Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22767 del 03/11/2011

Cassazione civile sez. trib., 03/11/2011, (ud. 29/09/2011, dep. 03/11/2011), n.22767

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MERONE Antonio – Presidente –

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Consigliere –

Dott. DIDOMENICO Vincenzo – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 22409-2009 proposto da:

C.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA G.A. PASQUALE 21, presso il sig. MARIO CAPRIOTTI, rappresentato e

difeso dall’avvocato BRUNI CIRIACO, giusta procura speciale in calce

al ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS) in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende,

ope legis;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

– ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza n. 98/2008 della Commissione Tributaria Regionale

di ANCONA del 28.5.08, depositata il 16/07/2008;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

29/09/2011 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO TERRUSI.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. RAFFAELE

CENICCOLA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che con sentenza 16.7.2008 la commissione tributaria regionale delle Marche, adita con appello dell’agenzia delle entrate nella controversia insorta tra C.L. e l’agenzia medesima, avente a oggetto avvisi di accertamento Iva, Irpef e Irap per gli anni 1998, 1999, 2000, 2001 e 2002, in parziale accoglimento dell’appello, ha riconosciuto la legittimità degli avvisi con riferimento ai ricostruiti maggiori ricavi, “salvo l’abbattimento dell’85% degli stessi, per ciascun anno d’imposta, a titolo di costi non documentati”;

che in proposito ha richiamato l’orientamento giurisprudenziale che reputa la deducibilità di costi non preclusa dalla violazione degli obblighi di tenuta e conservazione delle scritture contabili;

e, sulla considerazione di non condivisibilità della equazione dall’ufficio sostenuta – circa la corrispondenza al reddito imponibile dei prelievi aggiunti ai versamenti bancari, ha affermato non potersi ignorare, in sede di accertamento, l’entità dei costi sopportati nell’esercizio dell’impresa;

che ricorre per cassazione il C., articolando un motivo denunciante “nullità della sentenza per omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5 “, e l’agenzia delle entrate resiste con controricorso, nel quale propone altresì ricorso incidentale, pure affidato a un motivo denunciante insufficiente motivazione ai sensi del medesimo art. 360 c.p.c., n. 5;

– che, nella relazione depositata ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., si fa presente che “il ricorso principale è inammissibile, non risultando il motivo concluso da idoneo momento di sintesi diretto a evidenziare il fatto controverso decisivo sul quale la motivazione sarebbe da ritenere (secondo l’inammissibile congiunta doglianza) omessa, insufficiente e contraddittoria”;

– che il collegio condivide siffatta primaria considerazione;

che pertanto, ai sensi dell’art. 334 cpv. c.p.c., la relativa declaratoria incide – escludendola – sull’efficacia ricorso incidentale dell’agenzia, il quale risulta tardivamente proposto che l’esito del giudizio costituisce motivo di compensazione delle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi; dichiara l’inammissibilità del ricorso principale e l’inefficacia dell’incidentale tardivo, compensa le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 29 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 3 novembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA