Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23332 del 16/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 16/11/2016, (ud. 21/09/2016, dep. 16/11/2016), n.23332

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19823/2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che la rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

D.M.A.;

– intimati –

avverso la decisione n. 1421/01/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

CENTRALE di FIRENZE, emessa l’8/05/2014 depositata il 11/06/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/09/2016 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLA VELLA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, costituito il contraddittorio camerate sulla relazione prevista dall’art. 380 bis c.p.c., osserva quanto segue.

1. L’agenzia delle entrate deduce la “violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 14, D.Lgs. n. 346 del 1992, art. 29 e degli artt. 101, 102 e 354 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4”, per avere la C.T.R. riconosciuto le detrazioni IVA (1986) prive di giustificazione documentale, assumendo quale causa di forza maggiore la distruzione della contabilità a seguito di incendio denunciato in data 17/5/1988.

2. La censura è fondata, poichè, per consolidato orientamento di questa Corte, anche in terna di IVA deve farsi applicazione del principio generale sull’onere della prova dei fatti costitutivi, sicchè la deducibilità dell’imposta pagata dal contribuente (in sede di rivalsa) per l’acquisizione di beni o servizi inerenti all’esercizio dell’impresa, postula che questi sia in possesso delle relative fatture, le annoti in apposito registro e ne conservi evidenza, in difetto potendo l’Ufficio procedere all’accertamento in rettifica; pertanto, nell’ipotesi (non disciplinata dalla normativa IVA) di perdita incolpevole della documentazione, il contribuente è tenuto a dimostrare di essere nell’impossibilità di acquisire presso i fornitori dei beni o dei servizi copia delle fatture, in applicazione della regola generale fissata dall’art. 2724 c.c., n. 3), per cui la perdita incolpevole del documento non esenta l’interessato dall’onere della prova, nè lo sposta sulla controparte, nè tantomeno introduce una presunzione di veridicità di quanto la documentazione andata distrutta avrebbe dovuto rappresentare, rilevando solo come situazione autorizzativi della prova per testimoni o per presunzioni, in deroga ai limiti previsti (v. Cass. n. 5571/11, in caso di incendio della documentazione contabile; Cass. nn. 1650/10, 21233 /06, 13605/03).

3. Anche di recente questa Corte ha ribadito che in simili ipotesi “incombe sul contribuente non solo l’onere di dimostrare di essersi trovato nell’incolpevole impossibilità di produrre tali documenti, ma anche di dimostrare di non essere in grado di acquisire copia delle fatture mancanti presso i fornitori dei beni o dei servizi”, per potersi poi fare applicazione del principio di cui all’art. 2724 c.c., n. 3 (Cass. nn. 14537/15, 13943/11, 5182/11).

4. La sentenza impugnata non ha fatto applicazione dei suddetti principi, ritenendo “che il ricorrente non fosse nelle condizioni di reperire per altre vie la documentazione andata distrutta” e fosse onere dell’Ufficio riscontrare “la inaffidabilità della dichiarazione sulla base delle risultanze di una indagine, anche a campione, condotta nella ricerca delle fatture corrispondenti a quelle andate distrutte in possesso di clienti o fornitori”, pur emergendo che il registro IVA non era andato distrutto nell’incendio ed il contribuente avrebbe potuto utilizzarlo per ricostruire presso i fornitori la documentazione giustificativa delle detrazioni Iva esposte.

4. In conclusione, in accoglimento del ricorso la sentenza impugnata va cassata, con rinvio al giudice d’appello che, in diversa composizione, provvederà anche alla statuizione sulle spese processuali del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione Tributaria Regionale della Toscana, in diversa composizione, anche per la regolazione delle spese del presente giudizio.

Così deciso in Roma, il 21 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 16 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA