Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23176 del 20/08/2021

Cassazione civile sez. trib., 20/08/2021, (ud. 26/05/2021, dep. 20/08/2021), n.23176

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SUCCIO Roberto – Presidente –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA Maria Giuli – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Mar – Consigliere –

Dott. CHIESI Gian A – rel. Consigliere –

Dott. NOVIK Adet Toni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10212-2014 proposto da:

C.G. (C.F. (OMISSIS)), rapp. e dif., in virtù di procura

speciale in atti, dagli Avv.ti ANDREA GALDIERI ed ARCANGELO GUZZO,

presso lo studio del quale ultimo sono tutti elett.te dom.ti in

Roma, alla VIA A. GRAMSCI, n. 9;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore p.t., legale

rappresentante, dom.to in ROMA, alla VIA DEI PORTOGHESI, n. 12,

presso l’Avvocatura Generale dello Stato, che lo rapp. e dif.;

– resistente –

avverso la sentenza n. 454/23/13 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della CAMPANIA, depositata il 12/12/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

26/5/2021 dal Consigliere Dott. GIAN ANDREA CHIESI.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che C.G. propose ricorso, innanzi alla C.T.P. di Napoli, avverso l’avviso di accertamento notificatogli per riprese afferenti ad imposte dirette, indirette e sanzioni relative all’anno di imposta 2004, per aver omesso di dichiarare redditi di impresa da attività di commercio all’ingrosso di prodotti audio e video;

che la C.T.P. di Napoli, con sentenza 349/18/10, accolse il ricorso;

che avverso tale decisione l’AGENZIA propose appello innanzi alla C.T.R. della Campania la quale, con sentenza n. 454/23/13, depositata il 12.12.2013, accolse il gravame, ritenendo l’avviso di accertamento motivato e la percentuale di ricarico applicata ragionevole e prudente;

che avverso tale decisione il C. ha proposto ricorso per cassazione, affidato a tre motivi; si è costituita, al solo fine di partecipare alla eventuale discussione orale, l’AGENZIA DELLE ENTRATE;

che, prima dell’udienza del 25.2.2020, originariamente fissata per la trattazione della causa in camera di consiglio, parte ricorrente ha depositato, ex art. 372 c.p.c., la sentenza n. 113/2018, pubblicata l’8.1.2018, con cui la C.T.R. della Campania ha revocato la sentenza n. 454/23/13, nonché memoria ex art. 380-bis.1 c.p.c., con la quale la medesima difesa del C. ha chiesto, sulla scorta della citata sentenza n. 113/2018, dichiararsi il ricorso improcedibile;

che, tuttavia, essendo stata depositata solo una copia autentica della sentenza n. 113/2018, priva dell’attestazione di avvenuto passaggio in giudicato, il Collegio, stante l’impossibilità di dichiarare il ricorso improcedibile (arg. da Cass., Sez. 2, 27.10.1987, n. 7914, Rv. 455667-01), ha rinviato la causa a nuovo ruolo, onerando parte ricorrente al deposito, entro il minor tempo possibile, dell’attestazione predetta;

che la difesa del contribuente, ottemperando a quanto precede, ha quindi depositato copia della sentenza n. 113/2018, munita dell’attestazione di cancelleria – in calce all’ultima pagina e datata 10.12.2020 – di mancata proposizione, avverso la stessa, di ricorso per cassazione;

che, per effetto di quanto precede, si è determinata la cessazione della materia del contendere, che dà luogo all’inammissibilità del ricorso per sopravvenuto difetto di interesse (cfr. Cass., Sez. U, 28.4.2017, n. 10553, Rv. 643788-01 e, più recentemente Cass., Sez. 3, 2.4.2021, n. 9201);

che, in considerazione di tale sopravvenuta carenza di interesse, nonché della costituzione dell’AGENZIA DELLE ENTRATE ai soli fini della discussione in pubblica udienza: a) nulla va disposto in ordine alle spese del giudizio di legittimità; b) non sussistono i presupposti processuali per la condanna della parte ricorrente al pagamento di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, ex art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, la cui ratio va individuata nella finalità di scoraggiare le impugnazioni dilatorie o pretestuose e che, pertanto, trova applicazione per il caso di inammissibilità originaria del gravame ma non per quella come nella specie – sopravvenuta (cfr. anche Cass., Sez. 6-2, 2.7.2015, n. 13636, Rv. 635682-01).

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile. Dà atto della insussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte di C.G., dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso principale.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Civile Tributaria, il 26 maggio 2021.

Depositato in Cancelleria il 20 agosto 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA