Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22926 del 29/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 29/09/2017, (ud. 28/06/2017, dep.29/09/2017),  n. 22926

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMOROSO Giovanni – Presidente –

Dott. CURCIO Laura – Consigliere –

Dott. MANNA Antonio – rel. Consigliere –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12513-2012 proposto da:

C.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G.G. BELLI 27,

presso lo studio dell’avvocato PAOLO MEREU, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato ALESSANDRO MAGER, giusta delega in

atti;

– ricorrente –

contro

A.M.A.I.E. S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PACUVIO 34, presso lo studio

dell’avvocato GUIDO ROMANELLI, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato GIAMPIERO LUPI, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 255/2012 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 07/03/2012 R.G.N. 577/2011.

Fatto

RILEVATO

che con sentenza pubblicata il 7.3.12 la Corte d’appello di Genova rigettava il gravame di C.S. contro la sentenza n. 220/11 del Tribunale di Sanremo, che ne aveva respinto la domanda intesa ad ottenere il riconoscimento dell’inquadramento nel livello BSS del c.c.n.l. lavoratori elettrici e la condanna di A.M.A.I.E. S.p.A. al pagamento delle conseguenti differenze retributive;

che per la cassazione della sentenza ricorre C.S. affidandosi a cinque motivi con i quali si duole di violazione o falsa applicazione degli artt. 112 e 414 cod. proc. civ.per avere la sentenza impugnata erroneamente ravvisato una carenza di allegazione in tema di mansioni svolte per conseguire il superiore livello di inquadramento, nonchè di vizio di motivazione;

che A.M.A.I.E. S.p.A. resiste con controricorso;

che nelle more, in data 5.6.17, la ricorrente ha notificato alla controricorrente atto di rinuncia al ricorso, rinuncia cui ha aderito la società.

Diritto

CONSIDERATO

che l’intervenuta rinuncia al ricorso comporta ex art. 391 c.p.c. l’estinzione del presente giudizio di legittimità;

che non è dovuta pronuncia sulle spese, avendo la controricorrente aderito alla rinuncia.

PQM

 

dichiara estinto il giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 28 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 29 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA