Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23425 del 10/11/2011

Cassazione civile sez. lav., 10/11/2011, (ud. 22/09/2011, dep. 10/11/2011), n.23425

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROSELLI Federico – Presidente –

Dott. MAISANO Giulio – rel. Consigliere –

Dott. MANNA Antonio – Consigliere –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 10856-2009 proposto da:

B.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FEDERICO

CONFALONIERI 1, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE PIERO

SIVIGLIA, rappresentato e difeso dall’avvocato DEPLANO GABRIELLA,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

ASSESSORATO REGIONALE SICILIANO PER LA SANITA’, in persona del legale

rappresentante pro tempore, domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI

12, presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1647/2008 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 19/11/2008 r.g.n. 959/07;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/09/2011 dal Consigliere Dott. GIULIO MAISANO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAETA PIETRO, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 9 ottobre 2008 la Corte d’appello di Palermo ha confermato la sentenza del Tribunale di Palermo del 4 maggio 2006 che ha rigettato la domanda con la quale B.G., già medico convenzionato della ex USL n. (OMISSIS) di Palermo, ha chiesto il risarcimento del danno derivatogli dalla revoca della convenzione intervenuta con delibera del giugno 1985, ritenendo il diritto azionato prescritto per decorso del termine quinquennale previsto per la responsabilità extracontrattuale, e del termine decennale previsto per la responsabilità contrattuale. La Corte territoriale ha considerato che l’atto introduttivo del giudizio promosso dal B. innanzi al giudice amministrativo al fine di ottenere l’annullamento del provvedimento di revoca della convenzione non interrompe il decorso del termine prescrizionale del diritto al risarcimento del danno in quanto in quella sede non sono state azionate pretese risarcitorie.

Il B. propone ricorso per cassazione avverso tale sentenza articolato su un unico motivo.

Resiste con controricorso l’Assessorato ala Sanità della Regione Siciliana. Entrambe le parti hanno presentato memorie ex art. 378 cod. proc. civ..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di ricorso il B. lamenta violazione di legge per falsa applicazione degli artt. 2943 e 2945 cod. civ. con riferimento all’art. 360 c.p.c., n. 3. In particolare il ricorrente deduce che la domanda di annullamento di un atto amministrativo, pur non pregiudiziale al diritto al risarcimento del danno, comunque dimostra necessariamente la volontà del creditore di reagire al comportamento dell’amministrazione debitrice sotto tutti i profili, ivi compreso quello relativo alla pretesa risarcitoria. Pertanto il ricorrente afferma che il giudizio proposto innanzi ai giudici amministrativi varrebbe ad interrompere la prescrizione del diritto al risarcimento del danno.

Il ricorso è fondato.

La domanda di annullamento di un provvedimento illegittimo, proposta al giudice amministrativo prima della concentrazione per legge davanti allo stesso anche della tutela risarcitoria, interrompe la prescrizione del diritto al risarcimento per tutta la durata del giudizio amministrativo. Ciò perchè il frazionamento della tutela giudiziaria fra processo amministrativo e processo civile non può risolversi in un indebolimento delle pretese sostanziali del cittadino (Cass. Sez. un. 8 aprile 2008 n. 9040).

Ciò vale anche per il principio della translatio iudicii, anche se il giudice amministrativo abbia dichiarato il difetto della propria giurisdizione.

Deve perciò essere cassata la sentenza d’appello, la quale ha negato che la domanda di annullamento del provvedimento amministrativo abbia interrotto la prescrizione del connesso diritto al risarcimento del danno.

Cassata la sentenza, il giudizio va rinviato alla stessa Corte d’Appello di Palermo, che, in diversa composizione, pronuncerà attenendosi al detto principio di diritto, provvedendo anche sulle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Corte d’Appello di Palermo in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 22 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 10 novembre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA