Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23329 del 16/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 16/11/2016, (ud. 21/09/2016, dep. 16/11/2016), n.23329

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19654/2015 proposto da:

S.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G.G. BELLI

39, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO MANGAZZO, rappresentato

e difeso dagli avvocati ALFONSO CAPOTORTO, CIRO SITO, giusta procura

speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE – DIREZIONE PROVINCIALE (OMISSIS) NAPOLI

UFFICIO CONTROLLI, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 11256/50/2014 della COMMISSIONE, TRIBUTARIA

REGIONALE di NAPOLI, emessa il 15/12/2014 e depositata il

22/12/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/09/2016 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLA VELLA;

udito l’Avv. Claudio Lucisano (delega Avv. Alfonso Capotorto), per il

ricorrente, che si riporta al ricorso e ne chiede l’accoglimento.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, costituito il contraddittorio camerale sulla relazione prevista dall’art. 380 bis c.p.c., osserva guanto segue.

1. Con il primo motivo si deduce la “violazione e falsa applicazione art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, relazione al D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, artt. 39 – 42 – nullità della sentenza per evidente omessa, contraddittoria, errata ed insufficiente motivazione – omesso esame ed errata motivazione circa un fatto decisivo per il giudizio”, in quanto la C.T.R. si sarebbe “limitata ad avallare il giudizio di legittimità dell’avviso di accertamento” operato dalla C.T.P..

2. Con il secondo (“violazione e falsa applicazione art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, in relazione al D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, artt. 39 – 42) si assume la “nullità dell’avviso di accertamento impegnato”, per essere stato il provvedimento “sottoscritto da un Dirigente… che non aveva i poteri”.

3. Il primo motivo presenta profili sia di inammissibilità che di infondatezza, in quanto: 1) in contrasto con la tassatività dei motivi di ricorso, veicola cumulativamente censure di natura eterogenea, così riversando impropriamente sul giudice di legittimità il compito di isolare le singole censure (ex plurimis, Cass. 18202/08, 19443/11, 21611/13, 26018/14, 5964/15, 13729/16, 14257/16); 2) predica illogicamente l’erroneità e contraddittorietà di una motivazione contestualmente ritenuta omessa; 3) assume che sui presupposti dell’accertamento analitico-induttivo la C.T.R. si sarebbe limitata ad avallare la valutazione di legittimità espressa dai giudici di prime cure, quando invece dalla sentenza impugnata emerge un’autonoma ed accurata motivazione sul punto, corredata dai riferimenti all’omessa presentazione della dichiarazione dei redditi per l’anno 2005, alla ripetuta antieconomicità della gestione aziendale (avente ad oggetto la vendita al dettaglio di carburanti per autotrazione), alla generica giustificazione fornita dal contribuente in sede di contraddittorio endoprocedimentale (“la generica concorrenza sul mercato”), all’incremento costante del volume d’affari senza maggiori utili, ed infine alle incongruenze con gli studi di settore.

4. Il secondo motivo è infondato, avendo questa Corte chiarito che “le forme di invalidità dell’atto tributario, ove anche dal legislatore indicate sotto il nomen di nullità, non sono rilevabili d’ufficio, nè possono essere fatte valere per la prima volta nel giudizio di cassazione”, operando per esse il principio generale di conversione in mezzi di gravame” (Cass. un. 22803/15, 22810/15, 21307/15, 18448/15, 25756/14) e, nel caso di specie, la questione non risulta posta nè esaminata nei precedenti gradi di merito.

5. Il ricorso va dunque rigettato, senza condanna alle spese, stante la mancata costituzione della amministrazione intimata.

PQM

La Corte rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 21 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 16 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA