Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23249 del 23/10/2020

Cassazione civile sez. trib., 23/10/2020, (ud. 06/03/2020, dep. 23/10/2020), n.23249

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. TINARELLI FUOCHI Giuseppe – Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – rel. Consigliere –

Dott. DINAPOLI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5173-2014 proposto da:

M.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA NICCOLO’ PAGANINI

15, presso lo studio dell’avvocato ALESSIO FOLIGNO, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2/2013 della COMM. TRIB. REG. di GENOVA,

depositata il 11/01/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

06/03/2020 dal Consigliere Dott. ROSARIA MARIA CASTORINA.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

L’Agenzia delle Entrate notificava a M.G., esercente l’attività di commercio all’ingrosso di prodotti alimentari e ambulante senza posto fisso di generi alimentari e bevande, un avviso di accertamento con il quale gli venivano contestati omessi ricavi, per l’anno di imposta 1999, con conseguente determinazione delle relative imposte, sanzioni ed interessi.

L’avviso non veniva impugnato. Successivamente veniva emessa una cartella esattoriale, in base all’accertamento resosi definitivo; anche la cartella non veniva impugnata.

Il contribuente, lamentando di essere stato truffato dalla propria commercialista che aveva anche denunciato all’autorità giudiziaria, presentava istanza di autotutela alla competente agenzia delle Entrate, la quale respingeva l’stanza.

Il M. impugnava il rifiuto davanti la Commissione Provinciale di Savona la quale, con sentenza n. 4/4/09, premesso che il suo giudizio non poteva estendersi oltre il sindacato sui vizi propri del provvedimento, accoglieva il ricorso.

L’Agenzia delle Entrate ricorreva davanti la Commissione Tributaria Regionale della Liguria la quale, con sentenza n. 2/3/2013 depositata il dì 11.1.2013 accoglieva l’impugnazione sul presupposto che il giudice di primo grado non poteva spingersi ad annullare il ruolo ormai definitivo, ma poteva rivolgere un semplice invito all’ufficio a rivedere l’istanza di autotutela.

Avverso la sentenza di appello M.G. ricorre per la cassazione, affidando il suo mezzo a un motivo.

L’Agenzia delle entrate resiste con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il motivo il contribuente deduce violazione e mancata applicazione del D.M. 11 febbraio 1997, n. 37, art. 2; violazione e mancata applicazione dell’art. 53 Cost., in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5.

Lamenta che la CTR non aveva rilevato che la CTP si era limitata ad annullare il provvedimento di diniego e non il ruolo e che la sua mancata risposta al questionario e la mancata impugnazione dell’avviso erano avvenuti per causa non imputabile.

La censura non è fondata.

“Nel processo tributario, il sindacato sull’atto di diniego dell’Amministrazione di procedere ad annullamento del provvedimento impositivo in sede di autotutela può riguardare soltanto eventuali profili di illegittimità del rifiuto, in relazione a ragioni di rilevante interesse generale che giustificano l’esercizio di tale potere, che, come affermato anche dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 181 del 2017, si basa su valutazioni ampiamente discrezionali e non costituisce uno strumento di tutela dei diritti individuali del contribuente” (così da ultimo Cass. ordinanza n. 21146 del 24 agosto 2018).

Il dedotto interesse a che “ciascun cittadino sia soggetto ad una tassazione conforme alla legge e correlata alla propria capacità contributiva” è un interesse astratto (coincidente con il ripristino della legalità) laddove invece, per giustificare la doglianza contro il diniego di autotutela occorre che sia dedotto un interesse generale (cioè travalicante quello individuale della parte in causa), concreto e specifico (come, ad esempio, l’interesse derivante dall’intervenuto annullamento da parte del giudice amministrativo di un atto presupposto a quello in questione; di atto basato su una affermazione di principio, suscettivo di generalizzazione, errata), in esatta corrispondenza all’interesse di cui l’amministrazione deve dar conto nella motivazione dell’atto di annullamento (adottato anche in assenza di sollecitazione del privato) (Cass. 4937/2019).

In considerazione di quanto precede, l’affermazione contenuta nella sentenza impugnata secondo cui “in presenza di un provvedimento definitivo l’autotutela dell’amministrazione possa essere attuata soltanto in presenza di elementi nuovi non sindacabili prima o di macroscopici errori chiaramente riscontrabili e tali da rendere palesemente contraddittorio o assurdo il risultato cui il provvedimento è pervenuto”, si sottrae a censura.

Il ricorso deve essere, pertanto, rigettato.

Le spese seguono la soccombenza.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, da atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma del citato art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

PQM

Rigetta il ricorso e condanna M.G. al pagamento delle spese processuali che liquida in Euro 4100,00 oltre alle spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, da atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma del citato art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 6 marzo 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA