Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23182 del 23/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 23/10/2020, (ud. 23/09/2020, dep. 23/10/2020), n.23182

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. GRASSO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 31235-2019 proposto da:

M.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GOLAMETTO 4,

presso lo studio dell’avvocato FERRIOLO GIOVAMBATTISTA, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato ABBATE FERDINANDO

EMILIO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– intimato –

avverso il decreto n. 323/2019 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 21/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/09/2020 dal Consigliere Relatore Dott. GRASSO

GIUSEPPE.

 

Fatto

RITENUTO

che a conclusione della fase monocratica il Consigliere designato della Corte d’appello di Perugia condannò il Ministero della Giustizia a pagare in favore di M.S., a titolo d’equo indennizzo per la non ragionevole durata di un processo civile, la somma di Euro 1.200,00, nonchè le spese processuali, liquidate in complessivi Euro 225,00, oltre accessori;

che la Corte d’appello di Perugia rigettò l’opposizione della M., la quale lamentava l’esiguità dell’ammontare della liquidazione a titolo di spese;

che avverso il predetto decreto l’anzidetta istante propone ricorso, ulteriormente illustrato da memoria, esponendo, con l’unitaria censura posta a corredo dello strumento, che la Corte di merito aveva violato o falsamente applicato l’art. 91 c.p.c. e art. 2233 c.c., nonchè il D.M. n. 55 del 2014, per avere liquidate il rimborso spese al disotto del minimo legale;

che l’Amministrazione è rimasta intimata.

Diritto

CONSIDERATO

che il motivo non merita di essere accolto in quanto:

– correttamente la ricorrente individua la fascia tabellare di riferimento (D.M. n. 55 del 2014) da Euro 1.100,01 a Euro 5.200,00, ma poichè la prestazione dell’avvocato risulta essere stata svolta nell’àmbito di un giudizio monitorio (ben diverso è il caso in cui l’accesso alla fase di cognizione davanti al collegio derivi da opposizione che concerna il merito della decisione, per essere stata rigettata la pretesa o riconosciuta un’indennità reputata non soddisfattiva) devono trovare applicazione i parametri previsti per i procedimenti monitori, e la liquidazione non si pone al di sotto dei predetti parametri legali (cfr., da ultimo, Cass. n. 16419/2020);

– l’addotta violazione dell’art. 2233 c.c., comma 2, è radicalmente priva di fondamento, invero la ricorrente invoca un inammissibile sindacato di merito, in presenza di una liquidazione del giudice rispettosa del minimo di tabella;

considerato che essendo la controparte rimasta intimata non deve farsi luogo a regolamento delle spese;

considerato che non sussistono i presupposti di legge sul raddoppio del contributo unificato (Cass. n. 2273/2019) come si desume dal D.P.R. n. 115 del 2002, art. 10 (conf. Cass. S.U. n. 4315/2020).

P.Q.M.

Rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 23 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA