Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22750 del 20/10/2020

Cassazione civile sez. trib., 20/10/2020, (ud. 27/02/2020, dep. 20/10/2020), n.22750

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. MUCCI Roberto – Consigliere –

Dott. MELE Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 877-2013 proposto da:

BPM SRL, elettivamente domiciliato in ROMA VIA TIBULLO 10, presso lo

studio dell’avvocato MARCO ANTONIO SAPONARA, che lo rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA ENTRATE, DIREZIONE PROVINCIALE UFFICIO DI MATERA, in persona

del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 215/2011 della COMM. TRIB. REG. di POTENZA,

depositata il 07/11/2011;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

27/02/2020 dal Consigliere Dott. FRANCESCO MELE.

Per la cassazione della sentenza della commissione tributaria

regionale della Basilicata n. 215/1/2011, depositata il 7.11.2011,

non notificata.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

27 febbraio 2020 dal relatore, cons. Francesco Mele.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

– B.P.M. srl proponeva ricorso avverso avviso di accertamento in tema di IVA per l’anno 2003 deducendo la inesistenza giuridica della notifica e la violazione, nel merito, dello statuto del contribuente (art. 12, comma 7), per non essere stato, l’atto impositivo, preceduto da alcun processo verbale e per essere stato il medesimo atto notificato prima del decorso di giorni 60 dalla conclusione dell’attività istruttoria.

– Per resistere al ricorso, del quale chiedeva il rigetto, si costituiva l’Agenzia delle Entrate.

– La commissione tributaria provinciale di Matera rigettava il ricorso con sentenza, che, gravata di appello dalla società contribuente, era confermata dalla commissione tributaria regionale con la sopra menzionata sentenza.

– Per la cassazione di tale sentenza la società contribuente propone ricorso affidato ad un unico motivo.

– Resiste con controricorso l’Agenzia delle Entrate.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– Il ricorso è proposto per il seguente motivo “In relazione all’art. 360 c.p.c. n. 5, per insufficiente e contraddittoria motivazione su punti decisivi della controversia, falsa applicazione della Legge n. 212 del 2000, art. 12, quale conseguenza della lesione dei diritti e delle garanzie riconosciuti dalla legge ai contribuenti sottoposti a verifica fiscale.”

Premesso che il ricorso è incentrato esclusivamente sulla mancata redazione del PVC, risultando abbandonata la questione pregiudiziale dedotta in entrambi i gradi del giudizio di merito – relativa alla irregolarità della notifica, osserva il collegio che il ricorso non è accoglibile.

– E’ opportuno riassumere i fatti di causa.

– L’amministrazione finanziaria ha notificato alla contribuente invito a presentarsi nei propri uffici ed esibire documentazione contabile e fiscale per l’anno 2003; quindi è stato formato e notificato l’avviso di accertamento, senza che tale atto fosse preceduto -è, questo, il contenuto della censura che la contribuente muove alla sentenza impugnata – dalla redazione del PVC, necessario tutte le volte in cui l’atto impositivo derivi da una attività istruttoria posta in essere dalla amministrazione.

– A parte profili di inammissibilità del motivo, ravvisabili nella mescolanza e sovrapposizione di mezzi di impugnazione eterogenei (vizio motivazionale e violazione di legge), osserva il collegio -in conformità a quanto stabilito dalle sezioni unite di questa Corte (9.12.2015 n. 24823; conf. 30.12.2015 n. 26117) – che in tema di tributi armonizzati quale è l’IVA, come nella specie, la violazione dell’obbligo del contraddittorio endoprocedimentale comporta l’invalidità dell’atto, a condizione che, in giudizio, il contribuente assolva l’onere di enunciare in concreto le ragioni che avrebbe potuto far valere, qualora il contraddittorio fosse stato tempestivamente attivato, e che l’opposizione di dette ragioni (valutate con riferimento al momento del mancato contraddittorio) si riveli non puramente pretestuosa e tale da configurare, in relazione al canone generale di correttezza e buona fede ed ai principi di lealtà processuale, sviamento dello strumento difensivo rispetto alla finalità di corretta tutela dell’interesse sostanziale, per le quali è stato predisposto.

– Nella specie, la società ricorrente nessuna ragione ha prospettato nel senso richiesto dalla giurisprudenza appena citata, limitandosi a dedurre la violazione dell’art. 12 dello statuto del contribuente.

– Il ricorso va dunque rigettato.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese che liquida in Euro seimila oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 27 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA