Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22942 del 10/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 10/11/2016, (ud. 19/07/2016, dep. 10/11/2016), n.22942

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 26000-2013 proposto da:

L.G.L.G., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA BOEZIO 19, presso lo studio dell’avvocato GILBERTO

CERUTTI, che lo rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

IL POMODORINO S.R.L., P.I. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PANAMA 52, presso lo studio degli avvocati GUIDO CECINELLI, VANIA

GAGLIARDI che la rappresentano e difendono, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 4946/2013 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 27/05/2013 R.G.N. 5676/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/07/2016 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito l’Avvocato MOZZETTI ROBERTO per delega avvocato CERUTTI

GILBERTO;

udito l’Avvocato CECINELLI GUIDO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

Con sentenza depositata il 27.5.2013, la Corte d’appello di Roma confermava la decisione di primo grado che aveva rigettato la domanda di L.G.L.G. volta alla declaratoria di nullità del termine finale di durata apposta al contratto di lavoro stipulato con Il Pomodorino s.r.l.

La Corte in particolare riteneva che le ragioni dell’assunzione a termine, esplicitate nel contratto mediante riferimento ad “incremento di attività”, valessero a integrare il requisito della sufficiente specificità richiesto dal D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 1 tenuto conto della natura delle mansioni, della durata del contratto e dell’oggetto dell’attività aziendale.

Contro questa pronuncia ricorre il lavoratore con un motivo. Resiste Il Pomodorino s.r.l. con controricorso.

Diritto

Con l’unico motivo di censura, il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 1, comma 1 per avere la Corte territoriale ritenuto che le ragioni dell’assunzione, per come esplicitate dal contratto stipulato inter partes, valessero ad integrare il requisito della specificità della causale necessario ai fini della validità della stipulazione a termine.

Il motivo è inammissibile. Va premesso che, secondo la costante giurisprudenza di questa Corte di legittimità, il vizio di violazione di legge consiste in un’erronea ricognizione della norma recata da una disposizione di legge da parte del provvedimento impugnato, riconducibile o ad un’erronea interpretazione della medesima ovvero nell’erronea sussunzione del fatto così come accertato entro di essa, e non va confuso con l’allegazione di un’erronea ricognizione della fattispecie concreta a mezzo delle risultanze di causa, che è esterna all’esatta interpretazione della norma e inerisce alla tipica valutazione del giudice di merito, la cui censura in sede di legittimità, che era prima possibile sotto l’aspetto del vizio di motivazione (cfr. fra le più recenti Cass. nn. 15499 del 2004, 18782 del 2005, 5076 e 22348 del 2007, 7394 del 2010, 8315 del 2013), deve adesso considerarsi ammissibile nei più ristretti limiti della nuova formulazione dell’art. 360 c.p.c., n. 5, quale risultante dalla modifica apportata dal D.L. n. 83 del 2012, art. 54 (conv. con L. n. 134 del 2012).

Ciò posto, è agevole rilevare che la censura proposta da parte ricorrente incorre precisamente nella confusione dianzi chiarita, dal momento che, pur essendo formulata con riferimento a una presunta violazione o falsa applicazione del D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 1, comma 1, concerne in realtà la motivazione addotta dalla Corte di merito a sostegno del giudizio relativo alla ricorrenza in concreto degli elementi tipici della clausola generale contenuta nella disposizione cit., che si pone invece sul diverso piano del giudizio di fatto demandato al giudice di merito (cfr. in tal senso, tra le più recenti, Cass. n. 6498 del 2012). E poichè il D.L. n. 83 del 2012, art. 54 cit., ha reso denunciabile per cassazione solo l’anomalia motivazionale attinente all’esistenza della motivazione in sè, a prescindere cioè dal confronto con le risultanze processuali (Cass. S.U. n. 8053 del 2014), il ricorso va ritenuto inammissibile e il ricorrente, soccombente, va condannato alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo.

Sussistono inoltre i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna parte ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano in complessivi Euro 3.900,00, di cui Euro 3.800,00 per compensi, oltre spese generali in misura pari al 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, 19 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 10 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA