Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22767 del 28/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 28/09/2017, (ud. 04/07/2017, dep.28/09/2017),  n. 22767

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Presidente –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. MOSCARINI Anna – rel. Consigliere –

Dott. SAIJA Salvatore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 3840-2015 proposto da:

G.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RENZO DA

CERI 195, presso lo studio dell’avvocato ALBERTO PUGLIESE,

rappresentata e difesa dagli avvocati FRANCESCO CAPUTO, ANNA LORIA

giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente-

contro

MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITA’ RICERCA (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 52/2014 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 16/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

04/07/2017 dal Consigliere Dott. ANNA MOSCARINI.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

CHE:

G.G. ricorre avverso la sentenza della Corte d’Appello di Catanzaro del 14/01/2014 con la quale è stata dichiarata l’inammissibilità dell’appello principale dei suoi genitori, essendo G. divenuto maggiorenne, non sanata dalla sua costituzione, peraltro solo con comparsa conclusionale, e l’inefficacia dell’appello incidentale tardivo del Miur;

rilevato che il ricorso è stato notificato all’Avvocatura distrettuale dello Stato di Catanzaro anzichè all’Avvocatura Generale dello Stato e che il Ministero non si è costituito;

visti il R.D. 30 ottobre 1933, n. 1611, artt. 11, e 18, secondo cui “Le citazioni, i ricorsi e qualsiasi altro atto di opposizione giudiziale devono essere notificati alle Amministrazioni dello Stato presso l’ufficio dell’Avvocatura dello Stato nel cui distretto ha sede l’Autorità giudiziaria innanzi alla quale è portata la causa, nella persona che le rappresenta secondo le norme organiche”;

ritenuto pertanto che la notifica del ricorso avrebbe dovuto effettuarsi presso l’Avvocatura Generale dello Stato e non già presso l’Avvocatura distrettuale (Cass., U, 5.1.2015, n. 608; Cass., 17.10.2014 n. 2270 “In materia di ricorso per cassazione proposto nei confronti della P.A. è nulla la notifica effettuata presso l’Avvocatura distrettuale anzichè presso l’Avvocatura generale dello Stato, sicchè ne è ammissibile la rinnovazione presso quest’ultima).

PQM

 

ordina la rinnovazione della notifica del ricorso all’Avvocatura Generale dello Stato nel termine di giorni sessanta dalla comunicazione della presente ordinanza e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 4 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA