Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22933 del 10/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 10/11/2016, (ud. 22/06/2016, dep. 10/11/2016), n.22933

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VENUTI Pietro – Presidente –

Dott. MANNA Antonio – Consigliere –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 8651/2015 proposto da:

S.W., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

(OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato EMANUELE SPATA, che lo

rappresenta e difende giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

COOPSERVICE SOCIETA’ COOPERATIVA P.A., P.I. (OMISSIS), in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA FLAMINIA 167, presso lo studio dell’avvocato ROBERTO

NARCISI, rappresentata e difesa dall’avvocato DANIELA TURELLO,

giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 519/2014 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 17/12/2014, R.G. N. 376/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/06/2016 dal Consigliere Dott. PAOLO NEGRI DELLA TORRE;

udito l’Avvocato EMANUELE SPATA;

udito l’Avvocato ROBERTO NARCISI per delega Avv. DANIELA TURELLO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FRESA Mario, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 519/2014, depositata il 17/12/2014, la Corte di appello di Brescia respingeva il gravame di S.W. avverso la sentenza del Tribunale di Mantova, che aveva accolto l’eccezione di decadenza proposta dall’utilizzatrice Coopservice soc. coop. p.a. in relazione ai contratti a tempo determinato in somministrazione stipulati dal ricorrente con la società Archimede S.p.A. nel periodo dal (OMISSIS), sul rilievo che il termine (di sessanta giorni) per l’impugnazione, introdotto dalla L. n. 183 del 1984, art. 32, dovesse ritenersi decorrente dall’1/1/2012, ai sensi del comma 1 bis dello stesso art. 32.

Ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza il lavoratore con due motivi; ha resistito Coopservice con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo il ricorrente, deducendo violazione o falsa applicazione degli artt. 12 e 14 preleggi, in relazione alla L. 4 novembre 2010, n. 183, art. 32, comma 4, censura la sentenza impugnata per avere ritenuto decorrente il termine di sessanta giorni, stabilito a pena di decadenza per l’impugnazione, dalla scadenza del contratto di somministrazione anzichè dalla data di formale comunicazione al lavoratore della cessazione del rapporto.

Con il secondo motivo, deducendo violazione o falsa applicazione dell’art. 11 preleggi, in relazione alla L. n. 183 del 2010, art. 32, comma 1 bis, il ricorrente censura la sentenza per avere ritenuto che il termine per l’impugnazione dovesse computarsi a decorrere dall’1/1/2012, con conseguente decadenza del lavoratore dal relativo potere stante l’avvenuta trasmissione della lettera contenente l’impugnativa soltanto in data 17/4/2013: assume, al riguardo, che la disposizione, di cui al comma 1 bis, dovrebbe essere interpretata nel senso che è posticipato (all’1/1/2012) non solo il computo del termine di decadenza ma l’intero nuovo regime introdotto dalla LI. n. 183 del 2010, così da ritenere non assoggettati ad esso i contratti a termine in somministrazione stipulati anteriormente al 31/12/2011.

Il ricorso deve essere respinto.

Quanto al primo motivo, si deve preliminarmente rilevare che l’odierno ricorrente ha chiesto in giudizio che venisse accertata e dichiarata – ai sensi del D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 27, comma 1 – la nullità dei (cinque) contratti di somministrazione stipulati a decorrere dal (OMISSIS) e succedutisi negli anni 2011 e 2012, con la conseguente costituzione di un rapporto di lavoro direttamente in capo all’impresa utilizzatrice.

Ne deriva che la fattispecie dedotta è costituita da contratti di somministrazione a tempo determinato, i quali, come tutti i contratti con predeterminazione di una data scadenza, cessano al maturare del termine senza bisogno di recesso alcuno.

Non si vede, pertanto, come si possa far decorrere il termine di decadenza, di cui alla L. n. 604 del 1966, art. 6, da una comunicazione che per legge non è necessaria; nè una tale necessità può desumersi dalla norma di cui alla cit. L. n. 183, art. 32, comma 4, lett. d), che non ha previsto in capo all’utilizzatore l’onere di comunicare la scadenza del rapporto, sicchè deve ritenersi che l’estensione alle ipotesi di cui alla lettera d), fra cui la somministrazione irregolare, delle disposizioni della L. n. 604 del 1966, art. 6, come modificato dal comma 1 del medesimo art. 32, non includa la decorrenza del termine “dalla ricezione” di una comunicazione in forma scritta, strettamente e unicamente connessa al licenziamento.

In tal senso si è già pronunciata questa Corte con la recente sentenza n. 2420/2016, alla quale, pertanto, si ritiene di dover dare continuità.

Quanto al secondo motivo, ne è ugualmente palese l’infondatezza.

Ed invero la norma di cui al comma 1 bis dell’art. 32, la cui ratio ispiratrice si rinviene nell’opportunità di assicurare ai lavoratori e ai loro difensori un periodo di tempo per l’adeguamento alla nuova e più rigorosa disciplina, che espone il dipendente licenziato all’onere di ben due diversi termini di decadenza, dispone esclusivamente il differimento (al 31/12/2011) del termine di impugnazione del licenziamento, come è reso evidente dall’inciso “relative al termine di sessanta giorni per l’impugnazione del licenziamento” con portata delimitativa delle disposizioni di cui alla L. 15 luglio 1966, n. 604, art. 6, comma 1.

Ne consegue che i rapporti di somministrazione, conseguenti ai contratti stipulati il (OMISSIS), in quanto sorti successivamente all’entrata in vigore della L. n. 183 del 2010, risultano interamente soggetti al nuovo regime delle decadenze dalla stessa introdotto, dovendosi intendere differito (e decorrente dall’1/1/2012) il solo termine per l’impugnazione.

Risulta, quindi, esente da censure la sentenza impugnata laddove la Corte territoriale, confermando la pronuncia di primo grado, ha accertato che l’impugnazione è avvenuta con lettera spedita il 17/4/2013 e conseguentemente rilevato l’avvenuta decadenza dell’appellante dal relativo potere.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

Il ricorrente, ammesso al patrocinio a spese dello Stato, non è tenuto, nonostante il rigetto dell’impugnazione, al versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato previsto dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater (cfr., fra le altre, Cass. 2 settembre 2014 n. 18523).

P.Q.M.

la Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in Euro 100,00 per esborsi e in Euro 3.500,00 per compenso professionale, oltre rimborso spese generali al 15% e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 22 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 10 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA