Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22976 del 10/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 10/11/2016, (ud. 16/09/2016, dep. 10/11/2016), n.22976

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12810/2015 proposto da:

C.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GIUSEPPE

SIRTORI 56, presso lo studio dell’avvocato VITTORIO AMEDEO

MARINELLI, rappresentato e difeso dagli avvocati FRANCESCO ORLANDO,

MASSIMO SPAGNUOLO, giusta mandato in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

L.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA EMILIO FAA DI

BRUNO 79, presso lo studio dell’avvocato FEDERICA SAULLI,

rappresentato e difeso dall’avvocato FABIO MALECCHI, giusta mandato

in calce al ricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 49/2015 della CORTE D’APPELLO DI LECCE SEZONE

DISTACCATA di TARANTO del 28/01/2015, depositata il 09/02/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

16/09/2016 dal Consigliere Relatore Dott. DANILO SESTINI.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

E’ stata depositata la seguente relax ione ex art. 380 bis c.p.c..

“1. C.M. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza con cui la Corte di Appello di Lecce gli ha negato il diritto a percepire l’indennità per la predita dell’avviamento commerciale per non avere accettato la proposta del locatore che, in vista della scadenza dell'(OMISSIS), aveva comunicato) l’intenzione di rinnovare il contratto solo a condizione del raddoppio del canone e della cauzione.

2. Con l’unico motivo, il ricorrente si duole della mancata applicazione della L. n. 392 del 1978, artt. 34 e 69, assumendo che la cessazione del rapporto era dipesa dall’iniziativa assunta dal locatore (che aveva preteso il raddoppio del canone) e non era dovuta a inadempimento o disdetta del conduttore o a una delle procedure previste dal R.D. n. 267 del 1942, alle quali non era assimilabile l’ipotesi della mancata accettazione delle nuove proposte formulate dal conduttore (in linea con l’ipotesi prevista dalla L. n. 392 del 1978, art. 69, che consentiva al conduttore di non accettare l’aumento proposto dal locatore, senza perdere – con ciò – il diritto all’indennità).

3. Il motivo è fondato.

La Corte, che pure ha correttamente individuato la norma da applicare (in relazione ad un contratto sorto nell’anno 1989) esclusivamente nell’art. 34 L. cit., ha errato nel ritenere che la mancata accettazione del nuovo canone proposto dal locatore integrasse un’ipotesi di recesso da parte del conduttore, senza considerare che “la genesi della cessazione del rapporto si identifica pur sempre nella condotta del locatore” (cfr. Cass., n. 14728/2001, relativa ad una disdetta inefficace, ma non opposta dal conduttore): deve ritenersi, infatti, che quando il conduttore si limiti a non opporsi ad una iniziativa risolutiva del locatore (ancorchè infondata) o non aderisca alle nuove condizioni economiche cui il locatore condiziona la prosecuzione del rapporto non ricorra un’ipotesi di disdetta o recesso del conduttore ai sensi del cit. art. 34, che – per essere tale – deve prescindere da qualunque preventiva iniziativa del locatore volta a far cessare il rapporto o a subordinarne la prosecuzione al mutamento delle condizioni economiche.

4. Si propone pertanto l’accoglimento del ricorso, con cassazione e rinvio (anche per le spese di lite)”.

A seguito della discussione svolta in Camera di consiglio, il Collegio ha condiviso i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione.

Il ricorso va pertanto accolto, con cassazione e rinvio alla Corte territoriale, anche per le spese di lite.

PQM

la Corte accoglie il ricorso, cassa e rinvia, anche per le spese di lite, alla Corte di Appello di Lecce, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 16 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 10 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA