Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22959 del 16/08/2021

Cassazione civile sez. II, 16/08/2021, (ud. 05/11/2020, dep. 16/08/2021), n.22959

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24975-2019 proposto da:

I.D., rappresentato e difeso dall’Avvocato Massimo Rizzato,

con studio in Vicenza via Napoli n. 4;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del Tribunale di Venezia, depositata il

22/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

05/11/2020 dal Consigliere Dott. Annamaria Casadonte.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– I.D. ricorre avverso l’ordinanza del tribunale di Venezia, sezione specializzata in materia di immigrazione, che ha statuito il diniego della protezione internazionale nella forma del rifugio e della protezione sussidiaria nonché di quella umanitaria;

– la cassazione dell’ordinanza è chiesta sulla base di tre motivi;

– non ha svolto attività difensiva l’intimato Ministero dell’interno.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con il primo motivo il ricorrente denuncia la violazione delle disposizioni sul riconoscimento della protezione sussidiaria in relazione ai rischi cui sarebbe esposto il richiedente asilo;

– con il secondo motivo si denuncia il difetto di motivazione rispetto al riconoscimento della protezione umanitaria;

– con il terzo motivo si denuncia la violazione del D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 17 e 14 per il mancato riconoscimento della protezione sussidiaria;

– preliminarmente occorre dare atto che il ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso non notificata al Ministero in quanto non ha svolto attività difensiva;

– va pertanto dichiarata l’estinzione del giudizio di cassazione ai sensi dell’art. 390 c.p.c.;

– nulla va disposto sulle spese dal momento che l’intimato non ha svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio di legittimità. Nulla spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sezione Seconda civile, il 5 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 16 agosto 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA