Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23451 del 17/11/2016

Cassazione civile sez. VI, 17/11/2016, (ud. 08/06/2016, dep. 17/11/2016), n.23451

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – rel. Presidente –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 4494/2015 proposto da:

B.C., P.M., P.V., P.S.,

rappresentati e difesi, per procura speciale a margine del ricorso,

dall’Avvocato Isabella Casales Mangano;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA e DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in Roma, Via dei Portoghesi 12,

presso l’Avvocatura Generale dello Stato, che lo rappresenta e

difende per legge;

– resistente –

avverso il decreto n. 989/2014 della Corte d’appello di

Caltanissetta, depositato in data 11 luglio 2014.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza dell’8

giugno 2016 dal Presidente relatore Dott. Stefano Petitti.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che, con ricorso depositato presso la Corte d’appello di Caltanissetta, il 16 luglio 2012, B.C. chiedeva la condanna del Ministero dell’economia e delle finanze al pagamento dell’indennizzo per la irragionevole durata di un giudizio iniziato dinnanzi alla Corte dei conti, sezione giurisdizionale per la Sicilia, con ricorso depositato il 4 maggio 2006 e deciso con sentenza depositata il 31 gennaio 2012;

che l’adita Corte d’appello accoglieva parzialmente la domanda, ritenendo che il giudizio presupposto, protrattosi per cinque anni e otto mesi, avesse avuto una durata irragionevole di due anni e otto mesi, dalla quale tuttavia, doveva essere detratto il segmento di otto mesi intercorso tra il decesso del difensore della ricorrente e la costituzione del nuovo difensore;

che, dunque, accertata una violazione del termine di durata ragionevole di due anni, la Corte d’appello liquidava un indennizzo di 1.500,00 Euro;

che per la cassazione di questo decreto hanno proposto ricorso B.C., P.M., P.V., P.S. sulla base di tre motivi;

che l’intimato Ministero non ha resistito con controricorso, ma ha depositato atto di costituzione ai fini della eventuale partecipazione all’udienza di discussione.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che il Collegio ha deliberato l’adozione della motivazione semplificata nella redazione della sentenza;

che con il primo motivo si deduce violazione e falsa applicazione della L. n. 89 del 2001, dell’art. 6, par. 1, della CEDU e dell’art. 112 c.p.c., in quanto la Corte d’appello ha pronunciato nei confronti della sola B.C. e non anche nei confronti degli altri ricorrenti;

che con il secondo motivo si lamenta violazione e falsa applicazione dell’art. 6, par. 1, della CEDU, della L. n. 89 del 2001, art. 2, nonchè omesso esame di fatto decisivo, con riferimento alla detrazione effettuata dalla Corte d’appello del periodo intercorso tra il decesso del difensore e la costituzione del nuovo difensore, evidenziandosi come il diritto all’equa riparazione spetta a tutte le parti del giudizio presupposto, anche se contumaci; con la precisazione che per effetto del decesso il giudizio presupposto non aveva subito alcuna interruzione, atteso che l’udienza in cui la causa è stata decisa era quella originariamente fissata;

che dunque, si sostiene, la irragionevole durata avrebbe dovuto essere determinata in due anni, otto mesi e sette giorni e l’indennizzo in Euro 2.250,00;

che con il terzo motivo si lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 91 e 92 c.p.c. e del D.M. n. 55 del 2014, art. 2, nonchè omesso esame di fatto decisivo, e si censura il capo del decreto impugnato relativo alla disposta compensazione per metà delle spese di lite, giustificata dalla Corte d’appello solo con riferimento all’accoglimento parziale della domanda, in realtà inesistente atteso che la indicazione quantitativa era meramente indicativa ed era comunque accompagnata dalla precisazione “o della somma maggiore o minore che verrà ritenuta congrua;

che il primo motivo di ricorso è fondato, atteso che dall’esame dell’atto introduttivo del giudizio dinnanzi alla Corte d’appello emerge chiaramente che la domanda di equa riparazione era stata proposta non solo da B.C., ma anche da P.M., P.V., P.S., i quali quindi hanno diritto anch’essi all’indennizzo per la irragionevole durata del processo del quale sono stati parte;

che anche il secondo motivo è fondato;

che la Corte d’appello ha detratto dalla durata del giudizio presupposto il periodo intercorso tra il decesso del difensore e la costituzione del nuovo difensore, senza che il detto evento avesse provocato alcuna interferenza sul processo sino all’udienza in cui il ricorso è stato discusso e poi deciso;

che, invero, come questa Corte ha già avuto modo di affermare (v. di recente, Cass. n. 23354 del 2015), il decesso del difensore, ove non venga dichiarato nel processo e non ne determini l’interruzione, appare del tutto ininfluente ai fini della determinazione della durata ragionevole del processo, a meno che non si dimostri – ma ciò non emerge dal decreto impugnato – che a causa di quell’evento si sia comunque determinato un prolungamento dei tempi del giudizio;

che poichè, come rilevato, nella specie, ciò non emerge dal decreto impugnato, la detrazione dell’intero lasso di tempo intercorso tra il decesso del difensore e la costituzione del nuovo appare ingiustificata. che l’accoglimento del primo e del secondo motivo di ricorso comporta l’assorbimento del terzo, concernente la disposta compensazione parziale delle spese del giudizio di merito;

che il decreto impugnato deve essere quindi cassato;

che, tuttavia, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa può essere decisa nel merito, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 2;

che, invero, applicando il non contestato criterio di liquidazione individuato dalla Corte d’appello, detratta dalla durata complessiva del giudizio di cinque anni e nove mesi la durata ragionevole di tre anni, a ciascuno dei ricorrenti può essere liquidato un indennizzo complessivo di Euro 2.062,50, oltre agli interessi legali dalla data della domanda al soddisfo;

che, dunque, il Ministero dell’economia e delle finanze deve essere condannato al pagamento, in favore di ciascuno dei ricorrenti, della indicata somma, oltre agli interessi legali dalla data della domanda al soddisfo;

che, quanto alle spese, le stesse seguono la soccombenza: quelle del giudizio di merito, possono essere liquidate nella stessa misura già indicata dalla Corte d’appello, senza compensazione; quelle del giudizio di cassazione, vanno liquidate nella misura di Euro 800,00 per compensi, oltre accessori di legge e spese forfetarie;

che le spese, come liquidate, vanno poi distratte in favore del difensore delle ricorrenti, dichiaratosi antistatario.

PQM

La Corte accoglie il primo e il secondo motivo di ricorso, assorbito il terzo; cassa il decreto impugnato e, decidendo la causa nel merito, condanna il Ministero dell’economia e delle finanze al pagamento, in favore di ciascuno dei ricorrenti, della somma di Euro 2.062,50, oltre agli interessi legali dalla domanda al soddisfo; condanna inoltre il Ministero al pagamento delle spese del giudizio che liquida, quanto al grado di merito, in Euro 1.198,50 per compensi, e, quanto al giudizio di legittimità, in Euro 800,00, per compensi, oltre accessori di legge e spese forfetarie; dispone la distrazione delle spese del giudizio di cassazione in favore del difensore antistatario.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 2, della Corte Suprema di Cassazione, il 8 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA