Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22812 del 20/10/2020

Cassazione civile sez. I, 20/10/2020, (ud. 16/09/2020, dep. 20/10/2020), n.22812

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. MELONI Marina – rel. Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 21115/2015 proposto da:

S.F., S.G., S.S., D.F.N.,

queste ultime quali successori universali di Si.Gi.,

elettivamente domiciliati in Roma, Largo Temistocle Solera n. 7/10,

presso lo studio dell’avvocato Pirocchi Francesco, che li

rappresenta e difende unitamente all’avvocato Dalle Mule Luca, De

Cristofaro Marco, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

S.E., elettivamente domiciliata in Roma, Piazzale Clodio n.

12, presso lo studio degli avvocati Gianluca Benvenuti, e Bellardini

Emanuela, rappresentata e difesa dall’avvocato Giordano Daniela,

giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2275/2015 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 20/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/09/2020 dal cons. Dott. MELONI MARINA;

lette le conclusioni scritte del P.M. in persona del Sostituto

Procuratore Generale Dott. Ceroni Francesca, che ha chiesto alla

Corte di Cassazione, riunita in camera di consiglio, il rinvio del

ricorso sopra precisato in pubblica udienza.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte,

Letti gli atti del ricorso nr 21115/2015.

rilevato che appare opportuno trattare il ricorso in pubblica udienza stante la novità delle questioni di diritto su conforme parere del PG.

P.Q.M.

Rinvia a nuovo ruolo per la trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, il 16 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 ottobre 2020

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA