Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2281 del 01/02/2010

Cassazione civile sez. lav., 01/02/2010, (ud. 15/12/2009, dep. 01/02/2010), n.2281

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROSELLI Federico – Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. STILE Paolo – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 21293/2006 proposto da:

Z.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G.

ZANARDELLI 36, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE GIULIO,

rappresentato e difeso dall’avvocato FIRRIOLO Francesco, giusta

delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato, che lo rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 324/2006 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 18/05/2006 R.G.N. 623/05;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

15/12/2009 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE NAPOLETANO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUZIO Riccardo, Che ha concluso per: in via principale

inammissibilità del ricorso, in subordine rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte di Appello di Genova respingeva l’impugnazione avanzata da Z.S. avverso la sentenza del Tribunale di Genova, che aveva dichiarato improponibile la sua azione, diretta ad ottenere il ripristino della pensione d’invalidità revocatagli, proposta nei Confronti del Ministero dell’Interno, e tanto perchè in precedente analoga controversia si era formato il giudicato sul difetto di legittimazione passiva del Ministero convenuto.

La predetta Corte di Appello, nel confermare la sentenza impugnata, premesso che inter partes era già intervenuta la Cassazione con sentenza 1673/04 che aveva accertato l’avvenuta formazione del giudicato sulla carenza di legittimazione passiva del Ministero in epigrafe, rigettava l’impugnazione perchè la domanda andava respinta essendo stato accertato, con sentenza passata in giudicato, che il Ministero dell’Interno non era legittimato passivo nella presente controversia.

Avverso tale sentenza propone ricorso per cassazione l’assistito sulla base di due censure.

Resiste con controricorso il Ministero intimato.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo il ricorrente, deducendo violazione dell’art. 2909 c.c., formula, a norma dell’art. 366 bis c.p.c., così come introdotto dal D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, il seguente quesito di diritto: “il contenuto della qualificazione giuridica di cosa giudicata ex art. 2909 c.c., attiene alla trattazione di diritti, con la conseguenza che le sentenze che assumono detto connotato, qualora statuiscono solo su questioni processuali, non possono impedire la riproposizione di diritti oggetto delle attività processuali con esse definite”.

Con la seconda censura il ricorrente, denunciando violazione o falsa applicazione della L. 29 dicembre 1990, n. 470, art. 3, comma 1 bis, in relazione alla L. 30 marzo 1971, n. 118, art. 2, comma 4, pone, ex art. 366 bis citato, il seguente quesito: “la disposizione della L. 29 dicembre 1990, n. 470, art. 3, comma 1 bis…… deve intendersi nel senso che fa salvi tutti i diritti acquisiti senza nulla specificare e/o limitare la “applicabilità” di detta salvezza dei diritti acquisiti alle sole ipotesi di trattamenti di pensione d’invalidità civile e rendita INAIL” conseguenti a diversi eventi invalidanti”.

Rileva la Corte che il ricorso è inammissibile.

Invero secondo giurisprudenza di questa Corte, condivisa dal Collegio, la prescrizione contenuta nell’art. 366 cod. proc. civ., comma 1, n. 3, secondo la quale il ricorso per cassazione deve contenere, a pena d’inammissibilità, l’esposizione sommaria dei fatti di causa, non può ritenersi osservata quando il ricorrente non riproduca alcuna narrativa della vicenda processuale, nè accenni all’oggetto della pretesa, limitandosi ad allegare, mediante “spillatura” al ricorso, l’intero ricorso di primo grado ed il testo integrale di tutti gli atti successivi, rendendo particolarmente indaginosa l’individuazione della materia del contendere e contravvenendo allo scopo della disposizione, preordinata ad agevolare la comprensione dell’oggetto della pretesa e del tenore della sentenza impugnata in immediato coordinamento con i motivi di censura (Cass. S.U. del 17 luglio 2009 n. 16628, sez. 3^, del 22 settembre 2009 n. 20393 e del 22 settembre 2009 n. 20395).

Nel caso di specie il ricorrente si è limitato, appunto, ad allegare, mediante “spillatura” al ricorso, stralci del ricorso di primo grado e del testo di tutti gli atti successivi, senza far seguire una parte espositiva esaustiva in via sommaria del fatto sostanziale e processuale nè in via autonoma prima dell’articolazione dei motivi, nè nell’ambito della loro illustrazione.

Il ricorso pertanto va dichiarato inammissibile.

Nulla deve disporsi per le spese del giudizio di legittimità ex art. 152 disp. att. cod. proc. civ., non trovando applicazione ratione temporis il disposto del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, art. 42, comma 11, convertito in L. 24 novembre 2003, n. 326.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Nulla per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 15 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 1 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA