Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22767 del 28/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 28/09/2017, (ud. 04/07/2017, dep.28/09/2017),  n. 22767

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Presidente –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. MOSCARINI Anna – rel. Consigliere –

Dott. SAIJA Salvatore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 3840-2015 proposto da:

G.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RENZO DA

CERI 195, presso lo studio dell’avvocato ALBERTO PUGLIESE,

rappresentata e difesa dagli avvocati FRANCESCO CAPUTO, ANNA LORIA

giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente-

contro

MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITA’ RICERCA (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 52/2014 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 16/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

04/07/2017 dal Consigliere Dott. ANNA MOSCARINI.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

CHE:

G.G. ricorre avverso la sentenza della Corte d’Appello di Catanzaro del 14/01/2014 con la quale è stata dichiarata l’inammissibilità dell’appello principale dei suoi genitori, essendo G. divenuto maggiorenne, non sanata dalla sua costituzione, peraltro solo con comparsa conclusionale, e l’inefficacia dell’appello incidentale tardivo del Miur;

rilevato che il ricorso è stato notificato all’Avvocatura distrettuale dello Stato di Catanzaro anzichè all’Avvocatura Generale dello Stato e che il Ministero non si è costituito;

visti il R.D. 30 ottobre 1933, n. 1611, artt. 11, e 18, secondo cui “Le citazioni, i ricorsi e qualsiasi altro atto di opposizione giudiziale devono essere notificati alle Amministrazioni dello Stato presso l’ufficio dell’Avvocatura dello Stato nel cui distretto ha sede l’Autorità giudiziaria innanzi alla quale è portata la causa, nella persona che le rappresenta secondo le norme organiche”;

ritenuto pertanto che la notifica del ricorso avrebbe dovuto effettuarsi presso l’Avvocatura Generale dello Stato e non già presso l’Avvocatura distrettuale (Cass., U, 5.1.2015, n. 608; Cass., 17.10.2014 n. 2270 “In materia di ricorso per cassazione proposto nei confronti della P.A. è nulla la notifica effettuata presso l’Avvocatura distrettuale anzichè presso l’Avvocatura generale dello Stato, sicchè ne è ammissibile la rinnovazione presso quest’ultima).

PQM

 

ordina la rinnovazione della notifica del ricorso all’Avvocatura Generale dello Stato nel termine di giorni sessanta dalla comunicazione della presente ordinanza e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 4 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA