escluso la rilevanza delle prove testimoniali assunte nel corso del processo e non aver considerato le contraddizioni della CTU e, dall’altro lato, l’omessa e insufficiente motivazione su fatti asseritamente decisivi, costituiti dalle prove testimoniali attestanti la contiguità spaziale tra le lavorazioni, l’esposizione a fattori di rischio ambientale per tutti i lavoratori e la continuazione delle lavorazioni a rischio amianto fino al 1986 o addirittura fino al 1990.

Trattasi, a parere del Collegio, di motivi inammissibili.

Premesso che la censura che investe la valutazione della prova, ossia l’attività regolata dagli artt. 115 e 116 c.p.c., può essere fatta valere solo ai sensi e nei limiti dell’art. 360 c.p.c., n. 5 (Cass. n. 15107 del 2013), questa Corte ha costantemente insegnato che in tanto si può censurare una sentenza di merito di omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo ex art. 360 c.p.c., n. 5 (nel testo risultante dalla modifica apportata dal D.Lgs. n. 40 del 2006, art. 2 e anteriore alla novella di cui al D.L. n. 83 del 2012, art. 54 conv. con L. n. 134 del 2012) in quanto il fatto principale o secondario su cui la motivazione è stata omessa o è stata resa in modo insufficiente o contraddittorio sia autonomamente decisivo, ossia potenzialmente tale da portare la controversia ad una soluzione diversa, l’indagine di questa Corte dovendo spingersi fino a stabilire se in concreto sussista codesta sua efficacia potenziale (cfr. da ult. Cass. n. 7916 del 2017).

Nella specie, tuttavia, nè il ricorso principale nè il ricorso incidentale hanno addotto fatti la cui considerazione da parte del giudice avrebbe di per sè condotto ad un diverso (e ai ricorrenti favorevole) giudizio: nei motivi di censura, invero, si sono piuttosto evidenziate talune circostanze (e precisamente che tanto la perizia quanto le prove testimoniali davano conto della possibilità che l’esposizione a fibre aerodisperse si fosse protratta fino a tutto il 1975 ed eventualmente anche oltre, a causa della lavorazione dei c.d. feltri di rientro) la cui valutazione dovrebbe necessariamente essere condotta comparativamente con le altre che la Corte territoriale ha valorizzato ai fini del decidere (ciò che peraltro la Corte medesima ha puntualmente fatto a pag. 12 della sentenza impugnata, ancorchè pervenendo a conclusioni non condivise dalle parti ricorrenti). E poichè non potrebbe ammettersi che l’omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione possa viziare la sentenza anche quando concerna un fatto secondario che non sia autonomamente decisivo senza contravvenire al principio, costantemente affermato nella giurisprudenza di questa Corte, secondo cui spetta in via esclusiva al giudice del merito il compito di individuare le fonti del proprio convincimento, di assumere e valutare le prove, di controllarne l’attendibilità e la concludenza e, in ultima analisi, di scegliere, tra le complessive risultanze del processo, quelle ritenute maggiormente idonee a dimostrare la veridicità dei fatti ad esse sottesi, assegnando prevalenza all’uno o all’altro dei mezzi di prova acquisiti (cfr. tra le più recenti Cass. n. 13485 del 2014), dal momento che non si potrebbe rimproverare a quel giudice di non aver tenuto conto di un fatto non autonomamente decisivo senza con ciò stesso sostituirsi a lui nella scelta delle fonti del proprio convincimento, deve ritenersi che i motivi di censura sottendano in realtà la richiesta di un riesame del merito della causa, che è cosa non possibile in sede di legittimità.

I ricorsi, pertanto, vanno conclusivamente rigettati e i ricorrenti, soccombenti, vanno condannati alle spese del giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo.

PQM

 

La Corte rigetta i ricorsi e condanna i ricorrenti alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano in Euro 4.200,00, di cui Euro 4.000,00 per compensi, oltre spese generali in misura pari al 15% e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 3 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 9 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA