Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2329 del 01/02/2010

Cassazione civile sez. II, 01/02/2010, (ud. 14/01/2010, dep. 01/02/2010), n.2329

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHETTINO Olindo – Presidente –

Dott. MALZONE Ennio – Consigliere –

Dott. FINOCCHIARO Mario – rel. Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 1240/2005 proposto da:

PUNTO CASA SRL (OMISSIS), in persona dell’Amministratore e legale

rappresentante pro tempore R.U., elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA G. PISANELLI 4, presso lo studio dell’avvocato GIGLI

Giuseppe, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato VILLA

GIANROBERTO;

– ricorrente –

contro

CONDOMINIO (OMISSIS) (OMISSIS) in

persona dell’Amministratore Z.G., elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA TACITO 23, presso lo studio dell’avvocato

COSTANZA ANIELLO, rappresentato e difeso dall’avvocato PACCHIOLI

Roberto;

F.M. (OMISSIS), F.E.

(OMISSIS), F.R. (OMISSIS),

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CARLO POMA 4, presso lo studio

dell’avvocato BALIVA MARCO, che li rappresenta e difende unitamente

all’avvocato GINOULHIAC EUGENIO;

– controricorrenti –

e contro

C.R. DECEDUTO TITOLARE DELL’IMPRESA INDIVIDUALE EDIL

2001 E PER ESSO gli eredi elettivamente e impersonalmente;

– intimati –

avverso la sentenza n. 2135/2004 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 16/07/2004;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

14/01/2010 dal Consigliere Dott. LUIGI PICCIALLI;

Preliminarmente i due difensori si rimettono sul richiesta del

Consigliere PICCIALLI di integrare il contraddittorio;

udito l’Avvocato GIGLI Giuseppe, difensore del ricorrente che si

riporta ed insiste;

uditi gli Avvocati BALIVA Marco e PICCHIOLI Roberto difensori dei

rispettivi resistenti che si riportano anch’essi ed insistono, anche

sulle conclusioni di cui alle memorie;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso per integrazione del

contraddittorio nei confronti del C.R. in subordine

rigetto del ricorso e condanna alle spese.

La Corte:

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che il ricorso all’intimato C.R., chiamato in causa quale titolare della ditta individuale Edil 2001, appellato contumace in secondo grado, risulta invalidamente notificato presso l’avvocato che l’aveva rappresentato e difeso in primo grado, nonchè, sull’indimostrata premessa del sopravvenuto decesso del destinatario, collettivamente ed impersonalmente presso il domicilio del medesimo, pur non precisandosi la data dell’assunta morte, con conseguente impossibilità di verifica del rispetto delle condizioni di cui all’art. 330 c.p.c., comma 2, che ammette siffatta modalità di notificazione solo nel caso in cui il decesso si sia verificato dopo la notificazione della sentenza impugnata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

dunque, che allo stato non può ritenersi certa l’integrità del contraddittorio nei confronti del suddetto litisconsorte processuale o dei suoi aventi causa, ove deceduto, rendendosi pertanto necessario provvedere ai sensi dell’art. 331 c.p.c.;

sul conforme parere del P.G. e sulla non opposizione dei difensori delle altre parti presenti.

P.Q.M.

Ordina l’integrazione del contraddittorio nei confronti di C. R., oppure, ove comprovato il relativo decesso, agli eredi del medesimo, mediante notifiche da eseguirsi singolarmente, nel caso in cui detto evento si sia verificato prima della notificazione della sentenza impugnata.

Assegna a tal fine il termine di giorni trenta, decorrente dalla comunicazione della presente ordinanza.

Così deciso in Roma, il 14 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 1 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA