Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23499 del 27/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 27/10/2020, (ud. 07/07/2020, dep. 27/10/2020), n.23499

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ESPOSITO Lucia – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – rel. Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 33063-2018 proposto da:

L.G., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato

GAETANO IROLLO;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, (OMISSIS), in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso la sede dell’AVVOCATURA

dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso dagli avvocati

CLEMENTINA PULLI, PATRIZIA CIACCI, MANUELA MASSA;

– resistente –

avverso la sentenza n. 2958/2018 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 15/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 07/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott. MARGHERITA

MARIA LEONE.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

La corte di appello di Napoli con la sentenza n. 2958/2018 aveva rigettato l’appello proposto da L.G. avverso la decisione assunta dal Tribunale di Napoli Nord in punto di liquidazione delle spese processuali. Il Giudice di prime cure, adito per la condanna dell’Inps al pagamento dei ratei di prestazione i cui presupposti medico legali erano in precedenza stati oggetto di omologa positiva, accogliendo la domanda aveva anche condannato l’Inps al pagamento delle spese liquidate in Euro 969,00. La corte territoriale aveva ritenuto che, in ragione della natura, della complessità e della assenza di attività istruttoria, la somma liquidata dal tribunale era congrua.

Avverso detta decisione proponeva ricorso in cassazione la L. affidato a un solo motivo. L’Inps si costituiva con procura in calce al ricorso.

La L. depositava successiva memoria.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1) Con unico motivo è dedotta la violazione dell’art. 91 c.p.c., del D.M. n. 55 del 2014, artt. 1 e 4, della L. n. 794 del 1942, art. 24, del D.M. n. 585 del 1994, art. 4, comma 1, della L. n. 1051 del 1957, art. 2233 c.c., della L. n. 247 del 2012, art. 13.

Parte ricorrente ha rilevato che erroneamente la corte territoriale ha ritenuto adeguata la somma liquidata dal tribunale, essendo questa comunque inferiore ai minimi previsti dal D.M. n. 55 del 2014.

Questa Corte, occupandosi del tema della liquidazione delle spese giudiziali ha di recente chiarito che “In tema di liquidazione delle spese giudiziali ai sensi del D.M. n. 140 del 2012, la disciplina secondo cui i parametri specifici per la determinazione del compenso sono, “di regola”, quelli di cui alla allegata tabella A, la quale contiene tre importi pari, rispettivamente, ai valori minimi, medi e massimi liquidabili, con possibilità per il giudice di diminuire o aumentare “ulteriormente” il compenso in considerazione delle circostanze concrete, va intesa nel senso che l’esercizio del potere discrezionale del giudice contenuto tra i valori minimi e massimi non è soggetto a sindacato in sede di legittimità, attenendo pur sempre a parametri fissati dalla tabella, mentre la motivazione è doverosa allorquando il giudice medesimo decida di aumentare o diminuire ulteriormente gli importi da riconoscere, essendo necessario, in tal caso, che siano controllabili sia le ragioni dello scostamento dalla “forcella” di tariffa, sia le ragioni che ne giustifichino la misura (Cass. 12537/2019).

Il principio enunciato, sebbene nel caso specifico riferito alla applicazione del D.M. n. 140 del 2012, deve ritenersi di carattere generale quanto alla possibilità per il giudice di diminuire o aumentare “ulteriormente” il compenso in considerazione delle circostanze concrete dandone giustificazione nella motivazione del provvedimento. Lo stesso D.M. n. 55 del 2014, art. 4, applicabile alla fattispecie in esame, ripetendo quanto già in precedenza disposto dal D.M. n. 140 del 2012, precisa infatti che il giudice tiene conto dei valori medi di cui alle tabelle allegate, che, in applicazione dei parametri generali, possono essere aumentati, di regola, fino all’80 per cento, o diminuiti fino al 50 per cento. Per la fase istruttoria l’aumento è di regola fino al 100 per cento e la diminuzione di regola fino al 70 per cento.

Nel caso in esame la corte napoletana ha ampiamente motivato la decisione assunta circa la congruità delle spese liquidate, richiamando la “modestissima” rilevanza giuridica della questione oggetto di controversia, l’assenza di questioni di particolare complessità giuridica e la particolare semplicità della causa, tale da consentire una riduzione superiore a quella del 50% di cui alle richieste della assistita.

La esplicitazione delle ragioni determinative della decisione assunta, coerente con il principio enunciato, esprime una legittima valutazione di merito del giudice, sottratta alla giurisdizione di legittimità. Il ricorso deve essere pertanto rigettato.

Nulla per le spese, poichè l’Inps si è costituito solo con procura in calce al ricorso.

chè sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, previsto dal D.P.R. 30 maggio, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, (legge di stabilità 2013).

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; nulla per le spese.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo, a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 7 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 27 ottobre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA