Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22683 del 19/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 19/10/2020, (ud. 15/09/2020, dep. 19/10/2020), n.22683

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. SCOTTI Umberto L.C.G. – Consigliere –

Dott. PARISE Clotilde – rel. Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 351-2020 proposto da:

C.F. difensore di L.O., B.E.,

L.M., L.I., C.S., elettivamente domiciliato in

ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso da se medesimo;

– ricorrente –

contro

BANCO POPOLARE SOC. COOP., BANCO BPM SPA;

– intimate –

avverso l’ordinanza n. 31563/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 03/12/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 15/09/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CLOTILDE

PARISE.

 

Fatto

RITENUTO

che:

con ricorso per correzione di errore materiale ex artt. 391-bis e 287 c.p.c., l’avv. Filippo Castaldi, quale difensore di se stesso e quale difensore di L.I., L.M., nonchè degli eredi di C.F. B.E., L.O. e C.S., ha chiesto emendarsi l’ordinanza della Prima Sezione civile di questa Corte n. 31563 del 10 settembre 2019, depositata il 3 dicembre 2019, per omessa distrazione delle spese in suo favore; spese liquidate in Euro 10.000,00 per compensi, oltre alle spese generali (15%), agli esborsi in Euro 200,00 e agli accessori di legge, in favore degli assistiti L.I., L.M. ed a B.E., L.O. e C.S., gli ultimi tre quali eredi di C.F., controricorrenti nel giudizio definito con l’anzidetta ordinanza;

non hanno svolto attività difensiva in questa sede gli intimati Banco Popolare Soc. Coop. e Banco BPM s.p.a., in cui si è fuso il Banco Popolare, sede di Milano;

è stato ritualmente comunicato il decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

in caso di omessa pronuncia sull’istanza di distrazione delle spese il rimedio esperibile è costituito dal procedimento di correzione degli errori materiali e il difensore è legittimato a proporre il relativo ricorso se nel corso del giudizio ne aveva formulato specifica richiesta (tra le altre, Cass. n. 3566/2016);

l’avv. C., come risulta dal controricorso di L.I., L.M. e di B.E., L.O. e C.S., gli ultimi tre quali eredi di C.F., nel giudizio definito dall’ordinanza della Prima Sezione civile di questa Corte n. 31563 del 2019, aveva chiesto la distrazione delle spese e delle competenze professionali, come da conclusioni, rassegnate nel controricorso e nella memoria illustrativa, del seguente tenore: “Con condanna della ricorrente alle spese e ai compensi di causa, oltre accessori, con attribuzione al sottoscritto avvocato, antistatario”;

il ricorso è, pertanto, manifestamente fondato e l’ordinanza n. 31563 del 2019 di questa Corte va corretta, nel suo dispositivo, nel senso che le spese liquidate in favore dei controricorrenti L.I., L.M., B.E., L.O. e C.S. devono essere distratte in favore dell’avv. C.F.;

nel procedimento di correzione degli errori materiali di cui agli artt. 287 e 391-bis c.p.c., non è ammessa alcuna pronuncia sulle spese processuali (tra le tante, Cass. n. 21213/2013).

P.Q.M.

accoglie il ricorso e dispone che l’ordinanza della Prima Sezione civile di questa Corte n. 31563 del 10 settembre 2019, depositata il 3 dicembre 2019, venga corretta, nel dispositivo- pag. n. 6 -, con l’aggiunta, dopo l’espressione “oltre accessori di legge” e prima del punto, di quanto segue: “, con attribuzione all’avv. C.F., dichiaratosi antistatario.”.

Manda alla Cancelleria per l’annotazione della presente ordinanza in calce all’ordinanza n. 31563/2019 di questa Corte depositata il 3 dicembre 2019.

Così deciso in Roma, il 15 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 19 ottobre 2020

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA