Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23400 del 06/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 06/10/2017, (ud. 07/04/2017, dep.06/10/2017),  n. 23400

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. COSENTINO Antonello – rel. Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 5817-2016 proposto da:

V.M., (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

NICOLO’ PORPORA 16, presso lo studio dell’avvocato EMANUELA QUICI,

che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO PREFETTURA DI GENOVA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 16771/2015 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 12/08/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/04/2017 dal Consigliere Dott. ANTONELLO COSENTINO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, riunita nella camera di consiglio ex art. 380 bis, comma 1 del 7/4/2017, udita la relazione del consigliere C.A., osserva quanto segue.

La sig.ra V.M. ricorre contro il Prefetto di Genova per la revocazione ex art. 395 c.p.c., n. 4 della sentenza di questa Corte n. 16771/15 con la quale è stata rigettata la sua richiesta di cassazione di una sentenza del tribunale di Genova che, confermando la sentenza del giudice di pace della stessa città, aveva respinto l’opposizione da lei proposta avverso una sanzione amministrativa irrogata per il transito veicolare in ZTL.

Gli errori di fatto che la ricorrente ascrive alla suddetta sentenza n. 16771/15 sono indicati nei quattro motivi del ricorso per revocazione.

Il Collegio preliminarmente rileva che la causa è stata chiamata nell’odierna adunanza di camera di consiglio ex art. 380 bis c.p.c.,m comma 1 senza che sia stata formulata la “proposta del relatore” di cui all’art. 380 bis c.p.c., comma 1 (richiamato, in relazione al procedimento per revocazione delle sentenze della Corte di cassazione, dall’art. 391 bis c.p.c., comma 4). Deve, pertanto, rinviarsi la causa a nuovo ruolo, sempre in sede di adunanza ex art. 380 bis c.p.c., comma 1 davanti a questa Seconda Sezione, per la formulazione della proposta di decisione del relatore.

PQM

 

Rinvia a nuovo ruolo per la formulazione della proposta del relatore ex art. 380 bis e 391 bis c.p.c..

Così deciso in Roma, il 7 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 6 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA