Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 23104 del 03/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 03/10/2017, (ud. 07/07/2017, dep.03/10/2017),  n. 23104

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9745/2016 proposto da:

C.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA DELLA

LIBERTA’, n. 20, presso lo studio dell’avvocato SALVATORE SICA,

rappresentato e difeso dall’avvocato BRUNO MEOLI;

– ricorrente –

contro

CURATELA DEL FALLIMENTO (OMISSIS) S.R.L., in persona dei curatori

fallimentari, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA LABICANA, n.

58, presso lo studio dell’avvocato PAOLO PANNELLA, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BENEVENTO, depositato il

27/01/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 07/07/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO PIETRO

LAMORGESE.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

La fattispecie esaminata dai giudici di merito riguarda un’opposizione allo stato passivo del Fallimento (OMISSIS) srl, dal quale è stato escluso un credito di C.M. per prestazione professionale di avvocato, per mancanza di prova della data certa della scrittura di conferimento dell’incarico professionale per l’assistenza in una transazione.

L’unico motivo del ricorso per cassazione proposto dal C. è fondato, non condividendo il Collegio la proposta del relatore nel senso dell’inammissibilità.

Deve farsi applicazione del principio secondo cui il mandato professionale per l’espletamento di attività di consulenza e, comunque, di attività stragiudiziale non deve essere provato necessariamente con la forma scritta, “ad substantiam” ovvero “ad probationem”, poichè può essere conferito in qualsiasi forma idonea a manifestare il consenso delle parti e il giudice (nella specie, in sede di accertamento del relativo credito nel passivo fallimentare), tenuto conto della qualità delle parti, della natura del contratto e di ogni altra circostanza, può ammettere l’interessato a provare, anche con testimoni, sia il contratto che il suo contenuto; inoltre, l’inopponibilità, per difetto di data certa ex art. 2704 c.c., non riguarda il negozio, ma la data della scrittura prodotta, sicchè il negozio e la sua stipulazione in data anteriore al fallimento possono essere oggetto di prova, prescindendo dal documento, con tutti gli altri mezzi consentiti dall’ordinamento, salve le limitazioni derivanti dalla natura e dall’oggetto del negozio stesso (Cass. n. 2319/2016, n. 4705/2011).

Pertanto, il decreto impugnato è cassato con rinvio al Tribunale di Benevento anche per le spese.

PQM

 

La Corte accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato e rinvia al Tribunale di Benevento, in diversa composizione, anche per le spese.

Così deciso in Roma, il 7 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 3 ottobre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA