Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23113 del 11/11/2016

Cassazione civile sez. VI, 11/11/2016, (ud. 05/07/2016, dep. 11/11/2016), n.23113

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27214-2014 proposto da:

L.F.M., L.P., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA A. SECCHI 9, presso lo studio dell’avvocato VALERIO

ZIMATORE, che li rappresenta e difende, giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrenti –

contro

COMUNE CROTONE;

– intimato –

avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di CROTONE, depositata il

29/10/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

05/07/2016 dal Consigliere Relatore Dott. MARIA ACIERNO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che è stato depositata la seguente relazione in ordine al procedimento civile iscritto al R.G. 27214/2014:

“Con ordinanza del 12.10.2014 il Giudice istruttore del Tribunale di Crotone, nel procedimento avente ad oggetto la domanda di pagamento dell’indennità di esproprio rivolta dal ricorrente all’ente territoriale, ha disposto la revoca dell’ordinanza del 25.07.2014, emessa dal precedente G.I, con la quale era stato disposto l’ammissione della C.T.U., ed è stata conseguentemente fissata l’udienza di precisazione delle conclusioni.

Il ricorrente, avverso tale ordinanza, ricorre per Cassazione, sulla base del seguente motivo:

– Violazione ex art. 111 Cost. per abnormità del provvedimento e omessa motivazione, sulla base del quale, l’ordinanza del 12.10.2014 è stata emessa senza alcuna valida ragione, senza che vi sia stata alcuna istanza delle parti e, soprattutto, senza specificare le motivazioni che hanno indotto il Giudice a revocare l’ordinanza del 25.07.2014;

Il ricorso è inammissibile, in quanto l’ordinanza con cui il giudice abbia disposto la prosecuzione del giudizio, fissando l’udienza per la precisazione delle conclusioni, ha natura meramente endoprocessuale difettando del requisito della decisori età e della definitività. (Cass. 11870 del 2014).

Ove si condividano i predetti rilievi il ricorso deve essere dichiarato inammissibile”.

Il collegio condivide senza rilievi la relazione, dichiara inammissibile il ricorso e non dà luogo alla statuizione delle spese in mancanza della costituzione della parte resistente.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 5 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 11 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA