Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22954 del 29/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 29/09/2017, (ud. 06/07/2017, dep.29/09/2017),  n. 22954

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 29225/2015 proposto da:

M.A.M., rappresentata e difesa dall’avvocato ANDREA

LUCCI, I.D., rappresentato e difeso dall’avvocato LUIGI

TOPPETTA, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CICERONE, 60 presso

lo studio dell’avvocato VINCENZO COLAROCCO;

– ricorrenti –

contro

B.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA EMILIO FAA’

DI BRUNO 43, presso lo studio dell’avvocato MARCO PAOLELLI,

rappresentato e difeso dall’avvocato CLAUDIO IVO GABRIELE;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1160/2015 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 20/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 06/07/2017 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI.

Dato atto che il Collegio ha disposto la motivazione semplificata.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

La M. e lo I. ricorrono per cassazione avverso la sentenza di appello con cui è stata accolta la domanda revocatoria ex art. 2901 c.c., proposta da B.A. in relazione al trasferimento della quota del 50% della proprietà di un immobile spettante allo I., effettuato in favore della moglie nell’ambito degli accordi di separazione consensuale;

con l’unico motivo, i ricorrenti denunciano la violazione e falsa applicazione dell’art. 342 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 4: deducono che la Corte territoriale ha “erroneamente disatteso l’eccezione di inammissibilità dell’appello sostenendo, contrariamente a quanto si legge nell’impugnazione formulata dal… B…. che quest’ultimo aveva indicato i capi della sentenza che intendeva impugnare e le modifiche richieste alla ricostruzione del Giudice di prime cure”;

il B. ha resistito al ricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il ricorso è inammissibile, in quanto non trascrive l’atto di appello nella misura idonea a consentire alla Corte di apprezzare, sulla base della sola lettura del ricorso, la dedotta non specificità dell’impugnazione;

deve, infatti, darsi continuità all’orientamento secondo cui “il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione – che trova la propria ragion d’essere nella necessità di consentire al giudice di legittimità di valutare la fondatezza del motivo senza dover procedere all’esame dei fascicoli di ufficio o di parte vale anche in relazione ai motivi di appello rispetto ai quali si denuncino errori da parte del giudice di merito; ne consegue che, ove il ricorrente denunci la violazione e falsa applicazione dell’art. 342 c.p.c., conseguente alla mancata declaratoria di nullità dell’atto di appello per genericità dei motivi, deve riportare nel ricorso, nel loro impianto specifico, i predetti motivi formulati dalla controparte” (Cass. n. 86/2012);

le spese di lite seguono la soccombenza;

trattandosi di ricorso proposto successivamente al 30.1.2013, sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

 

La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso e condanna i ricorrenti a rifondere al controricorrente le spese di lite, liquidate in Euro 2.300,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 e agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 6 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 29 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA