Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22778 del 28/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 28/09/2017, (ud. 20/06/2017, dep.28/09/2017),  n. 22778

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4532-2016 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

NUOVA IMMOBILIARE SRL, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ANTON GIULIO BARRILI

N 49, presso lo studio dell’avvocato DANIEL DE VITO, che la

rappresenta e difende unitamente dall’avvocato VALERIO FREDA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 6890/48/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di NAPOLI, depositata il 10/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/06/2017 dal Consigliere Dott. CONTI ROBERTO

GIOVANNI.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

L’Agenzia delle entrate ha proposto ricorso per cassazione, affidato ad un unico motivo, contro la sentenza resa dalla CTR della Campania indicata in epigrafe che ha respinto l’appello proposto dall’Ufficio avverso la sentenza di primo grado con la quale era stato annullato l’avviso di accertamento notificato alla società Nuova Immobiliare srl relativo ad IRES e altri tributi per l’anno 2006.

La parte intimata si è costituita con controricorso.

Il procedimento può essere definito con motivazione semplificata. L’Agenzia prospetta la violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53. La CTR avrebbe dovuto dichiarare l’inammissibilità dell’appello, che si era limitato a riproporre il contenuto del ricorso introduttivo, contestando la validità degli avvisi di accertamento senza aggredire la sentenza impugnata nella parte in cui aveva individuato un preciso vizio di legittimità concernente la proponibilità del ricorso.

La censura è manifestamente infondata.

Diversamente da quanto prospettato dalla ricorrente, l’atto di impugnazione redatto dalla società contribuente rispondeva ai canoni di specificità ed adeguatezza richiesti dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, come puntualmente rilevato dalla CTR.

Ed invero, il giudice di primo grado aveva definito il giudizio in modo sfavorevole alla contribuente sul rilievo della tardività del ricorso introduttivo – cfr. Cass. n. 22510/2015, Cass. n. 27354/2013.

Orbene, il giudice di appello ha ritenuto l’erroneità della pronunzia di primo grado ed ha osservato che la contribuente aveva contestato la sentenza della CTP richiamando il tema della tempestività dell’istanza di adesione spedita entro il termine di legge anche se ricevuta successivamente alla scadenza dello stesso e della conseguente sospensione del termine per ricorrere in sede giurisdizionale. Ora, la CTR ha puntualmente evidenziato che l’appello della contribuente non poteva che risolversi nella riproposizione delle doglianze spiegate in primo grado contro la legittimità dell’accertamento che il primo giudice non aveva esaminato, decidendo la questione pregiudiziale concernente la tempestività del ricorso.

Non fondata risulta, peraltro, la censura laddove prospetta la motivazione apparente o nulla della sentenza impugnata che, per converso, ha accolto l’impugnazione valorizzando le doglianze prospettate dalla società contribuente.

Il ricorso va quindi rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano in favore della controricorrente come da dispositivo.

PQM

 

La Cote, visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio che liquida in favore della controricorrente in Euro 4500,00 per compensi, oltre il 15% per spese generali sui compensi, oltre accessori come per legge.

Motivazione Semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della sesta sezione civile, il 20 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA